Xdinner: indovina chi viene a cena?

No, non si tratta di un remake del celebre film del 1967 di Stanley Kramer, ma del nostro nuovo format di eventi dedicati al settore del food. Nessuna sorpresa, nessun ospite inatteso, solo un’esperienza coinvolgente e fuori dagli schemi da cui tutti i partecipanti usciranno cambiati e, speriamo, cresciuti sia umanamente che professionalmente.

Che cosa sono le Xdinner?

L’idea che ci ha guidato nell’immaginare questo format è legata a ciò che può accadere attorno ad una tavola, specie in questo Paese. Per gli italiani cenare con qualcuno non vuol dire mai solo condividere semplicemente del cibo: se si sceglie con cura il giusto mix di location, pietanze e compagnia, una cena può diventare una vera occasione di scambio e di crescita, un’esperienza che nutre anima e corpo.

Così, invece che aspettare che tutti questi elementi si fondessero miracolosamente in un unico evento, abbiamo deciso, come sempre, di crearlo. Le Xdinner sono appunto delle cene a tema che prevedono il coinvolgimento di 40 Xsider — influencer appartenenti alla nostra community selezionata, in prevalenza appartenenti al settore food & beverage — che si ritroveranno seduti attorno a una tavola per vivere un’esperienza esclusiva, creare relazioni umane e professionali, scoprire cose nuove sul cibo e confrontarsi su varie tematiche legate al mondo del social e del food. A queste cene, infatti, parteciperanno anche degli esperti legati al tema scelto per quella serata e uno chef, che spiegherà “dall’interno” i piatti che verranno serviti.

In che senso “spiegati”?

A partire dagli ingredienti offerti dai brand che decideranno di partecipare alla Xdinner. La cena, dunque, sarà un modo per parlare di cibo in modo differente, per raccontare il brand e contestualizzare i contenuti degli influencer all’interno di una cornice in cui l’alchimia di gusti composta e spiegata dallo chef, le nuove informazioni legate al tema scelto e i contenuti social degli influencer andranno a mescolarsi, creando un evento a cavallo fra digitale e reale, contaminando entrambi.

Tutto questo in una location scelta ad hoc e itinerante, in modo che anche la cornice, di volta in volta differente, influenzi l’esperienza che i partecipanti andranno a vivere. Otto le città selezionate in tutta Italia come teatro delle Xdinner, e decise in base sia alle ricorrenze in cui la cucina la fa da padrone (Natale, Pasqua, ecc.) sia a eventi legati al food and beverage di fama nazionale (Vinitaly, Tuttofood, ecc.), sia infine alle tradizioni culinarie delle regioni in cui le città si trovano.

Il primo evento si terrà il 5 dicembre ad Ancona, anche se una puntata zero del format c’è già stata a Capitanata (FG) lo scorso 11 Ottobre in collaborazione con la Cucina del Fuori Sede. Per chi fosse interessato a capirne di più, ecco un breve ricordo di quell’evento:

Quello che ci auguriamo con le Xdinners, e che è già emerso a Capitanata, è di parlare di food in modo più reale, di far vivere agli influencer un’esperienza che li coinvolga anima e corpo, grazie al tema scelto e al menù proposto per la serata, e di raccontare così i prodotti di un brand in modo meno sterile e più autentico. In fondo dietro ad ogni ingrediente c’è una storia legata alle materie prime, al suo metodo di lavorazione, che si tratti di latte, pasta, yogurt, vino: quale occasione migliore per parlarne se non a tavola, insieme ad altri spiriti gourmet e a uno chef pronto a rispondere a ogni domanda o curiosità? E quale modo migliore per far affiorare la personalità di ognuno e la propria professionalità se non discutendo sul tema che riguarda il proprio lavoro e il mondo del food?

Ciò che emergerà dalla serata, infine, sarà qualcosa di cui tutti potranno usufruire grazie al digitale e, grazie a quelle poche ore passate insieme attorno ad una tavola, quella esperienza diventerà una finestra aperta sulla cultura del nostro Paese.

Perché se c’è qualcosa che gli italiani sanno far bene, oltre a cucinare, è parlare di cibo anche mentre mangiano!

Vi terremo aggiornati già dalla prima Xdinner: vi aspettiamo a cena, non dimenticatelo.

#HumanFirst