Il mistero di Arp 299

Quanti buchi neri ci sono?

A volte gli astronomi si fanno domande piuttosto semplici, a livello quasi terra terra (se così si può dire). Nel caso del sistema chiamato Arp 299, che mostra due galassie in collisione, ci si può domandare se la radiazione ad alta energia espulsa dal centro del sistema sia dovuta alla presenza di un buco nero, oppure se i buchi neri sono due.

Per fare luce su questo dilemma, gli astronomi hanno puntato gli occhi di strumenti fondamentali quali NuSTAR e di Chandra — ambedue operanti dallo spazio — su questa coppia enigmatica di galassie in collisione, fonte di tutta questa radiazione in uscita. Di fatto, le galassie di cui si compone Arp 299 risultano impegnate da milioni di anni in un aspro combattimento gravitazionale, mentre i buchi neri al loro centro — sempre se ci sono tutti e due— si apprestano ad affrontare un combattimento tutto loro, che potrà portare ad un sistema binario di buchi neri.

Nell’immagine ad alta risoluzione, presa da Hubble, è stata sovraimposta (in falsi colori) la radiazione diffusa in banda X come rilevata da NuSTAR. Per ora si scorge l’evidenza diretta di un solo buco nero, ma gli astronomi continuano a cercare, per capire veramente la natura di questo sistema.

Come va a finire, però, è abbastanza certo: in un miliardo di anni, più o meno, avremo la completa fusione delle due galassie. Con l’aggiunta di un buco nero centrale, di massa veramente enorme: immaginate, un oggetto denso e compatto, scuro, che però “pesa” milioni e milioni di volte il nostro Sole.

Anzi no, lasciate stare — non possiamo immaginarlo.

A volte infatti la realtà supera la fantasia. Questa è, appunto, una di quelle…