La Terra vista dall’Apollo 10

Era il 18 maggio del 1969, allorquando…

Come corre il tempo! E’ passato quasi mezzo secolo, ormai, dal momento in cui questa storica immagine venne acquisita, dall’equipaggio dell’Apollo 10.

Crediti immagine: NASA

Ad una distanza di quasi settantamila chilometri da casa, gli astronauti dell’Apollo 10 hanno preso questa bellissima immagine del nostro pianeta, che resta come testimonianza di un passaggio di epoca che possiamo a buona ragione definire storico.

Era infatti un momento particolare, un momento cardine della corsa allo spazio.

Il clima generale è ben noto, e lo ripercorriamo a volo d’uccello: la guerra fredda, il teatro della competizione che si sposta parzialmente (per nostra grande fortuna) verso l’esterno, verso lo spazio. E forse dobbiamo essere grati al cielo se questo braccio di ferro si è declinato, almeno in parte, verso la gara in chi va più lontano invece di chi è più armato o bravo a colpire.

Lo spazio è più bravo ad accogliere e contenere, di quanto possiamo fare noi, per certo.

L’Unione Sovietica aveva messo a segno diversi colpi in questa corsa allo spazio, condotta appunto per motivi molto meno scientifici di quanto si potrebbe oggi pensare (e perciò stesso, con molti più finanziamenti di quanto possa sperare ordinariamente l’impresa scientifica).

Mancava qualcosa, però. Mancava la realizzazione del sogno. L’uomo sulla luna, un equipaggio umano che cammina su un mondo alieno.

Chi avrebbe messo la bandiera sul suolo lunare, avrebbe avuto un ritorno di immagine strabiliante. Sappiamo come andò — la bandiera fu quella statunitense. L’Apollo 11 realizzò l’impresa, il 20 luglio del 1969, pochissimi mesi dopo questa foto, ci fu lo storico allunaggio.

Un’epoca nuova stava per cominciare.