HUDI Data Layer: this is how we will restore data control and its economic value back into the hands of its true owners (us users)

ENGLISH | ITALIANO

The HUDI ecosystem consists of several layers that form the “D.A.I.A.”, a set of interconnected structures that form the basis on which HUDI is developed. These structures, from the initials of the acronym DAIA, are:

  • Data Layer
  • Attention Layer
  • Interaction Layer
  • Action Layer

The DAIA is then regulated and secured by an additional layer, the Privacy Layer, thanks to which each user retains anonymity and absolute property of their resources, data and attention.

The first and most important level, which could be defined as the foundation of HUDI, is the Data Layer.

This layer is fundamental because, for the first time ever, it will allow the disintermediation of the data market, finally bringing control and economic value back to the users, the data owners.

The Data Layer consists of 4 main players:

  • Users
  • Data Buyers
  • Data Market
  • Data Collectors

In previous articles we explored the role of users in the gigantic world of data, and the market of Data Buyers and Data Brokerage.

Here and here you will find the articles we are talking about.

In this article we will focus on the Data Market and Data Collectors.

Data Market

According to the O’Reilly Radar analyst Edd Dumbill, the history of data markets dates back to the mid-1800s, when Paul Reuter, founder of Reuters media, began offering share prices between Paris and London. Despite being an ancient market, it has never stopped growing and to understand the size of the ecosystem that revolves around data today, just think that in 2016 and 2017 alone 90% of the total existing data was generated.

Today we are facing a new type of data market, now consolidated and with great potential, which collects various types of data, for different markets and from different sources.

In the normal economy of this market, data is sold or collected in order to build analysis software (for example, business intelligence aimed at advertising, starting from demographic data, personal information, research and market data).

These types of data can be mixed and structured in various ways by data providers, which they can then offer in specific formats to individual customers.

But who uses the data sold in these markets?

This data is used by different types of companies: government agencies, businesses and various types of analysts.

Data markets have grown disproportionately with the rise of big data, as the amount of data collected by governments, businesses, websites and services has risen dramatically and this has aided in the acknowledgement of data as a real resource.

From this perspective, the technological solutions proposed by HUDI want to enhance the main character, who up until now has been left aside and in a certain sense has been robbed of a series of proprietary and very important information, from the perspective of the new economy that is being created around them: we are talking about the users and their data.

At the base of every Hudi technology, in fact, the users are always present as is every personal feature that they can control, update and share according to specific rules.

Hudi does not intend to leave the users ‘by themselves’ in the collection and specification of their data, for this we have identified a new player that, operating in an active and proactive way for the users, can contribute to the collection of data, so as to increase the value of the users themselves: we’re talking about the Data Collectors.

Data Collectors

The Data Collectors will be represented by systems external to the Hudi ecosystem but will be appropriately connected to it with a extremely secure and reliable criteria.

This will be possible through the Hudi tools and obviously thanks to the choices made by the users themselves, who will give their consent, with the main objective of being able to see their data offer grow and be increasingly valued.

There are, in fact, different types of Data Collectors that depending on their sector can collect and process a certain type of data in a very precise way, and with it certain characteristics that combined with “simple profiling” will make the users and their data offer increasingly attractive to the Data Buyers.

The latter will in turn be able to benefit from a continuously updated offer aimed at their needs.

Today we are witnessing cohabitation and the presence of a multitude of Data Collectors with different and specific characteristics, which will be able to interact actively in the ecosystem created by Hudi.

To better understand the possibilities and the importance that data represents in the world market, we will try to observe and analyze two different players who perhaps are not commonly identified as “Data Collectors”.

Let’s talk about Nike and Netflix.

Nike, the next Data-Giant?

Nike dominates the world of sport and to reach its goal of 50 billion dollars of annual sales, it is changing the way it offers experiences and products to customers.

Progressively, to expand its ecosystem, Nike has entered into the realm of digital gadgets by introducing data collection chips into its products; for example, working alongside Apple, they created the Fuelband, a sort of movement tracker with many features.

Nike, in fact, has developed Apple mobile applications that work with accelerometers and sensors, to profile the user from a sporting point of view.

They have also developed their own software: the “Nike+” app platform, a personal assistant that not only tracks training but also creates a digital community, suggesting local events and connecting users with similar fitness regimens and workouts.

But Nike does not stop at a bracelet and an app, the leaders of the American multinational have gone much further: “why not incorporate sensors directly into clothing?”.

That was the moment is when a ‘new generation’ of clothing was born.

Technological clothes that can monitor body conditions during exercise to provide performance information, but at the same time can detect physical abnormalities that could prevent serious health problems (this could imply a possible entry of Nike into the health sector, in a near future).

A final decisive step was made by creating digitized shops that independently manage lighting, detect inventory throughput and communicate with users through their “Nike+” apps and beacon technology.

All this allows a general improvement of the store, a higher level of efficiency and an increase in sales.

Using digitalization to focus on personalized experiences, Nike continually improves its relationship with customers, always maintaining a leading position and, at the same time, becoming a sort of pioneer in promoting this kind of novelty.

Netflix as a Data Collector

Netflix now has about 130 million subscribers worldwide and thanks to this large user base, it collects a huge amount of data, ‘cross-checks’ (?) it and observes user trends to better understand what to offer and what to propose in the future.

Netflix controls all types of statistics, some of which at first might seem almost useless, but that actually allow the company to optimize its products.

Let’s see some of the data that Netflix takes into consideration:

  • the “completion rate” of the contents (films / series / documentaries) by the users;
  • when a pause is made during playback;
  • any common breakpoints for users;
  • on which day certain contents are watched;
  • the place where the contents are reproduced;
  • which device is used to watch content;
  • user ratings (around 4 million per day);
  • user searches (about 3 million a day);
  • credits display;
  • the rapid advancement of introductions and summaries;
  • navigation functionality, scrolling speed and any problems;

As a result, Netflix is able to observe user trends to better understand what to offer and make the right business decisions. For example, if Netflix knows that 70% of users have seen all the available seasons of a given series, they will probably be aiming to produce a new season, given that there is a good chance of success.

If, on the contrary, content has only been successful up to a certain point, but the completion rate is low and a good percentage of users have interrupted the vision, it means that, in some way, we need to change course and the company is studying in this case what did not work, to avoid such cases in the future.

Netflix knows that to become the new entertainment leader, it is essential to keep an eye on all this information and analyze it from various points of view.

This explains the rare cases of unsuccessful content proposed by Netflix; a company founded in 1997 as a DVD rental business, which in 2017 reached a turnover of 11.7 billion dollars and in 2018 will reach 15 billion dollars.

Nike and Netflix are just two examples of Data Collectors, data collection is a phenomenon that is literally changing our planet. The data market so far has left us users on the totem pole; yet it is from our data that everything starts from.

It is time to change the state of things, it is time to wake up and become aware of the fact that our data could soon become a source of income for us all.

How? Through a Human Data Income, through HUDI.

To see in detail how HUDI works and what benefits it will bring, read this article

👏We have reached the end of this article, if you found it interesting, give us all the CLAPS you want and continue to follow us. 👏

Join the revolution and our Telegram Community!

Connect or contribute

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn


HUDI Data Layer: così riporteremo il controllo e il valore economico dei dati nelle mani dei veri proprietari (noi utenti)

L’ecosistema HUDI è costituito da diversi layers che vanno a formare il ” D.A.I.A.”, un insieme di strutture interconnesse tra loro che costituiscono la base su cui prende vita HUDI. Queste strutture, dalle cui iniziali nasce l’acronimo DAIA, sono:

  • Data Layer
  • Attention Layer
  • Interaction Layer
  • Action Layer

Il DAIA viene poi regolamentato e reso sicuro tramite un ulteriore layer, il Privacy Layer, grazie al quale ogni utente conserva caratteristiche di anonimato e di proprietà assoluta delle proprie risorse, dati e attenzione.

Il primo e importantissimo livello, che potremmo definire come le fondamenta di HUDI, è il Data Layer.

Questo layer è fondamentale perché permetterà per la prima volta la disintermediazione del mercato dei dati, riportando finalmente il controllo ed il valore economico nelle mani degli utenti, proprietari dei dati.

Il Data Layer è composto da 4 player principali:

  • Users
  • Data Buyer
  • Data Market
  • Data Collectors

Nei precedenti articoli abbiamo già approfondito il ruolo degli utenti nel gigantesco mondo dei dati, e il mercato dei Data Buyer e del Data Brokerage. Qui e qui trovi gli articoli in cui ne parliamo.

In questo articolo ci concentreremo su Data Market e Data Collectors.

Data Market

Secondo l’analista di O’Reilly Radar, Edd Dumbill, la storia dei mercati dei dati risale alla metà del 1800, quando Paul Reuter, fondatore dei media Reuters, iniziò a offrire i prezzi delle azioni tra Parigi e Londra. Pur essendo un mercato antico, non ha mai smesso di crescere e per capire le dimensioni dell’ecosistema che ruota attorno ai dati oggi, basti pensare che solo negli anni 2016 e 2017 è stato generato il 90% dei dati totali esistenti.

Oggi siamo di fronte ad un nuovo tipo di mercato dei dati, ormai consolidato e dalle grandi potenzialità, che raccoglie vari tipi di dati, per mercati diversi e da diverse fonti.

Nella normale economia di questo mercato, i dati vengono venduti o prelevati per costruire prodotti di analisi (ad esempio, di business intelligence finalizzati alla pubblicità, partendo da dati demografici, informazioni personali, dati di ricerca e di mercato).

Questi tipi di dati possono essere mescolati e strutturati in vari modi dai fornitori di dati, che possono offrire in formati specifici per i singoli clienti.

Ma da chi sono utilizzati i dati venduti in questi mercati?

Da società di tutti i tipi: agenzie governative, aziende e molti tipi di analisti.

I mercati dei dati sono cresciuti a dismisura con la nascita dei big data, poiché la quantità di dati raccolti da governi, aziende, siti web e servizi, è salita drasticamente e ciò ha contribuito a riconoscere i dati come una vera a propria risorsa.

In quest’ottica, le soluzioni tecnologiche proposte da HUDI vanno a valorizzare il principale attore, che fino ad ora è stato lasciato da parte e in un certo senso derubato di una serie di informazioni proprietarie e importantissime, nell’ottica della nuova economia che sta nascendo intorno ad esse: parliamo dell’utente e dei suoi dati.

Alla base di ogni tecnologia di Hudi, infatti, troviamo sempre e comunque l’utente e ogni caratteristica personale che lui stesso può controllare, aggiornare e condividere secondo regole specifiche.

Hudi non intende lasciare “solo” l’utente nella raccolta e nella specificazione dei propri dati, per questo ha identificato un nuovo player che, operando in modo attivo e proattivo per l’utente, potrà contribuire alla raccolta dei dati, in modo da accrescere il valore dell’utente stesso: parliamo dei Data Collector.

Data Collectors

I Data Collectors saranno rappresentati da sistemi esterni all’ecosistema Hudi ma verranno opportunamente collegati ad esso con criteri di estrema sicurezza e affidabilità.

Ciò sarà possibile tramite gli strumenti Hudi e ovviamente grazie alla scelta degli utenti stessi, che forniranno il proprio consenso, con l’obiettivo principale di poter vedere la propria offerta di dati crescere e venire sempre più valorizzata.

Esistono, infatti, diversi tipologie di Data Collectors che a seconda del proprio settore possono raccogliere e trattare in modo molto preciso un certo tipo di dato, e con esso determinate caratteristiche che abbinate a “profilazioni semplici” renderanno l’utente e la sua offerta di dati sempre più appetibile per i Data Buyer.

Questi ultimi a loro volta potranno beneficiare di un’offerta sempre aggiornata e finalizzata alle loro esigenze.

Oggi assistiamo alla convivenza e alla presenza di una moltitudine di Data Collectors con diverse e specifiche caratteristiche, che potranno interagire in maniera attiva nell’ecosistema creato da Hudi.

Per comprendere meglio le possibilità e l’importanza che i dati rappresentano nel mercato mondiale, proviamo ad osservare e analizzare due player diversi e forse non comunemente identificati come “Data Collector”.

Parliamo di Nike e Netflix.

Nike, the next Data-Giant?

Nike domina il mondo dello sport e per raggiungere l’obiettivo di 50 miliardi di dollari di vendite annuali, sta cambiando il modo in cui offre esperienze e prodotti ai clienti.

Progressivamente, per espandere il suo ecosistema, Nike è entrata nel regno dei gadget digitali introducendo chip di raccolta dati nei propri prodotti; ad esempio, lavorando in parallelo con Apple, ha creato il Fuelband da polso, una sorta di conta-movimenti con numerose funzionalità.

Nike, infatti, ha sviluppato applicazioni mobili Apple che funzionano in combinazione con accelerometri e sensori, per profilare l’utente dal punto di vista sportivo.

Inoltre ha sviluppato un suo software: la piattaforma per app “Nike +”, un’assistente personale che non solo traccia gli allenamenti ma crea anche una community digitale, suggerendo eventi locali e connettendo gli utenti con regimi di fitness e allenamenti simili.

Ma Nike non si ferma ad un braccialetto e ad un’app, i vertici della multinazionale americana si sono spinti ben oltre: “perché non incorporare i sensori direttamente nei capi d’abbigliamento?”.

Ecco, dunque, che prende vita una “nuova generazione” di abbigliamento.

Vestiti tecnologici che possono monitorare le condizioni del corpo durante l’esercizio fisico per fornire informazioni sulle prestazioni, ma allo stesso tempo possono rilevare anomalie fisiche che potrebbero prevenire gravi problemi di salute (questo potrebbe lasciar intendere un possibile ingresso di Nike nel settore sanitario, in un futuro prossimo).

Un ultimo decisivo passo è stato fatto creando negozi digitalizzati che gestiscono in autonomia l’illuminazione, rilevano il throughput dell’inventario e comunicano con gli utenti attraverso le loro app “Nike +” e la tecnologia beacon.

Tutto ciò permette un miglioramento generale del negozio, un livello superiore di efficienza ed un aumento delle vendite.

Usando la digitalizzazione per concentrarsi su esperienze personalizzate, Nike migliora continuamente il suo rapporto con i clienti, mantenendo sempre una posizione di leader e, allo stesso tempo, divenendo una sorta di pioniere nel promuovere questo genere di novità.

Netflix come Data Collector

Netflix conta oggi circa 130 milioni di abbonati in tutto il mondo e grazie a questa ampia base di utenti, raccoglie un’enorme quantità di dati, li “incrocia” e osserva le tendenze degli utenti per capire meglio cosa offrire e cosa proporre in futuro.

Netflix controlla ogni tipo di statistica, alcune delle quali a prima vista potrebbe sembrare quasi inutili, ma che in realtà permettono all’azienda di ottimizzare i propri prodotti.

Vediamo alcuni dati che Netflix tiene in considerazione:

  • il “tasso di completamento” dei contenuti (film/serie/documentari) da parte degli utenti;
  • quando viene effettuata una pausa durante la riproduzione;
  • eventuali punti di interruzione comuni per gli utenti;
  • in quale giorno vengono guardati determinati contenuti;
  • il luogo in cui i contenuti sono riprodotti;
  • quale dispositivo è utilizzato per guardare i contenuti;
  • le valutazioni degli utenti (circa 4 milioni al giorno);
  • le ricerche che fanno gli utenti (circa 3 milioni al giorno);
  • la visualizzazione dei titoli di coda;
  • l’avanzamento veloce delle introduzioni e dei riassunti;
  • funzionalità di navigazione, velocità di scorrimento ed eventuali problemi;

Di conseguenza, Netflix è in grado di osservare le tendenze degli utenti per capire meglio cosa offrire e per prendere le giuste decisioni di business. Ad esempio, se Netflix sa che il 70% degli utenti ha visto tutte le stagioni disponibili di una determinata serie, probabilmente punterà a produrre una nuova stagione, visto che ci sarebbero ottime probabilità di successo.

Se, al contrario, un contenuto ha riscosso successo solo fino ad un certo punto, ma il tasso di completamento è basso e una buona percentuale di utenti ha interrotto la visione, significa che, in qualche modo, bisogna cambiare rotta e l’azienda studia nella fattispecie cosa non ha funzionato, per evitare casi del genere in futuro.

Netflix sa che per diventare il nuovo leader dell’intrattenimento, è fondamentale tenere d’occhio tutte queste informazioni e analizzarle da vari punti di vista.

Questo spiega i rari casi casi di insuccesso dei contenuti proposti da Netflix; un’azienda nata nel 1997 come attività di noleggio di DVD, che nel 2017 ha raggiunto gli 11,7 miliardi di dollari di fatturato e che nel 2018 secondo le stime raggiungerà i 15 miliardi di dollari.

Nike e Netflix sono solo due esempi di Data Collectors, la raccolta dati è un fenomeno che sta letteralmente cambiando il nostro pianeta. Il mercato dei dati finora ha lasciato noi utenti come ultima ruota del carro; eppure è proprio dai nostri dati che tutto ha inizio.

È ora di cambiare lo stato delle cose, è ora di svegliarsi e di prendere coscienza del fatto che i nostri dati possano presto divenire una fonte di reddito per tutti noi.

In che modo? Attraverso un Human Data Income, attraverso HUDI.

Per vedere nel dettaglio come funziona HUDI e quali sono i vantaggi che porterà, leggi questo articolo.

👏Siamo giunti al termine di questo articolo, se è stato interessante per te, lasciaci tutti i CLAP che vuoi e continua a seguirci. 👏

Diventa parte di questa rivoluzione e della nostra community Telegram cliccando qui!

Seguici e Contribuisci

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn