Puoi chiederti qual’è il senso della tua storia? Dubbi e certezze del conoscersi.

Ci son cose che cominciano in modo semplice ed ordinato, calmo e tranquillo, per poi trasformarsi in un vulcano a cielo aperto, così è la vita nella maggior parte delle situazioni, qualcosa che non ti aspetti. Immagina quante son le cose che conosci, quanto riempiono la tua testa, tanto che ti sembra di conoscere tutto, che tutto sembra seguire un flusso stabilito. Il caso sembra giocarti un brutto scherzo, sembra avercela con te ma non è così, tu non puoi nulla del caso ed il caso non può nulla di te. Eppure sembra non bastarti la lezione, torni presto a pianificare, a metter ordine, a stabilire chi comanda nella tua vita.

Siamo nati in un angolo particolare di questo mondo, avremmo potuto nascere altrove che sarebbe capito tutto per noi, avremmo un altra storia, un altro destino, un altro karma, ogni mondo ha la sua storia e noi con lui, ogni conoscenza ci obbliga a rimanere nella storia in cui ci siamo abituati ad esistere. La forza la prendiamo dalle nostre convinzioni, che per come si allineano in noi ci fanno diventare forti e sagaci, o deboli e sconfitti.

Immagino quanto il mio pensiero inconscio sia frutto di continue correzioni che il mio inconscio costruisce per me, cancellando, facendo spazio, mantenendo un sistema coerente con se stesso, ma opportunamente libero di sviluppare la sua vita, pur rimanendo nella propria continuità cognitiva.

Ora provo a suggeriti una storia fatta di fantasia e di realtà, una storia che trapassi il senso ed il significato in cui mantieni l’idea di te stesso, la tua identità. Lo facci accompagnandoti come avrebbe fatto il tuo inconscio con te per farti sopportare tutto quel gran mondo che ti sei trovato a vivere attorno a te fin dal primo istante in cui hai iniziato a respirare.

ESEMPIO DI INDUZIONE PER POTER RISCRIVERE LA PROPRIA IDENTITÀ

Voglio che tu vada a cercare una posizione comoda nel tuo corpo e nella tua. mente, voglio che allinei in te i punti con i quali ti centri nel tuo equilibrio, nella tua pace e nella tua armonia, segui il tuo respiro e con respiri profondi coinvolgi energeticamente tutto il tuo corpo, fino a sentire di cambiare il tuo stato mentale quotidiano in uno stato mentale particolare dove accendi il contatto con il tuo inconscio…

E la mia voce ti accompagnerà, ma sarà la voce del tuo inconscio, sarà quella voce che da sempre ti accompagna e che fin dall’inizio ti ha messo in contatto con il mondo che ti è intorno….

E sei nato in un mondo che non ti conosceva e tu non conoscevi lui, e nulla poteva il mondo nei tuoi confronti e tu nulla potevi nei suoi, poco alla volta quelle incertezze si sono trasformate in certezze, e ora la tua mente è piena di convinzioni… e le più forti convinzioni riguardano la tua persona, tanto che quello che pensi lo credi vero, al punto da seguirlo come tale…

Voglio che tu chieda al tuo inconscio di riportarti indietro, di poterti portare a quel pensiero indifferenziato che avevi quando da bambino, in modo creativo, riuscivi a stupirti di ogni cosa e di ogni dunque, quando le domande sul perché riempivano, affollavano la tua mente… tanto eri libero quanto sereno di poter giocare con i tuoi pensieri, con quelle parole, con quelle sensazioni che ti dava il mondo che avevi intorno a te quando si incontrava con il mondo che avevi dentro di te…

Segui il tuo respiro ed immagina di poter scendere ancora più in contatto con quel mondo interiore e chiedi al tuo inconscio di giocare con te e di farti vedere quanto tutto quello in cui credi è frutto di tue convinzioni, dell’idea che ti sei fatto, delle esperienze che hai vissuto… è importante per te avere idee alle quali appoggiarti ma non dimenticare che sono solo appoggi momentanei sui quali non devi fare tanto affidamento perché cambiano continuamente, costantemente… è più corretto che tu ti ritrovi costantemente immerso nelle acque del dubbio che non nelle certezze che diventano gabbie…prigioni….

Devi abituarti a sopportare l’incertezza per aprire il tuo cuore a nuove verità, a nuove idee, solo così potrai adattarti ai cambiamenti continui che il tuo corpo e la tua mente si adoperano a fare per mantenerti in contatto col tuo mondo, con la tua vita… solo così potrai adattarti ai cambiamenti che il mondo esterno ti richiede, nuove situazioni, nuove idee, nuovi scopi e disegni di vita… solo così potrai aumentare la tua resilienza, la tua capacità di adattarti al nuovo, di cambiare, di rinnovare te stesso ancora e ancora….

Ora voglio che tu faccia appello alle tue energie, alle tue risorse, chiedendo al tuo spirito interiore di riprendere in mano la tua storia… tu sai di essere la storia che ti racconti, per quanto ci credi… per quanto ti dedichi a dirla e ridirla, voglio che immagini che la racconti così tante volte che per tante volte che la racconti essa cambia… cambia col tuo respiro, cambia col tuo sguardo, cambia col tuo ascolto, cambia perché ti senti diverso/a…

Ogni cambiamento è per te quindi fonte di nuova ispirazione e l’amore che puoi provare per il tuo inconscio è l’amore che provi per te…e la fiducia che provi nei suoi confronti è la fiducia che provi per te… bene… molto bene….

Ora puoi chiedere che venga raccontata una storia diversa su di te…che tu possa cambiare le cose che sei in grado di cambiare… che possano rimanere tali le cose che non puoi cambiare… e voglio che tu chieda al tuo inconscio di mantenerti sempre chiara la differenza tra queste due cose… lui è la fonte della tua saggezza ma è anche la fonte della tua leggerezza, lui è serio ma è anche giocoso, a te goderti i momenti diversi di questa sua abilità ad esserti vicino, a proteggerti e a guidarti…ma soprattutto ad essere sempre pronto ad aiutarti nel cambiare l’idea che ti sei fatto di te, della tua vita, delle tue esperienze, del tuo mondo…

Prenditi tutto il tempo che vuoi e di cui il tuo inconscio ha bisogno per sviluppare questa sua abilità a cambiare il mondo in cui vivi partendo dalla tua identità, gioca ad identificarti in quella libertà che ti fa sentire bene…segui la via del cuore che è facile da riconoscere… è la vita dove ti senti te stesso al meglio, è la via più semplice e rapida per essere…

Ogni volta che vorrai potrai tornare all’inizio del tuo mondo e immaginare di cambiare strada, di cambiare esperienze, di cambiare l’abito con cui ti sei vestito per anni, e rinnovando quel guardaroba mentale il tuo inconscio ti porterà a sognare e a sviluppare piacevolmente e liberamente il tuo futuro, ogni volta che vorrai…bene… molto bene.

Non so come ti senti ora è cosa può aventi suggerito il tuo inconscio, cosa abbia sottolineato per te è cosa sorvolato, rimani comunque per il tempo che desideri in questa storia che non é altro che la storia di una storia che ora senti tua, che senti fluire armonica, ora non riconosci più tua perché è sfuggita al tuo controllo, dove ora sei protagonista indiscusso, ed ora non puoi governar più nulla è tutto ti lascia, solo per un attimo e poi più nulla.

Eccoti la coscienza con le sue stanze, le sue porte, i suoi piani e le sue scale, eccoti i tuoi Sé che ora custodisci gelosamente coi suoi significati, è che presto lasci a favore di un nuovo abito fisico e mentale crescendo per il resto della tua vita, almeno é quello che speri, circondato da nuove persone, nuovi amici e conoscenti. Ti lascio al tuo tempo ma non dimenticare di dubitare ed ogni tanto di tornar ad immergerti nella acque fredde e profonde del dubbio, così a quel buio freddo e profondo ti ci abitui è non hai più paura.

Forse ti sei distratto, ti sei appisolato un attimo ma son passati anni ed ora a voltarti non ci credi, non è possibile, se capisci questa frase allora sai cosa vuol dire sapere che il tempo scorre via come sabbia tra dita … il tempo è volato sempre più rapido per me, vuoi perché il mio mondo ha così tante memorie da conservare che ora fatico a poterlo fare, e le cose dimenticate si portan via il tempo con loro e con loro la vita intera. Se non hai compreso quanto tutto sia transitorio e fugace allora o sei stato tanto fortunato o sei stato ingenuo è troppo distratto per ricordare,

Mi son ritrovato a cambiar vita più volte nella mia vita è per lo più in modo assolutamente inaspettato, son nuovamente felice di esser con le persone che amo e che mi riconoscono ogni giorno e le ringrazio perché confermano un sogno in cui mi son perso altrettante volte senza saper dove andare, ora mi fermo volentieri a questa fonte perché l’acqua è fresca e buona, per ora so che è un momento bello, vi suggerisco di fare tesoro delle cose belle che avete e di tenerle strette, dargli il tempo che meritano … così è la vita se vi pare … buona giornata miei cari.

Interferenze Quotidiane

Materiali di Ricerca dell’Istituto per lo Studio degli Stati Mentali. Prospettive del mashup culturale e scientifico.

Marco Chisotti

Written by

Psicologo Psicoterapeuta Ipnologo Ipnoanalista Giornalista http://t.co/gxpk6FJX

Interferenze Quotidiane

Materiali di Ricerca dell’Istituto per lo Studio degli Stati Mentali. Prospettive del mashup culturale e scientifico.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade