Il nodo del populismo globale, del sentimento anti-establishment che va da Donald Trump a Beppe Grillo, dell’anti-europeismo di Orban, Kaczyński e Salvini, nasce anche nel rapporto malato tra governanti e governati e nelle difficoltà di ascolto che i primi hanno dei secondi, scrive Alessandro Lanni.