Essere o non essere… online [off topics]

claudia dani
Mar 25, 2020 · 4 min read

Online non posso e non voglio essere io, ma è davvero una scelta?

Tu che sei “yogica”… un frammento di una chiacchierata con un amico. Da qui parte la mia riflessione. Chi siamo online? colui che ( e lo ringrazio per lo spunto) si è rivolto a me incasellandomi in quel “yogica”, mi conosce da anni, da prima dell’arrivo di Instagram e compagnia danzante e conosce la “me analogica”. Da qui la domanda: se chi mi conosce da tempo si rivolge a me in quel modo è ovvio che i social sono entrati con prepotenza nella mia “vita analogica”. Più di quello che ritenevo.

Mi è stata appioppata una definizione, sono incasellata. E’ un bene?un male? Chi se ne frega! Il fatto da segnalare è che è accaduto— come in ogni altro aspetto della vita — e bisogna esserne CONSAPEVOLI.

Image for post
Image for post

La definizione yogica è dovuta ai post che trovate sul mio profilo Instagram. La parte per il tutto… posso decidere chi essere, in quale casella inserirmi.

La prima reazione è: se non volessi infilarmi in una nicchia? e se fossi più di una cosa? avessi più di una competenza? o forse un po’ di tutte ma nessuna che spicca?

Perché questo processo automatico si avvia? perchè lo mettiamo in moto?

La risposta è semplice. Perché online ognuno può essere ciò che più desidera davvero?! oppure si desidera quello che i like, i fan, i cuoricini ti chiedono di essere? o ancora è quello che si vuol mostrare agli altri o ciò a cui si tende, qualcosa a cui si vorrebbe dedicare più tempo.

Provo a rispondere.

Perché vogliamo che sia così. Si tratta di una scelta. Mostrare, chi essere, perchè — nel mio caso — lo yoga e non gli abbracci, perchè i primi piani di tazzine e cereali e non la mia famiglia sul divano. Tutti ragionano come me?

Son qui a chiedere la differenza fra essere online ed essere offline, ammesso che la si debba cercare. Ciò che mi interessa portare all’attenzione — che esista o meno una differenza fra quello che raccontiamo online e quello che siamo — rimane fondamentale essere consapevoli che le due dimensioni si sfidano, convivono, sono la stessa, si contrappongono, coesistono. E spesso ci confondiamo. L’unica ancora a cui aggrapparsi è la consapevolezza.

Assumere un atteggiamento consapevole rispetto a questo nostro — sottolineo nostro e attuale — mondo e portarlo ai propri figli.

La mia strategia al momento è banale: ogni volta che mi vien voglia di condividere qualcosa di più intimo del mio “personaggio online” mi chiedo: appenderei questa foto nella piazza principale della mia città con quella didascalia? mi rispondo e di conseguenza agisco.

Image for post
Image for post

Tutti hanno una storia da raccontare ma non tutte le storie sono da raccontare e non tutti lo sanno fare.

E i rischi?

Si condivide tutto digitalmente e così abbiamo perso il significato delle azioni. si condivide un caffè su Instagram e non con la persona con cui lo stiamo prendendo al medesimo tavolino del bar.

Ciò che arriva in rete è vero subito, anche se spesso non lo è. Questo è il primo rischio ciò che è condiviso è condiviso. Grazie al primo post di un’asana (posizione yoga) ho gettato le fondamenta per accaparrarmi il mio “yogica”.

Facciamo questo esperimento, proviamo a passare un giorno senza smartphone e senza essere online… ok ok almeno pensiamo di farlo.

Dunque?

Reazione:

  1. smarrimento
  2. solitudine
  3. cambio di prospettiva: sollievo
  4. abbandono senza colpa dalle proprie responsabilità di creatura social.

Non si può assumere una posizione specifica sull’essere o non essere online. Si tratta della nostra vita. Si tratta di un esperimento di sintesi tra uomo e tecnologia. Un dibattito senza fine che ognuno di noi dovrà condurre con se stesso ogni giorno.

Siamo nell’epoca della condivisione totale e immediata, per questo è essenziale offrire cose che restano.

Image for post
Image for post

Ora che #covid-19 ci costringe a stare sui social e a comunicare grazie a loro in via esclusiva come torneranno i conti con noi stessi?

imperativo femminile

una rassegna su imposizioni, luoghi comuni, banalità…

Medium is an open platform where 170 million readers come to find insightful and dynamic thinking. Here, expert and undiscovered voices alike dive into the heart of any topic and bring new ideas to the surface. Learn more

Follow the writers, publications, and topics that matter to you, and you’ll see them on your homepage and in your inbox. Explore

If you have a story to tell, knowledge to share, or a perspective to offer — welcome home. It’s easy and free to post your thinking on any topic. Write on Medium

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store