I miei interessi stories: Scott Kelly

Possiamo superare ogni sfida

Scott Kelly, astronauta della NASA, il 16 ottobre è diventato l’americano che ha trascorso più tempo nello spazio. Il primo marzo è tornato dalla sua ultima missione sulla ISS.

520 giorni nel cosmo, più di ogni altro astronauta americano. Quattro le missioni che lo hanno condotto tra le stelle. La prima nel 1999 quando partì a bordo dello Shuttle Discovery per la missione STS-103, obiettivo: la manutenzione del telescopio Hubble.

La quarta ed ultima volta nello spazio lo ha visto protagonista della “one-year mission”. Partito il 27 marzo 2015, con lExpedition 43, e tornato il 1° marzo 2016 a bordo dell’Expedition 46. Insieme al collega russo Mikhail Kornienko.

Soprannominato dai media “il gemello spaziale”: grazie a suo fratello gemello Mark Kelly, anche lui astronauta, è infatti stato possibile osservare gli effetti sull’organismo di una lunga permanenza nello spazio, e collezionare dati a supporto di potenziali future missioni di lunga durata nel Sistema Solare.

Adesso gli scienziati della NASA indagheranno le differenze presenti nell’espressione genica, , nel flusso del sangue, nel sistema immunitario, nel microbioma e nella lunghezza dei telomeri dei due gemelli, per prepararsi alle future missioni di lunga durata nello Spazio, come quella che dovrebbe portare l’essere umano su Marte.

“Una missione su Marte è assolutamente possibile, nonostante richieda di dover stare isolati e lontani dalle persone a cui si vuol bene. Ma è una cosa che si può affrontare”.
http://bit.ly/1QXhk2T

Una missione particolare l’ultima di Kelly nello spazio: è stato il primo a coltivare e mangiare cibo nello spazio (foglie di lattuga romana). Nell’orto spaziale della NASA, pochi mesi dopo, ha fatto fiorire piante di zinnia. Non ha mai mancato aggiornamenti via Twitter, Facebook e Flickr che gli hanno dato modo di dimostrare anche le sue abilità di comunicatore.

Nelle oltre 500 orbite effettuate intorno alla terra, durante la “One Year Mission” Kelly ha dato sfogo ad un’altra sua passione per la fotografia, che gli ha permesso di regalarci centinaia di scatti mozzafiato della Terra vista dalla finestra panoramica più spettacolare. Apprezzatissimo infatti è stato il suo profilo instagram da 1 milione di seguaci, dove ha condiviso con il mondo la sua avventura nello spazio.

http://bit.ly/1S3JJ7x
“Ciò che abbiamo fatto nello Spazio dimostra che possiamo superare le sfide. Se possiamo sognarlo, possiamo farlo, se lo vogliamo veramente”.

Scott Kelly, il primo astronauta americano a passare un anno nello spazio. Ha passeggiato tra le stelle e coltivato fiori. Raccontato la sua avventura con immagini e parole che rimarranno nella storia. Fatto avanzare l’umanità nella strada per Marte, come? Ha messo i suoi interessi al centro della sua vita e la sua vita a disposizione dei suoi sogni.

Bee Free per Conto Facto

Like what you read? Give Conto Facto a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.