Non è vero che le cose belle si fanno solo a Berlino o Londra, le cose belle le fanno succedere le persone in gamba e a Torino di persone magiche in questi due anni ne ho incontrate tantissime.

Sentieri di innovazione

22 giorni fa a Torino stavo correndo dietro gli ultimi preparativi per Sognando la realtà: abbiamo le ciabatte? Le canaline ci sono? Gli espositori hanno mandato conferma delle attrezzature? Il piano logistico è pronto? Quanti volontari abbiamo?

Sì, in quel nuvoloso pomeriggio ho realizzato uno degli eventi più belli della mia vita: Sognando la realtà è quello che non ti aspetti da un gruppo di ragazzi che di giorno lavorano e studiano e la sera danno vita al primo appuntamento dove realtà virtuale, storytelling e tecnologia si incontrano.

Non è vero che le cose belle si fanno solo a Berlino o Londra, le cose belle le fanno succedere le persone in gamba e a Torino di persone magiche in questi due anni ne ho incontrate tantissime.

Qualcuno è stato un mentore, qualcuno un amico, tantissimi sono stati dei compagni di avventure e sventure.

Qualcuno come Valentina e Marco continuano su un percorso tracciato e proprio qualche giorno fa hanno riunito 60 sviluppatori per risolvere i problemi che ogni giorno affronta il team di Google: questa è Hashcode! Vittorio da narratore letterario è diventato narratore di innovazione, Alex riscrive il mondo dell’e-commerce in una fantastica startup, Pierpaolo unisce persone e dà loro la possibilità di organizzare eventi fantastici come TEDxTorino, Peter parte per la Silicon Valley, e chissà che non si fermi abbastanza per andarlo presto a trovare.

Cosa ci unisce?

Probabilmente da lettore ti starai domandando chi sono i vari Pierpaolo, Marco e tutti le persone che spesso menziono: per me sono stati dei compagni in questi due anni, ma soprattutto sono persone che hanno deciso di scommettere su un sentiero di innovazione, quello di chi preferisce evitare le strade già tracciate e provare cammini nuovi che conducono a nuove scoperte e nuovi scenari.

Con questo articolo voglio innanzitutto ringraziare loro per avermi accompagnato e per avermi indirizzato e sostenuto: oggi parto per una nuova avventura che ancora una volta ha l’idea, la finalità e l’obiettivo di cambiare la vita delle persone, il modo in cui gestiamo il denaro e la visione che abbiamo delle banche.

“Change will not come if we wait for some other person or some other time. We are the ones we’ve been waiting for. We are the change that we seek.” — Barack Obama

Mettici la faccia

In tutte queste foto ci abbiamo messo la faccia, perché crediamo nel cambiamento e vogliamo raccontarlo ed è questo che mi ha spinto a partire.

Ci vuole coraggio, ancora di più se lo fai dieci giorni dopo una delle tue più grandi soddisfazioni: il settore è il fintech, mi troverete ad Amsterdam a dare una mano a chi condivide la mia stessa visione del futuro.

Racconterò il fintech, la vita di una startup internazionale, ma anche una delle capitale Europee dell’innovazione dove persone da tutto il mondo si incontrano: vi aspetto a bunq.

PS. Posso insegnarvi qualcosa? Certamente no, ma posso darvi un consiglio, metteteci anche voi la faccia, se credete in qualcosa e ne siete appassionati fatelo sapere a tutti.