Un touch asintomatico

Siamo spesso persone sedute alla stessa tavola con dita indaffarate a digitare e orecchie sussultanti ad ogni richiamo dai social, lì apparentemente tutti insieme.

Abitiamo nello smartphone, è colpa sua o siamo noi che abbiamo trovato una nuova maschera per l’incomunicabilità, per non provare e non metterci in gioco?

Bimbi con colorati compatti games contenti assenti, buoni e seduti.

Coppie come single vicini per caso, niente da dirsi, sguardi intriganti verso il phone, mani che si sfiorano sono ora touch asintomatici su lettere ed emoticon. Cosa vibra? forse lo smart.

Quando non c’è campo? tragedia. Invece potrebbe essere un momento di pausa dalla rete, per scoprire che non essere mosca può essere un vantaggio. In caso di urgenza chi ha un altro gestore c’è, ve lo do per certo.

Sono nata senza web, l’ho usato fin dall’inizio e lentamente sto imparando quando farne a meno per stare con me o con chi è con me.

Riguardo ai bambini, bastano fogli e colori, un libro adeguato e genitori intorno che li ascoltano. Vero così non sono muti, ma i loro occhi sono vispi ed allegri e gli adulti lo divengono con loro.

“La tecnologia non è né buona, né cattiva, tantomeno neutra”. M. Kranzberg

Siamo sempre noi a scegliere.