Livorno 2020 come nasce una sfida

Livorno 2020 è la sfida dei prossimi due anni per preparare imprenditori, commercianti, professionisti a competere da protagonisti nei mercati della quarta rivoluzione industriale favorendo lo sviluppo di una mentalità imprenditoriale proiettata sul lungo termine anziché sul breve termine.

Perché il 2020?

Perché a partire dal 2020 circa tre miliardi di giovani entreranno nel mondo del lavoro portando una trasformazione epocale. Sono i giovani della Generazione Z, nati dalla seconda metà degli anni ’90, la prima generazione 100% “digital native”.

Il mercato non sarà più quello di prima e se già oggi la competitività è un fattore di successo determinante, lo sarà ancora di più la capacità di relazionarsi con clienti “millennials” o “post-millennials” e di utilizzare in modo consapevole le tecnologie su cui fondare modelli di business innovativi.

Come comunicare per farsi trovare e soprattutto come trattenere l’attenzione di “clienti digitali” che sanno tutto dei prodotti o servizi che scelgono di acquistare online per riceverli subito e al minor prezzo?

Come nasce Livorno 2020?

Nasce osservando il ritmo con cui nascono e muoiono nuove realtà imprenditoriali e commerciali. Purtroppo molte nascono con una mentalità da impresari animati più dal desiderio di cogliere al volo delle opportunità di far soldi, che consapevoli di creare valore a lungo termine per la comunità.

Tutti iniziano un’attività convinti di fare una cosa diversa dagli altri, ma sono pochi quelli che ci riescono. Attenzione, non conta quanto sia nuova o moderna l’attività. Dal bar ai pannelli solari, dal bio-ristorante alla gestione di social, dalla paninoteca allo sviluppo di software, dall’enoteca alla creazione di siti: non conta l’attività (il “cosa”), ma la motivazione alla base della scelta (il “perché”) unita all’utilizzo consapevole delle tecnologie su cui fondare un modello di business innovativo.

I più decidono di fare quello che vedono in giro, copiando, adattando, spesso migliorando frettolosamente senza una vera anima innovativa. Fare quello che fanno gli altri è rassicurante, così molti finiscono per riprodurre in modo passivo modelli di business inefficaci e comportamenti inadeguati ad un contesto in accelerazione esponenziale sempre più complesso da decodificare.

Ecco dove affonda le radici la proposta dell’Associazione Culturale Livorno 2020: fare il primo passo utile per costruire una nuova mentalità imprenditoriale riunendo gli imprenditori più visionari, più innovativi del territorio, per confrontarsi insieme sui temi di maggiore attualità e costruire attività in grado di competere nei mercati della quarta rivoluzione industriale.