Netflix in Italia?

Una notizia per sentito dire


UPDATE: Oggi 12/05 è riandato in scena il trenino delle notizie con una sola fonte (questa volta Repubblica) che a sua volte non ha fonte (scusate il gioco di “fonti”).

Ho provato a chiedere lumi a Repubblica su Twitter e ho invece ottenuto questa risposta da Comunicare Digitale

https://twitter.com/ComunicareDigit/status/598211794298085376

Vogliamo tutti Netflix. Ne parliamo da anni. Ma per noi abitanti della penisola italiana il servizio di streaming di Menlo Park sembra solo una lontana chimera.

Sarà per questo che in Italia basta un sospiro di vento, una Supercazzola Antani ben pronunciata che l’intero scibile dell’informazione italiana decide che “Si, finalmente, Netflix arriva in Italia…forse.”

E’ quasi sicuro. Oramai è fatta. E’ praticamente tutto pronto. Queste le frasi più utilizzate, seguite da una serie di periodi ipotetici ad altissimo coefficiente di ipoteticità.

La storia è questa. Quando a maggio dell’anno scorso Netflix ha annunciato il suo arrivo in Germania, Francia, Austria, Svizzera, Belgio e addirittura il piccolo Lussemburgo (dopo UK e paesi scandinavi), molti hanno pensato a uno scherzo. E l’Italia? Non pervenuta. A quanto pare per problemi di banda larga limitata (e io aggiungo, per un parco diritti molto difficile da districare, in un paese dove tutto viene spartito tra Sky e Mediaset). Da quel giorno le voci si sono inseguite per mesi. L’unica possibile via percorribile sembrava fosse quella del co-branding con Telecom che si è detta disponibile ad accogliere la grande N (non la nintendo…) sulla propria “splendida” piattaforma (scusate lo “splendida” ma ho qualche problema con le telecomunicazioni), ma di cui però manca una conferma ufficiale da parte di Netflix.

Tutto il resto è fuffa. L’ultima “voce”, perchè di una “voce” si tratta, non si sa neanche di chi, viene così riportata da Tom’s Hardware (e da tutti gli altri più o meno nello stesso modo):

“pare che una fonte autorevole abbia confermato al settimanale (Variety NDR), durante un meeting della Business Location South Tyrol, che il servizio di streaming dovrebbe aprire i battenti nell’ultimo trimestre…”

Tanto è bastato per scatenare un inferno di “re-post” della notizia con tanto di corollario di “la banda larga non è all’altezza” e vari dati AGCOM su come solo il “73% degli italiani ha potenzialmente accesso ad internet, contro una media europea dell’81%.”

La verità? Non ce l’ho. Posso fare un’ipotesi basata su quello che è il mercato italiano: Netflix arriverà quando avrà sufficienti esclusive da proporre al suo pubblico (e che dovrà quindi sfilare a Sky e Mediaset, che nel frattempo hanno già “mangiato” lo spazio streaming con SkyOnline e Infinity) e la sicurezza di avere una rete (e quindi un pubblico) sufficiente per uno streaming in HD (oggi le serie su SkyOnline sono in SD).