I fiori

Non riesco a distinguerne uno dall’altro, ma a chi non piacciono?

di Martino Pietropoli


Non ricordo il nome di un solo fiore. Di qualcuno, dai. Solo di qualcuno.
Sapere che dello stesso tipo ce ne possono essere decine poi è una cosa che mi disorienta tanto da provocarmi il rifiuto di sapere quante varianti ce ne siano.

I fiori sono colorati per attrarre gli insetti, mi hanno insegnato. E gli umani, inevitabilmente. Col colore e con il profumo. I colori dei fiori sono innaturalmente naturali, o naturalmente innaturali. Niente o quasi nella natura ha i colori dei fiori, a parte i pesci tropicali che sono un po’ dei fiori che possono muoversi, con uno scheletro e dei muscoli.

Per il resto i fiori stanno indifferenti. Potessero bearsi della loro bellezza lo farebbero. Lo fanno forse, ma non lo danno a vedere.

I fiori li tagli e li raccogli in mazzi oppure li vedi crescere nel loro vaso. E sfiorire e ritornare cose verdi, gambi con foglie verdi e poi color cenere e nere che si preparano alla prossima fioritura. O che seccano e diventano cesti.

Non ne son certo ma credo che i loro petali sian sempre in numero dispari. Il che deve avere un qualche significato cabalistico, che di certo è una cosa poco naturale, un parto della mente che potendo contare dà un significato ad un numero, come se spiegasse qualcosa. Ma probabilmente ce ne sono anche che hanno petali in numero pari e questo negherebbe la lettura cabalistica o il significato divino del numero dispari, confutandone il senso.

I fiori devono essere accuditi e amati e restituiscono l’amore in colore e bellezza. O crescono selvaggi e naturali, anche se nessuno se ne cura. Sono forse i più belli: nella loro volontà di esistere ed essere stupendi.

Alla visita dei tre giorni ti chiedevano se ti piacevano i fiori. O forse se volevi fare il fioraio. Tutti credevamo che fosse per capire se eri omosessuale. Non ricordo cosa risposi: sì per provocare o no per evitare noie? Perché dire che non ci piacciono delle cose bellissime? Quanto stupido è l’uomo a volte.

I fiori a volte annunciano la nascita di un frutto. Trasformano la loro bellezza a volte stordente (la fioritura del pesco, quella del ciliegio) in qualcosa che è altrettanto bello e pure nutriente. Cibano il cuore, la mente e anche il corpo.

I fiori sono belli e piacciono anche ai militari. Credo.

Le immagini sono state scattate a Giardinity a Villa Pisani Bolognesi Scalabrin a Vescovana (PD), nell’annuale manifestazione sul giardinaggio.

Puoi seguire L’Indice Totale anche su Twitter e Facebook

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.