Why are Google and Facebook worse than a controlling and possessive partner?

ENGLISH | ITALIANO

“Where were you today? Who were you with? Where did you have lunch? What did you do after? What time did you finish work?”

This is, more or less, the types of questions we are asked when we come back home after work: a sort of report on our day to satisfy the curiosity of our partner (let’s be honest, this probably happened when you were living with your mother too).

Let’s face it, a bit of jealousy is okay as long as the person asking the questions is someone we love. As long as it doesn’t end up as an interrogation, there’s nothing wrong with it. On the contrary, it may even be pleasant to talk about our day.

But what would you do if I told you that there is someone who doesn’t even need to ask those questions, because he already knows everything about you, since he follows you everywhere and spies on you every minute of every day, all year long?

Oh yeah, there’s someone who follows you even while you’re in the bathroom sitting on the toilet on your phone, or at the pub with friends talking about sports.

“Oh crap, do I know who this person is?!”

Of course you do! In fact, you know them both. And I’ll tell you more: you’ve been meeting up with them every day for years!

Who are they? Google and Facebook.

Google and Facebook, the masters of our days: this is how much time they steal from us

Google and Facebook are the “masters” of our time: but not only of time understood as a period of time, but also of our daily time, of our hours and of our days.

When I talk about Google and Facebook I mean the “complete package”, with all the related apps: for example Google controls Gmail and Youtube, and Facebook owns WhatsApp and Instagram.

To gain a better understanding, know that these two giants represent 28% of the time spent by the British online and 36% of the surfing time in the United States.

More specifically, the “Google package” represents 17% of the time spent on the web in the United Kingdom, while 22% in the United States. The “Facebook package” reaches 11% in the United Kingdom and 14% in the US.

Even in mobile navigation in the US, the two companies represent 48% of the time spent on the web.

That’s all they know about you (take a deep breath and keep calm)

The collection of personal data goes far beyond what you could ever imagine. In the following part of the article, I will demonstrate further what I mean when I say that the Data Giants know everything about you.

To see how the data market works and how companies make money behind your back with the data you produce while you surf the web, read this article!

I just want to warn you that the following information may scare you.

Let’s take a look at some of the data that Google and Facebook store every day (much, much worse than a jealous and possessive partner).

What does Google know about you?

  • Where you are now and where you have been on any day of the year. In fact, Google stores your location every time you turn your phone on and can see the history of where you’ve been since the first day you gave it access to your location.
  • The time and day when you were in a certain place. For how long you stayed there and how long it took you to get to that position from the previous one.
  • All the apps you use. Google stores information about every app and extension you use. They know how often you use them, where you use them and with whom you use them to interact with. But also with which cities or countries you are communicating with and at what time you stop using them before going to sleep.
  • All your search history, even YouTube. So Google knows if you’ll soon become a parent, if you’re right-wing or left-wing, if you’re Jewish, Christian or Muslim, if you’re sick or in health.
  • All emails sent and received, all your contacts, your bookmarks, your Google Drive files, the photos you have on your phone. The products you buy, your calendar data, your Hangout sessions, the music you listen to, the Google books you bought, the websites you’ve created, the phones you’ve owned, the pages you’ve shared, how many steps you take in a day.
  • Google has access to your camera (and your camera roll) as well as your device’s microphone.

Not bad, right?

If you’re still with us and haven’t run to hide yourself in your house for fear that Google could enter at any moment, let’s move on and talk about Facebook.

What does Facebook know about you?

  • All, and I mean every single one, the messages you have sent or received on Facebook Messenger. The voice recordings. Each type of file.
  • All the contacts in your phone.
  • All the access positions to apps: from where, at what time and from which device you logged in from.
  • All the things you liked, all the comments, everything you and your friends talked about on Facebook Messenger.
  • All the advertising messages you have clicked on (and therefore everything you would like to buy and that interests you).
  • All the apps you’ve connected your Facebook account to and all the data left in those apps. (So it knows whether you’re interested in politics, the web, sports, and may even know that from November to May you were single and used Tinder and that last month you tried to go on a diet and started running).
  • All the events in which you have participated, in which you will participate and that interest you.
  • Everything you watch, sell and buy on the Marketplace bulletin board.
  • The files and games you download, the music you listen to, the search history, the browsing history, the photos and videos you save, even the radio stations you prefer.
  • Facebook has access to your camera (and your camera roll) as well as the microphone of your device

“Those two are together only for…DATA!”

These companies want to know everything about your life but at the same time they don’t care about you.

I know, this sentence is a bit cryptic but wait, I’ll try to explain myself better.

Facebook reached $40 billion in revenue in 2017.

Most of the revenue, over €39 billion, comes from advertising (which thanks to our data is targeted and productive).

While Google estimates that in 2017 it actually represented 33% of the $223.7 billion of digital advertising revenue in the world.

These numbers are destined to rise from year to year, but there’s more: in addition to spying on us practically every moment of the day to get what they want (our data), like in the worst relationships, Google and Facebook exploit us but don’t “love” us really!

In fact, as we have already seen, thanks to the data that we give them for FREE, they become richer and we receive nothing in return, just their services which we use free of charge.

It’s actually a really unfair exchange if you think about it.

That’s why I say that they care about everything in our lives but at the same time they don’t care about us!

Basically, it’s as if your partner has full control and obtains everything they want from you, but they don’t even acknowledge you with a smile.

“They are not in love with you, but with your data!”

Our inexplicable passive (and counterproductive) attitude

The passivity of us users, in front of all this, is kind of strange: you would never allow the government to install cameras, microphones and locators in your house and car.

Yet, you allow Google, Facebook and other Data Giants, to which you provide all data for free to do so, content with just being able to use their services.

As I wrote in a previous article, we are in the same situation that happened 500 years ago, when the Native Americans had no idea of the value of the gold they possessed. Thus, the Europeans managed to steal it in exchange for fabrics and other items of little value.

The same thing is happening today with our data.

Data is the new gold, the new oil, but people have not yet understood it.

To read the article in which I talk about this and to see how big companies are getting richer by stealing our data, click here!

The use of Facebook and Google is free, but at what cost?

At the cost of them knowing everything about us.

Continuing to put up with this, would be wrong.

But unfortunately the vast majority of people still don’t realize that they’re giving away their home in exchange for a plate of food.

In the following articles, we will see more in detail what weapons we have at our disposal to start changing things!

👏 Did you like the article? Give us some CLAPS! 👏

Click here to join Hudi’s Telegram Community and continue follow us because we’re onto something, change is near…

Connect or contribute

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn


Perché Google e Facebook sono peggio di un partner geloso e onnipresente che ti chiama 20 volte al giorno?

“Dov’eri oggi? Con chi? Dove hai pranzato? Dopo cosa hai fatto? A che ora hai finito in ufficio?”

Questo è, più o meno, il genere di domande che ci viene fatto quando torniamo a casa dopo il lavoro: una sorta di resoconto della giornata per soddisfare le curiosità del nostro partner (a dirla tutta questo accadeva anche quando vivevi con tua madre).

Diciamoci la verità, un pizzico di gelosia va anche bene e finchè a fare le domande è una persona che amiamo. Soprattutto se non diventa un interrogatorio, non c’è nulla di male.

Anzi, può risultare piacevole raccontare la propria giornata.

Ma cosa faresti se ti dicessi che esiste qualcuno che non ha neanche bisogno di porti quelle domande, perché già sa tutto, visto che ti segue ovunque e ti spia ogni minuto di ogni giorno, per tutto l’anno?

Eh già, c’è qualcuno che ti segue anche mentre sei in bagno seduto sulla tavoletta a smanettare col telefono, o al pub con gli amici a parlare di sport.

“Oh cavolo, ma lo conosco?” Certo! Anzi, li conosci, perché sono 2.

E ti dirò di più: li frequenti tutti i giorni, da anni!

Chi sono? Google e Facebook.

Google e Facebook, i padroni delle nostre giornate: ecco quanto tempo ci rubano

Google e Facebook sono i “padroni” del nostro tempo: ma non solo di tempo inteso come epoca, ma anche del nostro tempo quotidiano, delle nostre ore, delle nostre giornate.

Per Google e Facebook intendo il “pacchetto completo”, ovvero anche tutti i relativi satelliti: ad esempio Google controlla Gmail e Youtube, mentre insieme a Facebook troviamo WhatsApp e Instagram.

Per farti un’idea, sappi che questi due colossi rappresentano il 28% del tempo che i britannici spendono online e il 36% del tempo di navigazione negli Stati Uniti.

Più precisamente, il “pacchetto Google” rappresenta il 17% del tempo speso sul web nel Regno Unito, mentre il 22% negli Stati Uniti. Il “pacchetto Facebook” arriva all’11% nel Regno Unito e al 14% negli USA.

Addirittura, nella navigazione da mobile negli USA, le due aziende rappresentano il 48% del tempo speso sul web.

Questo è tutto ciò che sanno su di te (fai un respiro profondo e mantieni la calma)

La raccolta dei dati personali va ben oltre ciò che potresti immaginare. Nelle prossime righe ti farò vedere in modo più approfondito cosa intendo quando dico che i Data Giants sanno tutto di te.

Per vedere come funziona il mercato dei dati e come le aziende guadagnano alle tue spalle con i dati che produci mentre navighi, leggi questo articolo.

Sei pronto a spaventarti? Vediamo alcuni dei dati che Google e Facebook memorizzano ogni giorno. (Molto, molto peggio di un partner geloso e possessivo…)

Cosa conosce Google di te?

  • Dove sei ora e dove sei stato in qualsiasi giorno dell’anno. Infatti, Google memorizza la tua posizione ogni volta che accendi il telefono e può vedere la cronologia di dove sei stato dal primo giorno in cui gli hai dato accesso alla tua posizione.
  • L’ora e il giorno in cui ti trovavi in un determinato luogo, quanto ci sei rimasto e quanto tempo hai impiegato per arrivare a quella posizione, da quella precedente.
  • Tutte le app che usi, Google memorizza informazioni su ogni app ed estensione che utilizzi. Sa quanto spesso le usi, dove le usi e con chi le usi per interagire. Ma anche con quali città o paesi stai comunicando e a che ora termini di interagire per andare a dormire.
  • Tutta la tua cronologia di ricerche, anche di YouTube. Quindi Google sa se diventerai presto un genitore, se sei di destra o di sinistra, se sei ebreo, cristiano o musulmano, se sei malato o in salute.
  • Tutte le email inviate e ricevute, tutti i tuoi contatti, i tuoi segnalibri, i tuoi file di Google Drive, le foto che hai sul telefono, i prodotti acquistati, i dati del tuo calendario, le tue sessioni di Hangout, la musica che ascolti, i libri di Google che hai acquistato, i siti web che hai creato, i telefoni che hai posseduto, le pagine che hai condiviso, quanti passi fai in un giorno.
  • Google ha accesso alla tua fotocamera (e al tuo rullino di foto) oltre che al microfono del tuo device.

Niente male, vero? Se sei ancora lucido e non sei corso a barricarti dentro casa e a chiudere tutte le tapparelle per paura che Google possa entrare da un momento all’altro.

Continuiamo parlando di Facebook.

Cosa conosce Facebook di te?

  • Tutti, ma proprio tutti, i messaggi di chat che hai inviato o ricevuto. Anche i messaggi audio. Ogni tipo di file.
  • Tutti i contatti presenti nel tuo telefono.
  • Tutte le posizioni di accesso alle app: da dove, a che ora e da quale dispositivo hai effettuato l’accesso.
  • Tutte le cose che ti sono piaciute, tutti i commenti, tutto ciò di cui tu e i tuoi amici parlate nelle chat.
  • Tutti i messaggi pubblicitari su cui clicchi (e dunque tutto ciò che vorresti comprare e che ti interessano)
  • Tutte le applicazioni che hai collegato al tuo account Facebook e tutti i dati lasciati in quelle app. (Quindi può sapere se sei interessato alla politica, al web, allo sport, e può anche sapere che da novembre a maggio eri single e utilizzavi Tinder e che lo scorso mese hai provato a metterti a dieta e a correre).
  • Tutti gli eventi ai quali hai partecipato, ai quali parteciperai e che ti interessano.
  • Tutto ciò che guardi, che metti in vendita e che compri sulla bacheca di Marketplace.
  • I file e i giochi che scarichi, la musica che ascolti, la cronologia delle ricerche, la cronologia di navigazione, le foto e i video che salvi, persino le stazioni radio che preferisci.
  • Facebook ha accesso alla tua fotocamera (e al tuo rullino di foto) oltre che al microfono del tuo device

“Quei due stanno insieme solo per… i DATI!”

Queste aziende vogliono sapere tutto della tua vita ma allo stesso tempo non gliene frega nulla di te. È vero, questa frase è un po’ criptica, cerco di spiegarmi meglio.

Facebook ha registrato 40 miliardi di dollari di entrate nel 2017.

La maggior parte delle entrate, oltre 39 miliardi, proviene dalla pubblicità (che proprio grazie ai nostri dati è mirata e producente).

Mentre Google si stima che nel 2017 abbia addirittura rappresentato il 33% dei $ 223,7 miliardi di entrate pubblicitarie digitali del mondo.

Numeri destinati a salire di anno in anno, ma c’è di più: oltre a spiarci praticamente in ogni momento della giornata per avere ciò che desiderano (i nostri dati), come nelle peggiori relazioni, Google e Facebook ci sfruttano ma non ci “amano” veramente!

Infatti, come abbiamo visto, grazie ai dati che noi gli forniamo GRATIS, loro diventano sempre più ricchi e noi in cambio non riceviamo nulla, se non il poter utilizzare gratuitamente i loro servizi.

Davvero uno scambio non equo. Ecco perché dico che gli interessa tutto della nostra vita ma allo stesso tempo non gli importa un bel niente di noi!

In pratica è come se il tuo partner avesse il pieno controllo e tutto ciò che desidera da te, ma non ti ricambiasse neanche di uno sguardo o di un sorriso.

“Non sono innamorati di te, ma dei tuoi dati!”

Il nostro inspiegabile atteggiamento passivo (e controproducente)

La passività di noi utenti, davanti a tutto ciò, è davvero strana, pensaci bene: non permetteresti mai che il governo installasse telecamere, microfoni e localizzatori nella tua casa e nella tua automobile.

Eppure, lo hai permesso a Google, a Facebook e agli altri Data Giants, ai quali fornisci tutti i dati in modo totalmente gratuito, accontentandoti di poter utilizzare i loro servizi.

Come ho scritto in un articolo precedente, siamo nella stessa situazione che si verificò 500 anni fa, quando i nativi americani non avevano la minima idea del valore dell’oro che possedevano.

Così, gli Europei riuscirono a sottrarglielo in cambio di pelli e altri oggetti di poco valore.

La stessa cosa sta succedendo oggi con i nostri dati.

I dati sono il nuovo oro, il nuovo petrolio, ma le persone ancora non lo hanno capito.

Per leggere l’articolo in cui ne parlo e per vedere come le grandi aziende diventano sempre più ricche rubando i nostri dati, clicca qui!

L’utilizzo di Facebook e Google è gratuito, vero, ma a che costo? A costo di sapere tutto su di noi.

Continuare a sopportare ciò, sarebbe davvero grave. Ma purtroppo la grande maggioranza delle persone ancora non si rende conto che gli stanno prendendo la casa in cambio di un piatto di minestra.

Nei prossimi articoli vedremo nel dettaglio quali sono le armi a nostra disposizione per poter cambiare le cose!

👏Ti è piaciuto l’articolo? Lasciaci tutti i CLAP che vuoi! 👏

Clicca qui per diventare membro della Community Telegram Hudi e continua a seguirci perché qualcosa di grosso bolle in pentola, il cambiamento è vicino!

Seguici e Contribuisci

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn