L’anno che è stato

di Roberto Pighin

Bello poter parlare di consuntivi. Sono da sempre l’incarnazione di un obbiettivo. Per chi lavora dietro le quinte è la gratificazione di un anno di sforzi, e nello stesso tempo, un fantasma che accompagna per tutta la stagione. Ora finalmente possiamo dire che CNV MOTOASI.IT (Campionato Nazionale Velocità — ndr) esce dallo stadio embrionale di sperimentazione, e va a prendersi quel posto che si merita. Rispetto la stagione 2014 il settore è cresciuto rendendo giustizia alla mole di lavoro fatto.

Ma parliamo di numeri:

Settore Pit Bike — da 82 piloti del 2014 a 141 del 2015

Grazie al prezioso apporto delle nuove associazioni come Multimotors Sicilia e 2S Sardegna, e al costante lavoro di incremento piloti di 100 ottani e VPCHP, passando per MiniMotoBari che alla prima si sono presentati già con un folto manipolo di Pittari, questo settore oggi riesce a richiamare l’attenzione che si merita e il lavoro svolto non ha eguali.

Settore Scooter — da 25 piloti del 2014 a 52 del 2015

Anche gli scooter iniziano a riprendere il posto che si meritano. Entrati l’anno scorso nettamente in sordina, sono cresciuti in quasi tutte le associazioni, permettendo di aprire anche diverse categorie e regalando spettacolo in ogni gara.

Settore Ohvale GP0 — da 10 piloti del 2014 a 92 del 2015

E’ stata la vera rivelazione del 2015. La partnership stretta tra MOTOASI.IT e il Produttore Ohvale nella persona di Valerio Da Lio, genio del settore, ha portato una nuova concezione di competizione. La formula Mono Marca Ohvale non solo funziona, ma regala spettacolo, successo incredibile e crea uno spazio tutto dedicato agli Junior che, per evidenti limiti di dimensione, era precluso per le altre categorie. Insomma MOTOASI.IT ed Ohvale due facce della medaglia Made in Italy che aprono le strade della novità, sotto ogni aspetto.

Finale Nazionale — da 100 piloti del 2014 a 140 del 2015

Pomposa 25 ottobre 2015, resterà per sempre negli annali di MOTOASI.IT. Piloti arrivati da tutta Italia per giocarsi il nostro titolo di Campione Nazionale. Livello competitivo altissimo e gare da cardiopalma hanno certificato una formula assolutamente vincente. Senza ombra di dubbio, è proprio la prima delle tante finali che ci aspetteranno.

Evidenziando una crescita che ci porta da 117 a 285 piloti ci sembra che ogni altra statistica sia del tutto inutile. Parlano i successi, parlano i numeri e parlano le associazioni che quest’anno sono entrate a far parte della grande famiglia MOTOASI.IT. Grazie al lavoro di tutti i team siamo riusciti a raggiungere e sbriciolare quello che era il nostro obbiettivo a inizio di questo incredibile 2015. Il percorso non è stato per niente facile. Trovare unità di vedute e comunicazione che dimostrasse unione in tutto lo stivale è stato il primo ostacolo, ma devo dire che le persone che hanno deciso di concorrere alla creazione di CNV MOTOASI.IT hanno dimostrato un valore umano inaspettato e al di sopra della media. Nominarle tutte è impossibile ma ringraziamo le associazioni coinvolte nel progetto, questo risultato dimostra che volere è potere. E se questa è la base del futuro, allora il futuro è davvero già un successo, il fermento che sta accompagnando questi giorni è sintomo di un 2016 che vuole già bussare alla porta, proponendosi con una ulteriore evoluzione che alzerà ancora una volta l’accessibilità e gli obiettivi. Per questo piloti, team, organizzatori e partner dovranno ancora una volta alzare l’asticella e l’inverno sarà la palestra per tutti per trovare stimoli e nuove soluzioni, per mischiare ancora una volta le carte e per cercare quei campioni che tra pochi mesi si sfideranno di nuovo sulle nostre lingue d’asfalto.