Pillole di saggezza di Umberto Eco

Durante l’incontro ad Alba con Cristina Demaria

News del 7 giugno 2016 — www.marcoasteggiano.com

All’inizio di giugno del 2016, la Sala Vittorio Riolfo del Cortile della Maddalena di Alba ha ospitato l’importante incontro con Cristina Demaria, docente di Semiotica presso l’Università di Bologna e amica personale del compianto scrittore e semiologo Umberto Eco, venuto a mancare solo pochi mesi prima.

Al centro del dibattito proposto, vi è stata la rievocazione di Eco attraverso la lettura di una parte, piccola ma interessante, dei suoi scritti. È stato ricordato, innanzitutto, il semiologo, lo scrittore, l’autore di saggi di importanza internazionale sul Medioevo e non solo, ma anche l’uomo, con i suoi difetti e la sua smisurata ironia, quella che sapeva esprimere, in particolar modo, nei momenti più drammatici.

Dell’autore del romanzo best seller degli anni ’80 “Il nome della rosa” è scaturito, durante la breve ma intensa conferenza albese, un ritratto gioviale e persino paterno, quello di un professore atipico e fuori dagli schemi, in grado di far ritornare alla semplicità originaria la più difficile delle discussioni, trovando sempre la via decisiva per arrivare al cuore del suo interlocutore: quella dell’umiltà.

Proprio lo studio sulla Semiotica, ovvero sul significato e sulla sua evoluzione nel costante rimando di segno in segno, ha costituito la parte centrale della discussione. Cristina Demaria si è rivelata un’ottima interlocutrice sull’argomento, anche se ha umilmente declinato, in più di un’occasione, durante il suo intervento, l’attributo di “vera erede spirituale di Umberto Eco” che diversi partecipanti avrebbero voluto affidarle.

Notevolmente apprezzato anche il suo intervento suoi pesanti tagli alla Scuola pubblica ed all’Università che hanno caratterizzato gli ultimi anni del nostro Paese.

Nel video, una parte del suo discorso.

L’incontro è stato organizzato dalla condotta Slow Food Alba Langhe e Roero in collaborazione con l’Associazione Latorrecultura, sempre più presente sul territorio.

Marco A.

www.marcoasteggiano.com

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.