I miei interessi stories: Simone Brescianini

Tutti sognano.

“Sotto’ acqua non si sentono i rumori del mondo”

Ne si avvertono le differenze. Non si sente diverso Simone Brescianini quand’è sott’acqua, anche se fuori è affetto da trisomia 21.

Non rinuncia a godersi la vita e sceglie di accettarsi Simone, lo fa prendendo una decisione anticonvenzionale e coraggiosa: intraprendere un viaggio.

“Anche se sono Down, sono anche altre cose”
«L’obiettivo è quello di offrire un nuovo punto di vista sulla sindrome di Down, tralasciando i pietismi e mantenendo la narrazione leggera e divertente. Spesso sentiamo parlare i genitori dei diretti interessati: la mia più grande soddisfazione è aver dato modo a Simone di raccontarsi e di raccontare come interpreta la vita. Lui mi ha fatto crescere, mi ha fatto vedere le cose diversamente: senza filtri aggiuntivi e senza farsi condizionare troppo dal modo di pensare della società». Mauro Melgrati (cugino di Simone)

E così nasce l’idea di un’avventura one the road riassunta in un documentario agro-dolce, un racconto nato non per impietosire, ma per raccontare, oltre quello sappiamo, oltre la scorza di quello che immaginiamo.

Si chiama “Altrove” il documentario diretto da Cesare Cicardini che ha già vinto il primo premio nella categoria “International Short Film” al Bluenose-Ability Film Festival 2015.

“Altrove” non è il racconto di una vacanza, ma di un viaggio ben più importante, quello di Simone che lotta per trovare il suo posto nel mondo. Un percorso attraverso i desideri e le paure di chi con consapevolezza accetta la sua condizione e parte per non dar retta ai propri limiti.

Un viaggio oltre il confine: fuori dall’Italia e fuori dal luogo comune. Via dagli stereotipi.

“Ho chiesto a Mauro se potevo andare a trovarlo. Era il mio ventiquattresimo compleanno”

Simone è partito per seguire i suoi interessi, dimostrando che a volte il vero coraggio sta nel credere di essere all’altezza dei propri sogni.

Bee Free per Conto Facto

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Conto Facto’s story.