I miei interessi stories: Augusto Marietti

18 milioni per Mashape, l’ebay degli sviluppatori

Un ragazzo romano si iscrive all’Università di Milano. Così inizia la storia di Augusto Marietti: a vent’anni ha un’idea di business e vuole fondare una start up. Inizia a lavorarci, con due amici-soci, in un garage. L’idea è buona, anzi ottima. Ma la risposta alle domande di finanziamento è sempre la stessa.

“Bravi, ma siete troppo giovani”

La storia di Augusto Marietti è la storia di Mashape, probabilmente la prima vera start up italiana di successo.

«In quel periodo lessi Google e gli altri, che narrava nel dettaglio la storia di Google e della Silicon Valley. Avevo capito che dovevo avere il coraggio di andarmene».

L’obiettivo di Augusto: creare da zero qualcosa che facesse incontrare la domanda e l’offerta di software.

E così nasce Mashape, l’ebay degli sviluppatori.

Oggi le prime cinque industrie del mondo sono aziende digitali, trent’anni fa queste industrie non esistevano. Questo per Augusto era il momento di crederci. E di andarsene. L’ebay degli sviluppatori non sarebbe mai potuto crescere in Italia.

“Cara Italia tu sei un Paese pieno di persone che inventano tecnologie, ma la tecnologia da sola non serve a niente, diventa innovazione quando viene applicata sulla massa e il mondo è pieno di tecnologie potenti che non sono andate da nessuna parte. Buongiorno America, grazie di credere in noi. E nella nostra vision”

Quindi Augusto Marietti, Marco Palladino e Michele Zonca andarono San Francisco.Senza soldi, senza una casa, pronti ad arrangiarsi, dormendo in motel e mangiando riso e fagioli.

La svolta arriva quando vincono una sorta di “borsa di soggiorno” per promettenti startupper messa a disposizione da Travis Kalanick, altrimenti conosciuto come in Sig. Uber.

“Non so perché scelse noi, ma lo fece”

In seguito i tre italiani incontrano un gruppo di angel investors. Gli stessi che primi di tutti avevano creduto in YouTube e che dettero a Marietti e soci i primi 100 mila dollari.

Oggi la piattaforma di Mashape conta oltre 100 mila sviluppatori in tutto il mondo e 30 dipendenti, tutti con meno di 25 anni.

Marietti non è più un giovane squattrinato. La sua startup, a differenza di altre, è riuscita a produrre utili veri.

Alcuni gruppi di programmatori, in società come Amazon, Spotify e Target stanno usando Kong, il software di Mashape, per costruite le app in modi più moderni.

Oggi Kong di è il più popolare software del suo genere a disposizione.

Augusto Marietti ha creduto nei suoi interessi, li ha portati avanti con coraggio e così facendo ha dato la possibilità ai suoi sogni di realizzarsi: ha dato la possibilità a Mashape di farsi spazio nell’era digitale.

Like what you read? Give Conto Facto a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.