7 minuti

Lo spettacolo sulla lotta di classe

News dell’ 8 maggio 2017 — www.marcoasteggiano.com

Venerdì 28 aprile 2017, la Fondazione Ferrero di Alba ha ospitato l’anteprima di “7 minuti”, lo spettacolo realizzato, come ogni anno, dal Laboratorio teatrale del Liceo Classico “Govone”.

I temi del rispetto sul posto di lavoro e delle battaglie sociali e sindacali per la dignità dell’essere umano sono stati i veri protagonisti della vicenda narrata, tratta dall’omonimo spettacolo teatrale di Stefano Massini che ha ispirato, recentemente, il noto film di Michele Placido, con Ambra Angiolini, Cristina Capotondi, Ottavia Piccolo e Fiorella Mannoia tra le interpreti principali.

Con l’intento di elevare culturalmente i suoi fruitori verso un’idea di convivenza piú umana tra le diverse classi sociali, “7 minuti” costringe il pubblico in sala a porsi una domanda molto semplice: il posto di lavoro é un diritto o un privilegio?

Le diverse opinioni che possono manifestarsi su questo argomento sono simboleggiate da undici operaie di una fabbrica che ha appena sfiorato la chiusura.

Operaie che sono chiamate a rappresentarne tutta la forza lavoro della fabbrica, circa 600 lavoratrici, in sede di trattativa sindacale con la nuova proprietà.

Alle stesse viene lanciata una proposta: la rinuncia a soli 7 minuti su 15 della loro pausa pranzo, in cambio del mantenimento di tutti i posti di lavoro, sia delle impiegate che delle operaie.

La proposta, inizialmente giudicata con favore dalla maggioranza delle undici protagoniste, inizia lentamente a provocare conflitti sopiti ed inaspettati tra le stesse, portando ad una votazione finale dal risultato del tutto imprevedibile.

In un momento storico di crisi economica continua, come quello che ogni lavoratrice ed ogni lavoratore stanno vivendo oggi in Italia come in qualsiasi altro paese, lo spettacolo proposto dal “Govone” offre ulteriori spunti di riflessione.

Le undici studentesse sul palco, tutte alla loro prima esperienza recitativa, non si fanno soltanto carico dei sentimenti di chi le osserva, ma riescono nel fiero intento di evolvere il discorso proposto dal testo originale, sviluppando ad esempio, a livello drammaturgico, la contrapposizione tra lavoratrici che è propria del testo originale e rappresentando soprattutto un conflitto tra donne.

Lo spettacolo “7 minuti”, nella versione del “Govone”, raggiunge pertanto il suo climax nel mostrare madri contro figlie, operaie contro impiegate, immigrate contro cittadine regolari, accomunate tutte da un unico grande conflitto interiore, umano e sociale: quello che sussiste tra il desiderio di opportunità ed il desiderio di dignità, soprattutto femminile.

Interessanti i numerosi parallelismi che in molti possono trovare tra questa pièce e “Dodici uomini arrabbiati”, lo spettacolo di Reginald Rose che ha ispirato Stefano Massini proprio per “7 minuti” e che era stato proposto, sempre dal Govone, nel 2011, con il titolo de “La parola ai giurati”.

All’epoca, i giovani attori del “Govone” avevano interpretato dodici esponenti di una giuria, chiamati a decidere il destino di un uomo accusato di omicidio.

Le analogie più importanti che intercorrono tra i due spettacoli sono evidenti: l’iniziale convinzione che la decisione da prendere sia molto facile, la tensione progressivamente crescente nei dialoghi, il passaggio di molti personaggi da una scelta iniziale data per scontata ad una scelta diametralmente opposta e l’imprevedibilitá del finale.

Imprevedibilità che si presenta, da molti anni, come la vera ed autentica firma del Laboratorio teatrale del “Govone”…

…e chissà cosa ci proporranno i ragazzi del Liceo Classico di Alba il prossimo anno.

“7 minuti” è stato successivamente portato in scena domenica 21 maggio 2017 alle ore 21.00, al Teatro Sociale di Alba.

Scheda

“7 minuti” di Stefano Massini
Adattamento e regia di Luca Franchelli.

Interpreti:
Blanche — Beatrice Maria Stella
Mireille — Narcisa Nicolau
Sabine — Chiara Groppo
Rachel — Asia Bordino
Agnieszka — Sara Boffa
Mahtab — Giorgia Rivetti
Zoelie — Silvia Gobetti
Arielle — Maddalena Pieroni
Sophie — Sofia Patrito
Lorraine — Gloria Bergolo

Con la partecipazione di Serena Micca nel ruolo di Odette.

Assistente alla regia — Letizia Alessandria.
Luci e suono — Gioele Giachino.

Collaboratori — Federica Santi, Andrea Chiotti.

Marco Asteggiano

www.marcoasteggiano.com

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Marco Asteggiano’s story.