le donne non sono categorizzabili

In tempi in cui si discute per discutere senza pensare a quali sono i diritti delle persone davvero, credo di aver trovato LA soluzione alla questione femminile. Esagero? forse sarà la mia verità, quanto segue è quello che penso.

Il problema dello stare al mondo delle femmine? Chiaro le donne non sono categorizzatili.

Non è possibile inserirci in due o tre definizioni, o assegnarci delle caratteristiche semplici, ben definite. La donna è sfaccettata, complicata, composta da diversi elementi. Qui sta il problema, non sono comprensibili e non rientrano in categorie che altri definiscono. E’ più semplice rinchiuderle in categorie fittizie rispetto a comprenderle.

Ryan Flying School at Lindbergh Field Women students Barbara Kibbee1937.

Se non si rientra in nessuna delle categorie date è ovvio: o si è pazzi o si ha qualche problema, e noi stesse abbiamo problemi ad essere fuori dagli schemi.

In fondo la risposta è una sola: basterebbe pensare uomo e donna come esseri umani, semplicemente, come persone (se preferite questa parola). Non sarebbe necessario parlare di diritti e doveri di uomini, di donne, di madri, di padri, di omosessuali, di trans, di compagno, di mogli, di figli…

La risposta è così semplice: l’essere umano è un singolo con le sue peculiarità, ha diritti e doveri e rispetto per gli altri, indipendentemente dal fatto che abbia un apparto riproduttivo femminile o maschile.

Ancora più semplice: biologicamente, caratterialmente, sessualmente si è diversi esattamente come ogni singolo lo è.

Come ne usciamo? Come si fa?
Io che di parole mi occupo credo che un buon punto di partenza sia il linguaggio. Nel senso di:

>>cosa significa culturalmente e socialmente la lingua di una comunità<<

Fino a che questo non inizia a modificarsi sarà difficile tentare di instaurare davvero un cambiamento. Per maggiori dettagli avete gli altri miei “sfoghi” e ancora altro qui.

post originale su claclick.com.

--

--

--

una rassegna su imposizioni, luoghi comuni, banalità, verità, falsità sulle donne e sull’uso del linguaggio

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
claudia dani

claudia dani

a volte scrivo, a volte fotografo, mamma di due, in love, studentessa yoga

More from Medium

Everything I Know about Getting Paid as a Consultant I Learned from Comedians

Highlight of TrakPad’s “SECURING THE BAG” Webinar

Winning a Jury Trial with Apple, Windows, and Android All in Harmony

CS 371p Blog #5