I miei interessi stories: Kobe Bryant

L’importante è uscire dal campo felici.

“Caro basket, dal momento in cui ho cominciato ad arrotolare i calzini di mio padre e a lanciare immaginari tiri della vittoria nel Great Western Forum ho saputo che una cosa era reale: mi ero innamorato di te.”

Il terzo cestista più prolifico della storia, dopo Jabbar e Karl Malone. Vincitore di 5 campionati con i Los Angeles e due medaglie d’oro con la Nazionale Usa ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e di Londra 2012. La stella dei Lakers Kobe Bryant che ha fatto grande l’NBA abbandona in campo giurando amore al basket per sempre.

“È difficile da descrivere. Ti senti improvvisamente pieno di fiducia in te stesso, ti senti forte sulle gambe, con una buona visione del canestro e inizi a segnare. Dopo un po’ ti convinci che qualsiasi tiro sia destinato al canestro. Anche quelli che sbagli.”

Ha imparato a giocare a Basket in Italia, a Reggio Emilia, per poi esordire nell’ NBA a soli 18 anni e imporsi quindi sulla scena mondiale per tutta la sua ventennale carriera, dando prova non solo di grande talento ma anche di testa, cuore e passione.

“Ho giocato nonostante il sudore e il dolore non per vincere una sfida ma perché TU mi avevi chiamato. Ho fatto tutto per TE perché è quello che fai quando qualcuno ti fa sentire vivo come tu mi hai fatto sentire.”

Tra gli appassionati di Basket l’ultima prestazione di Bryant era attesissima e non ha deluso le aspettative: nella sua ultima partita il gigante di 37 anni ha regalato un ultimo magico show segnato da 60 punti contro Utah.

“È la cosa più simile a Michael Jordan che si sia vista. Passerà probabilmente alla storia come la seconda miglior guardia di tutti i tempi. Era inarrestabile. La sua voglia di vincere era incredibile, e l’ha tenuto in palestra come nessun’ altro. Si è dedicato completamente al basket, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.” (Magic Johnson)
http://bit.ly/20TQyMU
“Hai fatto vivere a un bambino di 6 anni il suo sogno di essere un Laker e per questo ti amerò per sempre. Ma non posso amarti più con la stessa ossessione. Questa stagione è tutto quello che mi resta. Il mio cuore può sopportare la battaglia la mia mente può gestire la fatica ma il mio corpo sa che è ora di dire addio.”
“Non importa quanto segni. Quello che conta è uscire dal campo felice.”

Kobe Bryan ha fatto del Basket tutte le sue ragioni, ha usato il suo interesse per costruire la sua vita e migliorarsi come persona, usando la passione come motivazione e allo stesso tempo, come la parte migliore del suo successo.

Bee Free per Conto Facto

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.