I miei interessi stories: Sabrina Pasterski

La ventiduenne erede di Einstein

“Ho cercato di superare me stessa per anni, e questo mi ha condotta nel mondo della fisica”

Stephen Hawking legge e cita le sue ricerche.

Jeff Bezos la corteggia da anni per averla nel suo programma spaziale. I suoi professori di Boston rimasero folgorati quando la conobbero.

Sabrina Pasterski ha 22 anni e dicono che sia l’erede di Albert Einstein.

Sabrina costruì un prototipo di aereo a 14 anni, spinta dalla sua più grande passione: il volo.

Oggi studia i buchi neri, la gravità e le regole che governano lo spazio-tempo, soprattutto dal punto di vista della meccanica quantistica.

“Il suo potenziale va al di là di qualsiasi misurazione”

é questo ciò che hanno pensato I professori Allen Haggerty e Earll Murman, appena visto il video della ragazza alle prese con la costruzione di un aeroplano.

Ora Sabrina ha 22 anni, e non smette di stupire.

Le sue ricerche, infatti, potrebbero cambiare radicalmente la concezione che i suoi illustri predecessori hanno dato dell’Universo. I suoi studi sono arrivati fino agli uffici della Nasa, e il suo nome ha cominciato a incuriosire alcune delle menti più brillanti d’America.

Cubana di prima generazione, Sabrina è la prima della sua famiglia a essere nata in America. I suoi genitori si sono trasferiti nei sobborghi di Chicago parecchi anni fa.

A 13 anni Sabrina Pasterski aveva appena finito di costruire un piccolo velivolo a motore, costatogli un intero anno di lavoro nel garage di casa. Un anno dopo ha portato la sua creazione al Massachussets Institute of Technology, la mecca della tecnologia mondiale, dal quale nel 2013 è uscita con il massimo dei voti. Oggi sta per concludere il dottorato in fisica ad Harvard.

“I miei genitori mi hanno sempre incoraggiata. MI hanno sempre detto che niente era impossibile. Sono ancora al limite dallo smettere di crederci.
Più si impara più ci rendiamo conto di quello che la gente identifica come il limite tra il possibile e l’impossibile, e quindi fin dove può arrivare questo limite.
È importante incoraggiare i figli. Ognuno deve capire cosa sarà bravo a fare e non vanno obbligati a seguire un percorso standardizzato”

Nominata più volte nella prestigiosa classifica 30 under 30 di Forbes (nel 2015 e 2017) e di Scientific American (nel 2012). Nel 2016, è stata considerata un astro nascente dal MIT e dal Steven P. Jobs Trust (oggi Laurene Powell Jobs Trust), il fondo milionario di Steve Jobs.

“Un fisico teorico che afferma che risolverà uno specifico problema a lungo termine sta praticamente garantendo che non lo farà.
Quello che intendo fare è stare tranquilla, e divertirmi con la materia”

La giovanissima Sabrina procede affiancata dalla sua passione, porta avanti il suo interesse con curiosità e umiltà, e insieme a queste qualità cerca di superare i suoi limiti e forse anche quelli dell’universo.

Like what you read? Give Conto Facto a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.