Why are companies making money with DATA you produce while surfing the web - and even while listening to Spotify?

ENGLISH | ITALIANO

The biggest companies on the planet are getting richer for a reason that many people are unaware of: it’s thanks to the traces that you leave daily in the limitless digital world.

Whatever you do during the day: whether it’s using an app, looking for something on a search engine, attending an event, buying a product, listening to music and much more, is all data that you produce which is then registered and forfeited.

These large multinationals (like Facebook, Google, Amazon, Microsoft, Apple etc…) are therefore called “Data Giants”: the ones who know everything about you, much more than you could ever imagine.

That’s why listening to a song on Spotify may be a moment of relaxation for you but for someone else it is a source of great profit.

The data is used by these giants in mainly two markets:

  1. that of buying and selling data (a market known as “data brokerage”);
  2. that of advertising.

Advertising (and lots of money) thanks to your data

The use of data in the advertising market is a topic that we discussed in the previous article.

Let’s summarize the concepts in a few lines:

Companies that use data to advertise are so interested in our data because the more they know us, the more things they know about us (interests, work, travel, shopping, hobbies) the easier it will be to capture our attention and therefore allow them to bombard us with advertising ads and messages in line with our tastes.

That is the reason why these multinationals keep sucking data like vampires do with their victims.

(You can learn more about data related advertising and how large companies steal your data in order to become richer by reading this article)

How much is the data market worth

Okay, so we have seen that nowadays data is the most important resource for multinational companies.

But concretely, how much money are we talking about?

The Market of Data-brokerage - that is the purchase and sale of data- in 2018 is estimated at around 476 billion dollars.

The attention of the people captured online gave rise to the digital marketing sector, that of digital advertising: the advertising market is growing so strongly that in 2021 it is expected to reach 757.44 billion dollars.

So, we are talking about over 1 trillion dollars (to get an idea of the figure, one trillion is “1” followed by “0” twelve times).

All this thanks to user data, however these users are then not included when it’s time to divide the profits .

In fact, while users don’t receive even a cent for the data they provide, the Data Giants, the advertising and data brokerage corporations (in short, the global giants that operate in the data market) have become the largest companies in the world .

What is and how does the Data Brokerage market work?

Data Brokerage is a sector composed of companies that deal with:

  • collecting user data;
  • selling or buying it;
  • analyzing it;
  • using it for advertising and research purposes.

To understand how the data market works, I’ll briefly explain the current ecosystem, based precisely on data-brokerage and populated by 3 main players:

  1. Data Collectors that collect data shared by people and sell it through Data Brokers
  2. Data Brokers that market Collectors data and sell it to the Data Users
  3. Data Users who purchase data through Brokers to use it for commercial and non-commercial purposes.

Markets where Data Brokerage is present

We may not notice but they are all around us!

I’m talking about companies that buy data. In fact almost all the big companies buy data in various different sectors.

Data brokers sell customized products for many purposes and many types of customers. Let’s look at some examples:

  1. Advertising and marketing

Data brokers help companies improve their target advertising, create marketing strategies, set business goals, and determine where to open new locations.

2. Credit and Insurance

Data brokers help financial and insurance institutions set prices for financial products, manage risk and comply with regulations. Virtually all major financial institutions rely on data brokers to acquire data with which to manage the subscription of their products.

3. Identity verification and fraud detection

Another important function in which data brokers intervene is the verification of the people’s identity and fraud detection. Data brokers help entities verify people’s identities and credentials and identify fraudulent purchase patterns. These products and services are useful and widely used by financial institutions, retailers, telecommunications companies and many other entities.

4. Health

Data brokers help healthcare professionals measure and improve their performance. For example, a major data broker claims to hold “over 85% of worldwide medical prescriptions for sales quantities”, data that can help healthcare professionals manage their organizations more efficiently and make better decisions to improve their operational and financial performance.

5. Education

Data brokers help schools and educational technology companies share access to student data, enabling teachers and software developers to evaluate and respond to student performance.

6. Consumer services

Data brokers can help consumers locate old friends or research their genealogy.

The oranges field and the robbed farmer

What do oranges have to do with the data market?

At first glance nothing at all but you’ll understand soon.

Imagine being a farmer, in your fields you have hundreds of orange trees, plentiful and full of fruit. Every day, however, there is someone who enters your field, picks oranges off the trees and sells them or uses them to make orange juice.

In the meantime, you’re not even getting a dollar: the orange thief is getting all the profit.

Well, you should know that this poor farmer is you.

You are giving your data away for free to Data Giants every day, who uses it to advertise or use it in the buying and selling market. In the meantime, you are not receiving anything in return (not even an orange).

Don’t worry, you’re not the only one that’s letting your oranges get stolen, you’re actually just like the rest of us: passively consenting.

The fact is that almost no one has yet understood the great importance that our data has, we continue to allow third parties to take it for free and we don’t raise any problems. Consequently, within this ecosystem, after generating and sharing data, we have no other role than to be recipients of advertising messages or subject to analysis and research.

As we have seen, therefore, despite the fact that data collection really is a phenomenon that is changing the planet, there is a profound underlying injustice and there are many things that should change in order to help ensure that this market becomes fair and convenient for everyone.

In the following articles we will further explore these concepts and see how in the future things could finally change!

👏 If you found this article interesting, give us some CLAPS!👏

Click here to join Hudi’s Telegram Community and continue to follow us because we are only at the beginning and the future holds great promise!

Connect or contribute

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn


Perché alcune aziende guadagnano con i DATI che produci mentre navighi (anche quando ascolti Spotify)?

Le aziende più grandi del pianeta diventano sempre più ricche per un motivo che a molti non è noto: grazie alle tracce che ogni giorno lasci nello sconfinato mondo del digital.

Qualsiasi azione tu faccia durante la giornata: utilizzare un’app, cercare sui motori di ricerca, partecipare ad un evento, acquistare prodotti, ascoltare musica, e molto altro.

Tutti i dati che produci vengono registrati e incamerati.

Queste grandi multinazionali (Facebook, Google, Amazon, Microsoft, Apple etc…) sono per questo chiamate “Data Giants”, ovvero i giganti dei dati: coloro che sanno tutto di te, molto più di quanto tu possa immaginare.

Ecco perché ascoltare una canzone su Spotify per te è un momento di relax ma per qualcun altro è fonte di grande profitto.

I dati vengono utilizzati da questi colossi principalmente in due mercati: quello della compravendita di dati (mercato detto “data broker”) e quello della pubblicità.

Fare pubblicità (e tanti soldi) grazie ai tuoi dati

L’utilizzo dei dati nel mercato della pubblicità è un argomento che abbiamo trattato nell’articolo precedente.

Cerchiamo di riassumere i concetti in poche righe.

Le aziende che sfruttano i dati per fare pubblicità, sono così interessate ai nostri dati perché più ci conoscono, più cose sanno di noi (interessi, lavoro, viaggi, acquisti, hobby) e meglio potranno catturare la nostra attenzione, bombardandoci di annunci e messaggi pubblicitari in linea con i nostri gusti.

Ecco perché le multinazionali continuano a succhiarci i dati come vampiri.

Puoi approfondire il discorso dei dati legati alla pubblicità, e di come le grandi aziende rubano i tuoi dati per diventare sempre più ricche,leggendo questo articolo.

Quanto vale il mercato dei dati

Bene, abbiamo visto che i dati oggi sono la risorsa più importante per le multinazionali.

Ma in concreto, di quanti soldi stiamo parlando?

Il Mercato del Data-brokerage, ovvero della compravendita dei dati, nel 2018 si stima intorno ai 476 miliardi di dollari.

L’attenzione delle persone catturata online ha dato vita al settore del digital marketing, cioè quello della pubblicità digitale: il mercato della pubblicità è in così forte crescita che nel 2021 ci si aspetta arrivi a 757,44 miliardi di dollari.

Dunque, stiamo parlando di oltre 1 trilione di dollari (per farsi un’idea della cifra, un trilione è “1” seguito da dodici volte “0”).

Tutto ciò grazie ai dati degli utenti, che però rimangono fuori dai giochi quando c’è da dividere gli utili.

Infatti, mentre gli utenti non ricevono neanche 1 centesimo per i dati che forniscono, i Data Giants, le corporation dell’advertising e del data brokerage (insomma, i colossi mondiali che agiscono nel mercato dei dati) sono diventate le aziende più grandi al mondo.

Cos’è e come funziona il mercato del Data Brokerage?

Il Data Brokerage è un settore composto da aziende che si occupano di:

  • raccogliere i dati degli utenti;
  • venderli o comprarli;
  • analizzarli;
  • utilizzarli per scopi pubblicitari e di ricerca.

Per capire bene come funziona il mercato dei dati, ti spiego brevemente l’attuale ecosistema, basato appunto sul data-brokerage e popolato da 3 player principali:

1. Data Collectors che raccolgono i dati condivisi dalle persone e li mettono in vendita tramite dei Data Brokers

2. Data Brokers che commercializzano i dati dei Collectors e li vendono ai Data Users

3. Data Users che acquistano dati attraverso i Brokers per utilizzarli per scopi commerciali e non.

I mercati dove è presente il Data Brokerage

Non ce ne accorgiamo ma sono intorno a noi!

Parlo delle aziende che comprano i dati.

Infatti quasi la totalità delle grandi aziende comprano dati nei settori più differenti.

I data brokers vendono prodotti personalizzati per molti fini e molti tipi di clienti.

Vediamo qualche esempio:

Pubblicità e marketing.

I data brokers aiutano le aziende a targettizzare meglio le pubblicità, creare strategie di marketing, fissare obiettivi aziendali e determinare dove aprire nuove sedi.

Credito e assicurazioni.

I broker di dati aiutano gli istituti di credito e le assicurazioni a fissare i prezzi per i prodotti finanziari, a gestirne il rischio e a conformarsi alle normative. Praticamente tutte le principali istituzioni finanziarie fanno affidamento sui data broker per acquisire dati con cui gestire la sottoscrizione dei propri prodotti.

Verifica dell’identità e rilevamento delle frodi.

Un’altra importante funzione in cui intervengono i data brokers è la verifica dell’identità delle persone e il rilevamento delle frodi. I broker di dati aiutano infatti le entità a verificare le identità e le credenziali delle persone e a individuare modelli di acquisto fraudolenti. Questi prodotti e servizi sono utili e ampiamente utilizzati da istituti di credito, rivenditori, società di telecomunicazioni e molte altre entità.

Salute.

I broker di dati aiutano gli operatori sanitari a misurare e migliorare le loro prestazioni. Ad esempio, un importante broker di dati vanta di detenere “oltre l’85% delle prescrizioni mediche mondiali per quantità di vendite”, dati che possono aiutare gli operatori sanitari a gestire le loro organizzazioni in modo più efficiente e prendere decisioni migliori per migliorare le loro prestazioni operative e finanziarie.

Istruzione.

I mediatori di dati aiutano le scuole e le società di tecnologie didattiche a condividere l’accesso ai dati degli studenti, consentendo agli insegnanti e agli sviluppatori di software di valutare e rispondere alle prestazioni degli studenti.

Servizi al consumo.

I broker di dati possono aiutare i consumatori a localizzare vecchi amici o a ricercare la loro genealogia.

Il campo di aranci e il contadino derubato

Cosa c’entrano le arance con il mercato dei dati? A prima vista nulla ma tra poco capirai meglio.

Immagina di essere un contadino, nei tuoi campi hai centinaia di alberi di arance, rigogliosi e pieni di frutti.

Ogni giorno, però, c’è qualcuno che entra nel tuo campo, coglie le arance e le vende o le utilizza per farci spremute. Mentre tu non ricevi neanche un centesimo: tutto il profitto va a beneficio del ladro di arance.

Ebbene, sappi che quel povero contadino sei tu.

Tu che ogni giorno fornisci i tuoi dati gratuitamente ai Data Giants, che li utilizzano per fare pubblicità o li trattano nel mercato della compravendita. Mentre tu in cambio non ricevi nulla (neanche un arancia).

Tranquillo non sei il solo a farti rubare le arance, anzi sei proprio come tutti noi: passivamente consenziente.

Il fatto è che quasi nessuno ha ancora capito la grande importanza che hanno i nostri dati, continuiamo a permettere che terze parti se ne approprino gratuitamente e non solleviamo alcun problema.

Di conseguenza, all’interno di questo ecosistema, dopo aver generato e condiviso dati, non abbiamo altro ruolo se non quello di essere destinatari di messaggi pubblicitari o oggetto di analisi e ricerche.

Come abbiamo visto, dunque, nonostante la raccolta dei dati sia davvero un fenomeno che sta cambiando il pianeta, c’è una profonda ingiustizia di base e ci sono molte cose che dovrebbero cambiare per far sì che questo mercato diventi equo e conveniente per tutti.

Nei prossimi articoli andremo ad approfondire questi concetti e vedremo come in futuro le cose potrebbero finalmente cambiare!

👏Se questo articolo è stato interessante per te, lasciaci tutti i CLAP che vuoi! 👏

Entra a far parte della Community Telegram Hudi cliccando qui e continua a seguirci perché siamo solo all’inizio, il futuro ci riserverà grandi novità!

Seguici e Contribuisci

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn