Riprendiamoci Twitter, compriamolo tutti insieme: perché no?

Monta la campagna #WeAreTwitter, tra petizioni, discussioni e altre iniziative partecipate dal basso

bernardo parrella
Oct 20, 2016 · 2 min read

Di bernardo parrella

La possibilità di riflettere e organizzarci rispetto alla comproprietà di un’importante piattaforma d’uso comune (Twitter) come passaggio importante verso la proprietà condivisa di vari spazi digitali. Questo il tam-tam che sta innervando internet adesso, con le varie diramazioni della campagna #WeAreTwitter. A fronte delle voci insistenti sulla vendita dell’uccellino e dei successivi abbandoni da parte delle solite mega-corporation, cresce invece l’interesse degli utenti globali per un qualche tipo di acquisto collettivo, per la creazione di una specifica piattaforma-cooperativa.

Già, si tratta nientedimenoche di riprenderci internet e le piattaforme social. A cominciare magari proprio da Twitter, che si distingue perché fatto direttamente dagli utenti, senza filtri o algoritmi, e di forte utilità per l’informazione e l’attivismo di ogni livello, come si è dimostrato in tante occasioni in questi anni (a parte l’inevitabilità di bot, fake account e robette strambe).

Ecco perché un gruppo di suoi utenti (che lo amano davvero) ha lanciato la campagna per il suo acquisto sotto forma di piattaforma-cooperativa, come dettagliato un paio di settimane fa da Nathan Schneider sul Guardian. Oltre alla petizione (anche in italiano) da firmare e ridiffondere, c’è un gruppo di lavoro aperto e uno spazio di discussione su Slack. E tra le altre iniziative sparse, si prevede un incontro con i vertici dell’azienda a San Francisco per mettere sul tavolo proposte concrete in tal senso.

Non mancano insomma opportunità per riflettere, discutere e (yep!) coinvolgersi attivamente in una campagna tanto folle quanto intrigante, e forse perfino vincente.

Quel che conta è darsi da fare e mandare un segnale chiaro e forte ai big digitali: gli utenti, noi tutti, abbiamo e vogliamo avere voce in capitolo nella gestione e/o compravendita della “nostre” piattaforme. Qui si spinge affinché Twitter decida di lavorare con noi per condividere il futuro dell’azienda stessa con quanti l’apprezzano e la utilizzano al meglio. E più in generale, tocca a noi avviare e/o proseguire percorsi verso la definizione e la messa in atto di alternative alle cyber-omologazioni e ai nuovi info-monopoli, sull’onda di una critica continua dell’attuale scenario online, dai business model alle forme aggregative alla partecipazione diretta.

Come conclude la stessa petizione di #WeAreTwitter:

Twitter, ricordi i tuoi primi passi? Nessuno poteva immaginare che quell’idea dei 140 caratteri avrebbe avuto successo, e guarda un po’ dove siamo arrivati insieme. E insieme possiamo ancora creare qualcosa di fantastico. Dai, diamoci da fare.

bernardo parrella

Written by

Freelance journalist, media activist & translator mostly on digital culture issues, an Italian living in the US Southwest (@berny)

Medium Italia

La pubblicazione di Medium in italiano.

More From Medium

Top on Medium

Top on Medium

Apr 5 · 6 min read

13.3K

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade