Good luck!

Si potrebbe scrivere un libro che racconta delle nostre strade, che per tanto tempo abbiamo percorso insieme, ma ora— pare irreversibilmente — hanno preso dei percorsi diversi, e si sono divise senza alcuna possibilità di ritorno (salvo avvenimenti importanti che comportano la giusta presenza fisica).


Ora vi siete messi in gioco anche voi, e non potete + tiravi indietro, neanche di fronte all’evidenza.

Che, almeno per il momento, non vi dà ragione.


E’ giunto il momento di rimboccarvi le maniche, per far vedere che anche voi siete in grado di portare avanti quello che ora, per noi — dopo la perseveranza e costanza — ha raggiunto un equilibrio di spessore sia nei rapporti umani che nei risultati fin quì raggiunti nel nostro piccolo, frutto del buon seminare e di chi si espone in prima linea, ma anche di chi continua a lavorare umilmente e “dietro le quinte”, non perdendo mai di vista il principio per cui l’avventura ha avuto inizio.


Anche se la forma e la formula non è la stessa, se ci riuscirete potrete andarne fieri al pari di noi — come potrà esserne fiero anche il nostro Caro — .


Avete tutto il tempo che volete per rimediare — nonostante tutto — indipendentemente da come andrà il futuro prossimo e da com’è andato questo breve lasso di tempo che vi ha fatti conoscere.


Chissà cos’avrete architettato, raccontato, meditato nell’arco di questi anni: ora è giunto il momento di far vedere ciò che siete e quello che veramente valete, perchè le figuracce non sono gradite.


Quì contano i fatti, e i risultati.


Io — come altri — vi osservo con curiosità, procedere nel vostro percorso, augurandovi possa essere in salita nonostante le nuove difficoltà da cui non potete pensare di esserne immuni, che potranno andare al di là della gioia per quel breve fuoco di paglia che è stato quell’episodio di qualche settimana fa, e che ha generato uno spropositato audience a livello nazionale.


Ora la sentenza è tutta nelle vostre mani.

Ci riaggiorniamo tra qualche mese.

Buona fortuna.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.