I miei interessi Stories: Anna Marchesini

La risata che non finirà.

“Mettete le mie ceneri in un cofanetto di porcellana nella vetrina dell’Accademia”

Ci lascia con ironia, perché ironia era, e sarà per sempre Anna Marchesini. Un’ironia incredibile, assoluta, personale, raffinata e popolare, inimitabile.

Addio alla Signorina Carlo, alla sessuologa Merope Generosa, alla Sora Flora, alla cameriera secca dei signori Montagné, alla bella figheira, alla Monaca di Ponza, alla Lucia manzoniana.

“Il teatro è tutto, è anche il luogo delle illusioni oltre che la casa.”

È partita dall’ Accademia di arte drammatica Silvio D’Amico per arrivare a lasciare al mondo della comicità la pionieristica eredità di un linguaggio attoriale completamente nuovo.

“Certe volte entravo nella scuola salivo l’ascensore fino al 5° piano. Salivo in “Paradiso” solo per sentire l’odore, attraversare un corridoio fare una domanda solo per “stare lì”. L’Accademia per me è uno dei posti più “evocativi” come dicono i poeti”.

L’accademia da dove era partita e dove negli ultimi anni aveva insegnato. Un’affezionata scenografia per l’inizio e la fine, nel mezzo tutto: dalle voci ai gesti, dalle emozioni provate alle risate, immortali.

“Ho già adocchiato una vetrinetta in sala riunioni con un piccolo cofanetto verde di porcellana, credo. Ritengo sia ideale per contenere le mie ceneri. È una aspirazione che piano piano troverò il coraggio di far uscire alla luce. Che detto di un mucchietto di ceneri non è appropriato. Posso tentare…. e se mi ribocciano? E se poi l’Accademia trasloca? E se durante il trasloco il cofanetto verde si rompe? No eh! essere spazzata via dall’Accademia no mai più!”

Ironia e malinconia. Il mix che ha contraddistinto Anna Marchesini, la sua vita e la sua arte, in tutte le sue forme, dal palcoscenico alla carta. Con facilità è rimasta impressa a una platea immensa e multigenerazionale dagli anni ’80 fino ad oggi, un grande talento. Un mito.

Nonostante la completezza della sua carriera èinsufficiente dire che Anna Marchesini era un’attrice eccezionale, era una donna coraggiosa, carismatica e delicata, priva di omissioni.

“Ecco- mi dissi- questo preciso attimo è gioia. Il silenzio là fuori era così dolce che mi pareva di sentirne il canto; da qualche parte avevo letto che tutto è armonia se solo riusciamo a sentirla, così rimasi in ascolto ed ebbi cura di muovermi, senza spostarlo. Il Silenzio.”
“Non puoi sapere chi sei se non sai da dove vieni”

Anna Marchesini era una donna indicibilmente eclettica. Ha rimodellato il suo interesse a sua immagine e somiglianza, trasformandolo in una pietra miliare per le generazioni di aspiranti attori e scrittori che l’hanno scelta come esempio, guida, musa.

Bee Free per Conto Facto

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Conto Facto’s story.