I Messaggi InMail di Linkedin

Cosa sono e come inviarli

(parte 1)


Più di 300 milioni di persone da 200 paesi del mondo, costantemente connesse per condividere informazioni, risorse, problemi, opinioni e consigli: un gigantesco matching permanente di richieste e offerte, opportunità e contatti, passaparola.

Stare su Linkedin è davvero come essere costantemente a un evento di settore per esporre i propri prodotti, sevizi, competenze, esperienza: sei sempre online e in ogni istante entri in contatto con qualcuno interessato a te e a quello che hai da dire.

Ci sono situazioni in cui occorre “forzare” il flusso naturale condivisione — interazione — contatto e scrivere a qualcuno in maniera diretta.

Qui entrano in gioco le InMail, la mail “a pagamento” di Linkedin. Vediamo come funzionano.

Cosa sono i messaggi InMail

Linkedin li descrive come “…messaggi che puoi inviare direttamente a un altro utente di Linkedin con il quale non sei in contatto.

Un messaggio InMail quindi ti permette di inviare notizie, informazioni, proposte commerciali, offerte di collaborazione a un qualunque utente Linkedin anche se questo non rientra nella tua rete di contatti (di grado 1, 2 o 3) o appartiene all’insieme di persone iscritte ai tuoi stessi gruppi di discussione.

Chi può ricevere i messaggi InMail

In realtà non puoi inviare messaggi InMail a chiunque. Per quella giusta dose di controllo del proprio account che il Social Network garantisce ai propri utenti, è possibile decidere di NON essere disponibili alla ricezione di messaggi InMail da altri utenti.

Tu stesso puoi decidere di impedire ad altri di inviarti messaggi InMail, andando in “Privacy e Impostazioni” del tuo Profilo, nella tab “Comunicazioni”:

e con la voce “Seleziona il tipo di messaggi che vorresti ricevere” (evidenziata in arancione qui sopra) bloccare le InMail da altri utenti:

Se quindi non riesci a inviare un’InMail a qualcuno è perché o questo le ha disabilitate nel suo Profilo, oppure non hai InMail a disposizione.

Ovviamente non puoi mandare un’InMail a un tuo contatto di Grado 1, non ha senso, mandagli un messaggio normale…

Come inviare InMail

Il procedimento è molto semplice e puoi avviarlo in vari modi. Il primo è dal profilo della persona alla quale vuoi inviare la comunicazione. Quando sei sul suo profilo clicca sul bottone grigio di fianco a quello blu “Collegati” per arrivare alla form di composizione dell’InMail:

Notiamo in particolare che, mentre nel campo Categoria puoi classificare il messaggio che stai inviando per “Opportunità di carriera”, “Offerta di consulenza” e altro, a fianco al campo dove scriverai il contenuto del messaggio ti viene mostrato a quale categoria di messaggi il destinatario ha dichiarato di essere interessato.

Presta attenzione, perché se la persona è interessata (nel senso che “è disponibile a ricevere InMail”) su determinati argomenti, è molto probabile che messaggi di tipo diverso non vengano considerati.

La scelta di una categoria differente, da quella per la quale la persona ha dichiarato interesse, NON blocca da parte di Linkedin l’invio dell’InMail: il messaggio viene inviato comunque, ma è più probabile che non venga aperto.

Notiamo anche, poco sopra il bottone blu per l’invio, una nota che ti informa del credito residuo e il tuo punteggio attuale.

Altro modo per inviare InMail è, ad esempio, dalla pagina con i risultati di una ricerca:

(segue)

x-posted from mimulus.it

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.