In the upcoming years, robots will take 50% of the jobs that exist today: so what will we do?

ENGLISH | ITALIANO

It’s the year 2038, you’ve just been catapulted into the future, 20 years from now. You’re walking around your neighborhood and apart from noticing that cars are now driving themselves, you realise that many street corners are full of poor people, beggars.

However, when you make eye contact, you see that they aren’t just random strangers, but people you used to see on a daily basis.

There’s the shop assistant who used to work in the electronics store near your house; there’s the lady who cleaned the stairs of your apartment building; over there you catch a glimpse of your childhood friend who used to work as a delivery boy; oh, look, there’s your cousin who used to work in a call center.

How did they end up like this? They all endure the same misfortune: they lost their jobs to robots.

Ok, let’s leave that mental trip into the future and get back to the reality today.

Does this scenario seem too negative? Who knows! What we do know is that in the next 10–20 years, 49% of jobs will be replaced by robots.

Among other things, we’re not just talking about robots capable of moving packages from one room to another, but also able to carry out tasks that require resourcefulness.

These are real thinking machines.

These machines, compared to human workers, have several advantages:

  • they do not receive a salary;
  • they do not take breaks;
  • they do not go on vacation;
  • they do not get sick;
  • they do not go on maternity leave;
  • they do not strike.

This is music to the ears of employers and large companies!

From an economic standpoint, the annual salary of these 49% of human workers — replaceable by robots — is estimated to be of 16.000 trillion dollars.

A frightfully large number.

A.I. will revolutionize the world of work. What jobs will we have to say “goodbye” to?

The technological advancements are allowing the automation of an increasing number of activities that up until today could only be carried out by human beings.

In the upcoming years, the following job positions are expected to disappear:

  • secretaries,
  • drivers;
  • supervisors;
  • cashiers;
  • store sales assistants;
  • managers;
  • qualified nurses;
  • salespeople;
  • elementary school teachers;
  • cleaners

And many other jobs too.

One of the sectors in which robots are already replacing humans, is that of customer assistance and call centers.

According to a research carried out by Gartner, the bots will carry out 85% of the Customer Service interactions by the year 2020.

They will be able to imitate human conversations, give meaningful speeches contextualized in real time, with appropriate tone and with the ability to add thoughts in a continuous manner.

On the social side of things, Facebook customer support is now a job that is done by chatbots, that is, pre-set autoresponders.

Nowadays, more and more companies rely on chatbots to respond to user questions (this tool in addition to being used for customer support, is often also implemented in advertising campaigns).

Another area that will be hit will be that of the secretaries/assistants.

A few months ago Google, with its assistant-robot “Duplex” gave evidence of how advanced the experimentation in this field is.

During the demonstration, the robot booked a haircut appointment (calling a hairdresser) and then a table at a restaurant for a dinner.

In both scenarios, the person on the other side of the line never realized that they were talking to a machine!

This was all done without any human intervention. No buttons were pressed, no clicks, the robot knew exactly what to do.

Another sector “at risk” is that of drivers.

Technology today already allows cars to drive themselves, better than a human being ever could. What will happen when ALL cars will drive themselves?

In the USA alone the number of professional drivers is around 2.5% of the population, and in Europe the number is similar.

These are some examples of how robots and artificial intelligence will inevitably lead to the dismissal of many workers in the upcoming years (and perhaps that “trip into the future” that we took you on at the beginning of this article wasn’t too far from the reality that awaits us…).

But at this point, the main question is:

What will happen to all those who will lose their jobs?

New jobs we cannot even imagine right now will have been invented

Some of these will be somehow related to the robots, generally speaking jobs will be invented in the digital-technological field.

According to the US Bureau of Labor Statistics and the Fast Future Research company, robotics and artificial intelligence will take over in many fields; this will lead to the creation, from now until the year 2030, of new professional figures and new demands in terms of the skills required by the companies.

These new jobs, however, will require very advanced technical skills and an ever-decreasing number of people involved in those tasks.

Therefore, the future situation in the workplace doesn’t seem to be promising: it’s very probable that many workers will not be able to find another job easily and will have to “start from scratch” in order to specialize and find a new job (without taking into account that companies usually prefer to hire young people).

The biggest concern is that many people don’t even realize that the robots will create an awful lot of unemployment.

What’s the Universal Basic Income and how it could be the solution to this problem?

Foreword. The dystopian journey into the future that you went on at the beginning of this article lacked an important detail that (fortunately) made that scenario far-fetched.

In fact, it did not take into consideration the fact that hopefully in the coming decades, even those who have lost their jobs will be able to receive money in order to live.

How? The idea is called “Universal Basic Income” (UBI), which is a sort of monthly income for all individuals, regardless of their social condition or their job, which allows them to cover the basic expenses needed to lead a dignified life.

So it is a sort of “monetary provision”, given at regular time intervals (for example, monthly or yearly) distributed by the state to all the individuals of the country.

This amount that is received can be combined with other incomes, so it is paid to both the employed and the unemployed, regardless of gender, religious belief and social position.

You have the right to it for the rest of your life and the basic purpose, as mentioned above, is to ensure that everyone can lead a dignified life and not find yourself in a situation of poverty.

In this new scenario where artificial intelligence is destined to increase unemployment (and therefore poverty) to percentages never before seen, this idea has been re-launched by many important figures. Politicians, economists and entrepreneurs in the technology sector increasingly support the idea of a UBI, as a necessary remedy for the sustainability of the present and future human civilization.

In fact, the UBI stands as a solution to a real existing problem-question: “How can we have sustainable societies if most of the consumers do not have the sufficient income to buy products and services?”.

UBI: an idea thought of many years ago

This idea was formed in the eighteenth century with the aim of reducing poverty and inequality. Over the years, the most excellent minds of our time expressed favorable opinions about the UBI.

Among the many who have spoken favorably, we mention: Thomas Paine (one of the founding fathers of the United States), Milton Friedman (Nobel Prize in Economics in 1976) and Martin Luther King (politician and activist).

And more recent years: Mark Zuckerberg (Facebook founder), Elon Musk (founder of Paypal, Tesla, SpaceX), Richard Branson (founder of Virgin).

From a legislative point of view, even Art. 25 of the Universal Declaration of Human Rights refers to a similar right:

“Everyone has the right to a standard of living adequate for the health and well-being of himself and of his family, including food, clothing, housing and medical care and necessary social services […]”

But is the UBI really achievable (and where will the money come from)?

Well yeah, the basic idea is intriguing and has many admirers, but is this idea concretely feasible or will it continue to be just a utopian dream?

Not only is it achievable, but it has already been tested in some countries.

In fact, the Universal Basic Income — in its various possible configurations — has already been tested in over 14 countries, at a national or local level, including Canada, India, Brazil, Finland, Holland, etc.

The most relevant results:

  • Hospitalization rates dropped by 8.5%;
  • No negative effects in the workplace, only two demographic groups worked less than before: women who extended their maternity leave and younger workers;
  • The rate of completion of higher education for young people increased (instead of interrupting their education to go and work);
  • NO increase in alcohol consumption;
  • Improved nutrition and healthier diets;
  • People were 3 times more likely to start their own business.

As we can see from the data available, the advantages of the experiments carried out are substantial.

But let’s see now where the money could come from in order to implement this system.

Various sources of funding have been proposed in the past years, including:

  • The reduction or removal of the current welfare systems;
  • Income tax;
  • Tax on consumption (VAT);
  • Monetary reforms;
  • Other taxes;
  • Reduction of medical costs;
  • Taxing the data giants.

What is immediately noticeable is how most of the funding strategies taken into consideration have two major intrinsic problems:

  1. Local solutions: they would have to be applied country by country, it is not a single universal solution, applicable and scalable all over the planet.
  2. Complex implementation: They are all solutions that would depend on governments. They are not applicable to everyone in the same way. Therefore they would bring about complicated and different tax or economic reforms.

These funding problems contribute to making the UBI difficult to apply.

The need to develop a new concept of UBI (inspired by the Alaskan model)

One of the most successful UBI models is that of Alaska, where a fund financed by the state’s oil boom, pays a dividend to every citizen over $2,000 a year.

Not all states, however, have oil reserves with which they can finance a UBI for its population.

But let us learn from this model based on oil.

Today there is a resource that has surpassed it in value (and that does not need an oil reserve) enough to be called the new oil (if you read the previous articles you already know what I mean).

This resource is DATA.

Some say that in fact: “Data is the new oil”. Data is the new oil, the new black gold.

If you want to know more about why our data is the “new black gold”, and we just don’t realize it, read this article.

This is the new big challenge: to combine the concept of UBI with the data universe.

We will start off talking about this in the next article.

We are about to take the first steps of what will be a world-wide revolution.

If you are interested and want to stay updated on these issues, don’t miss the next article!

👏 If you liked this article, don’t forget to give us your 50 CLAPS! 👏

Click here to join Hudi’s Telegram Community and see you soon.

Connect or contribute

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn


Se entro i prossimi anni il 50% dei lavori che esistono oggi sarà svolto dai robot: noi cosa faremo?

Anno 2038, sei stato appena catapultato di 20 anni nel futuro. Stai passeggiando nei dintorni di casa tua ed oltre a renderti conto che le macchine si guidano da sole, agli angoli delle strade noti tanti poveri, mendicanti.

Quando incroci i loro sguardi, però, vedi che non sono sconosciuti, anzi, sono persone che prima incontravi tutti i giorni.

C’è il commesso del negozio di elettronica sotto casa; c’è la signora che puliva le scale del tuo condominio; c’è il tuo amico di infanzia che lavorava come fattorino; c’è anche tua cugina che lavorava come centralinista in un call center.

Come hanno fatto a ridursi così?

Tutti uniti dalla stessa disgrazia: hanno perso il lavoro a causa di un robot.

Ok, usciamo dal trip mentale e torniamo alla realtà di oggi.

Questo scenario è troppo negativo? Chi può dirlo, quello che sappiamo è che da qui ai prossimi 10/20 anni, il 49% dei lavori sarà sostituito dai robot.

Tra l’altro, non si parla solo di robot in grado di spostare un pacco da un corridoio all’altro, ma anche capaci di svolgere compiti dove serve l’ingegno.

Si tratta di vere e proprie macchine pensanti.

Queste macchine, rispetto ai lavoratori umani, hanno diversi vantaggi:

  • non percepiscono stipendio;
  • non fanno pause;
  • non vanno in ferie;
  • non si ammalano;
  • non vanno in maternità;
  • non fanno scioperi.

Questa è musica per le orecchie dei datori di lavoro e per le grandi aziende!

Dal punto di vista economico, lo stipendio annuo di questo 49% di lavoratori sostituibile dai robot è calcolato in 16mila miliardi di dollari.

Una cifra spaventosamente grande.

L’ I.A. rivoluzionerà il mondo del lavoro - A quali occupazioni dovremo dire “addio”?

L’avanzare della tecnologia sta permettendo l’automazione di un sempre maggior numero di attività che fino ad oggi potevano essere svolte unicamente dall’uomo.

Si prevede che nei prossimi anni spariranno lavori come:

  • segretari,
  • autisti;
  • supervisori;
  • cassieri;
  • assistenti alle vendite nei negozi;
  • manager;
  • infermieri abilitati;
  • venditori;
  • insegnanti di scuola elementare;
  • addetti alle pulizie.

E tante altre mansioni.

Uno dei settori in cui già da oggi troviamo dei robot che sostituiscono gli umani, è quello dell’assistenza clienti e dei call center.

Secondo una ricerca di Gartner, i bot alimenteranno l’85% delle interazioni del Servizio Clienti entro il 2020.

Imitando le conversazioni umane, facendo discorsi di senso compiuto contestualizzati al momento, con tono adeguato e con la capacità di aggiungere pensieri in maniera continua.

Lato social, l’assistenza clienti su Facebook è ormai un lavoro che svolgono i chatbot, ovvero degli autoresponder preimpostati. Ormai sono sempre di più le aziende che si affidano al chatbot per rispondere alle domande degli utenti (questo strumento oltre ad essere utilizzato per assistenza clienti, spesso viene implementato nelle campagne pubblicitarie).

Un altro settore che verrà colpito sarà quello dei segretari/assistenti.

Qualche mese fa Google, con il suo assistente-robot “Duplex” ha dato prova di quanto sia in fase avanzata la sperimentazione in questo campo.

Durante le telefonate di dimostrazione, il robot prenotava un taglio di capelli (chiamando una parrucchiera) e poi un tavolo al ristorante per una cena. In entrambi i casi, la persona dall’altra parte della linea non si è mai resa conto di parlare con una macchina!

Il tutto senza alcun intervento dell’uomo. Nessun bottone pigiato, nessun click, il robot sapeva perfettamente cosa fare.

Un altro settore “a rischio” è quello degli autisti.

La tecnologia attuale permette già oggi alle auto di guidarsi da sole, meglio di come possa guidarle un essere umano. Cosa succederà quando le auto si guideranno TUTTE da sole?

Solo in USA il numero di autisti di professione è il 2,5% della popolazione, e in Europa il dato è analogo.

Questi sono alcuni alcuni esempi di come i robot e l’intelligenza artificiale inevitabilmente porteranno al licenziamento di moltissimi lavoratori nei prossimi anni

(e forse quel “viaggio nel futuro” in cui sei stato portato ad inizio articolo, non si allontanava troppo dalla realtà che ci aspetta…).

Ma a questo punto, la “domanda delle domande” è:

Cosa accadrà a tutti coloro che perderanno il lavoro?

Sicuramente ci saranno nuovi lavori, molti dei quali ad oggi non possiamo neanche immaginare. Alcuni di questi saranno in qualche modo legati ai robot, più in generale nasceranno lavori in ambito tecnologico-digitale.

Secondo il Bureau of Labor statistics del Dipartimento americano del lavoro e l’istituto di ricerca FastFuture, robotica e intelligenza artificiale subentreranno all’uomo in molti campi; questo porterà alla nascita, da qui al 2030, di nuove figure professionali e nuove esigenze in termini di competenze per le aziende.

Questi nuovi lavori, però, richiederanno competenze tecniche molto avanzate ed un numero di persone addette a quelle mansioni sempre minore.

Dunque, lo scenario futuro sembra non essere dei più rosei: molti lavoratori probabilmente non troveranno facilmente un’altra occupazione e dovranno “ricominciare da zero” per specializzarsi e trovare una nuova occupazione (senza calcolare che le aziende solitamente prediligono assumere giovani).

La cosa più preoccupante è che in molti ancora non si rendono minimamente conto che i robot creeranno una marea di disoccupazione.

Cos’è l’Universal Basic Income e come potrebbe essere la soluzione a questo problema?

Premessa. Il viaggio distopico nel futuro di inizio articolo, mancava di un importante particolare che rende quello scenario (fortunatamente) inverosimile.

Infatti, non si prendeva in considerazione il fatto che auspicabilmente nei prossimi decenni, anche chi avrà perso il lavoro potrà ricevere del denaro per vivere.

Come? L’idea di base si chiama “Universal Basic Income” (UBI), ovvero una sorta di reddito mensile per tutti gli individui, a prescindere dalla propria condizione o dal proprio lavoro, che permette di coprire le spese fondamentali per condurre una vita dignitosa.

Dunque si tratta di una “erogazione monetaria”, a intervallo di tempo regolare (ad esempio mensile o annuale) distribuita dallo stato a tutti gli individui del paese.

Questa cifra che si riceve è cumulabile con altri redditi, dunque viene erogata sia ai lavoratori sia ai disoccupati, indipendentemente dal sesso, dal credo religioso e dalla posizione sociale.

Se ne ha diritto per tutta la vita e lo scopo fondamentale, come detto, è quello di garantire a tutti di poter condurre una vita dignitosa e di non cadere in povertà.

In questo nuovo scenario dove l’intelligenza artificiale è destinata a far salire la disoccupazione (e quindi la povertà) a percentuali mai viste prima, quest’idea è stata rilanciata da molte figure di rilievo.

Politici, economisti e imprenditori nel settore tecnologico sempre più spesso supportano l’idea di un UBI, come rimedio necessario per la sostenibilità della civiltà umana presente e futura.

Infatti, l’UBI si pone come soluzione ad un problema-interrogativo realmente esistente:

“Come potremmo avere società sostenibili se gran parte dei consumatori non avranno un reddito sufficiente per acquistare prodotti e servizi?”.

UBI: un’idea partita da lontano che trova tutti d’accordo

Questa intuizione nasce nel XVIII secolo con l’obiettivo di ridurre la povertà e la diseguaglianza.

Nel corso degli anni, le più eccellenti menti del nostro tempo hanno espresso pareri favorevoli riguardo ad un UBI.

Tra i tanti che ne hanno parlato favorevolmente, citiamo: Thomas Paine (uno dei padri fondatori degli Stati Uniti), Milton Friedman (Premio Nobel per l’economia nel 1976), Martin Luther King (politico e attivista).

E più recentemente: Mark Zuckerberg (fondatore di Facebook), Elon Musk (fondatore di Paypal, Tesla, SpaceX) e Richard Branson (fondatore di Virgin)

Da un punto di vista legislativo, anche l’Art. 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo fa riferimento ad un diritto simile:

“Everyone has the right to a standard of living adequate for the health and well-being of himself and of his family, including food, clothing, housing, and medical care and necessary social services[…]”.

Ma l’UBI è davvero realizzabile (e dove si trovano i soldi)?

Eh già, l’idea di base è intrigante e trova molti estimatori, ma è un’idea concretamente realizzabile o è destinata a rimanere utopia?

Non solo è realizzabile, ma è stata già sperimentata in alcuni paesi.

Infatti l’Universal Basic Income — nelle sue diverse configurazioni possibili — è stato già testato in oltre 14 paesi, a livello nazionale o locale, tra cui Canada, India, Brasile, Finlandia, Olanda, ecc.

I risultati più rilevanti riscontrati sono:

  • Ospedalizzazioni, ricoveri e degenze in ospedale scese dell’8,5%;
  • Nessun effetto negativo sul lavoro, solo due gruppi demografici hanno lavorato meno di prima: donne che hanno esteso la maternità e giovani lavoratori;
  • Aumento del tasso di completamento degli studi superiori per i giovani (invece di interromperlo per andare a lavorare);
  • Aumento della qualità dell’alimentazione;
  • Aumentata di 3 volte l’inclinazione delle persone ad iniziare un’attività propria;
  • Non è aumentato il consumo di alcool.

Come vediamo dai dati a disposizione i vantaggi degli esperimenti condotti sono stati sostanziali.

Ma vediamo ora dove prendere i soldi per attuare questo sistema.

Sono state proposte diverse fonti di finanziamento, tra cui:

  • Ridurre o rimuovere l’attuale sistema di previdenza;
  • Tasse sul reddito;
  • Tasse sul consumo;
  • Riforma monetaria;
  • Riduzione dei costi medici;
  • Tassare i Data Giants;
  • Altre tasse.

Salta subito all’occhio come la maggior parte delle strategie di funding prese in considerazione abbiano due grandi problemi intrinsechi:

  1. Soluzioni locali: sono da applicare paese per paese, non si tratta di un’unica soluzione universale, applicabile e scalabile in tutto il pianeta.
  2. Implementazione complessa: sono tutte soluzioni sulle spalle dei governi. Non sono applicabili da tutti allo stesso modo. Comportano quindi complicate e differenti riforme tributarie o economiche.

Questi problemi nel funding contribuiscono a rendere l’UBI ancora difficilmente applicabile.

La necessità di sviluppare un nuovo concetto di UBI (prendendo spunto dal modello dell’Alaska)

Uno dei modelli di UBI di maggior successo è quello dell’Alaska, dove un fondo finanziato dal boom del petrolio dello stato stesso, paga un dividendo a ogni cittadino di oltre 2.000$ all’anno.

Non tutti gli stati hanno però delle riserve petrolifere con cui finanziare un UBI per la propria popolazione.

Ma prendiamo spunto da questo modello che si basa sul petrolio. Oggi c’è una risorsa che ha sorpassato in valore il petrolio (e che non necessita di riserve petrolifere) tanto da essere definita il nuovo petrolio (se hai letto i precedenti articoli sai già a cosa mi riferisco).

Questa risorsa sono i DATI. Si dice infatti: “Data is the new oil”.

I dati sono il nuovo petrolio, il nuovo oro nero.

Se vuoi approfondire perché i nostri dati sono il “nuovo oro nero”, ma noi non ce ne rendiamo conto, ti consiglio di leggere questo articolo.

Questa è la nuova grande scommessa: unire il concetto di UBI con l’universo dei dati.

Proprio da qui ripartiremo nel prossimo articolo.

Stiamo per compiere i primi passi di quella che sarà una rivoluzione di portata mondiale. Se sei interessato e se vuoi rimanere aggiornato su queste tematiche, non devi assolutamente perderti il prossimo articolo!

👏Se quest’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di lasciarci i tuoi 50 CLAP! 👏

Clicca qui per entrare a far parte della Community Telegram di Hudi!

Ci vediamo prestissimo.

Seguici e Contribuisci

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn