L’Europa e le regioni: quali relazioni, scambi, prospettive

di Davide Giraldo

I ragazzi di BlogLab incontrano Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, intervistato da Tomas Miglierina, giornalista Rsi. Coordina Marco Corso, Varesenews.

L’incontro inizia con un’analisi dei dati dell’Eurobarometro, usciti di recente.

In Italia più della metà dei cittadini non vedono un effetto positivo sulla loro vita dato dal processo di formazione europeo. L’Italia quindi in questi dati risulta come una delle nazioni più euro-scettiche.

Raffaele Cattaneo al Salone Estense.

Raffaele Cattaneo quindi spiega la nascita di ideologie nazionaliste euro-scettiche in seguito a questi sentimenti della popolazione, sia in Italia che nel resto d’Europa.

Secondo Cattaneo, non è possibile veramente pensare che il nostro futuro possa prescindere dalle connessioni con gli altri. Senza Europa il nostro futuro è incerto. Che risposta si può dare ai nazionalismi? Noi cittadini europei dobbiamo costruire un’Europa diversa.

Bisogna continuare un percorso di pace e pensarci come comunità, altrimenti nel panorama mondiale scompariremo.

Secondo Raffaele Cattaneo la Vallonia ha esercitato questo potere anche per far sentire la propria voce. Le regioni, inoltre, hanno voce nel Consiglio Europeo delle Regioni.

C’è una grande contraddizione nella politica che ha perso la visione europea. L’Europa si è dimenticata di essere un SOGNO da costruire per dare a tutti i popoli pace e prosperità.

“Ma cosa si fa con i soldi Europei in Lombardia?” Questa la domanda di Tomas Miglierina a Raffaele Cattaneo. La risposta..

Si è parlato di politiche di coesione e di come i fondi europei alle regioni vengono usati per lo sviluppo territoriale, in particolare attraverso co-finanziamenti fra soggetti provenienti da differenti parti dell’Unione. In questo modo si crea un mercato complesso, che non permette di verificare direttamente quello che mostrano i dati.

Ringraziamo i nostri ospiti per aver partecipato a questo incontro a #glocal16.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.