C’è questa parola inglese 'overwhelmed' che mi piace un sacco. Mi piace per definire lo stato d’animo in cui spesso mi trovo, troppo spesso, davanti al computer — …ma anche smartphone o tablet. Overwhelmed si traduce con sopraffatto secondo il Google Translate, ma io ci associo un sacco di sfumature che in italiano non ci sono. Mi riporta all’immagine di un macigno sulle spalle e la sensazione di camminare lento, a fatica, su un terreno difficile e senza saper bene quale bivio prendere.

Mi sento overwhelmed tutte le volte che apro il pc — o tablet o smartphone — e mi propongo di scrivere qualcosa. 
Mi sento overwhelmed mentre mi preparo e butto l’occhio su Medium e vedo un (altro) articolo che sembra scritto per me, magari linkato a un blog che all’improvviso si rivela come il blog più interessante del mondo. Allora lo aggancio a Feedly e già che ci sono do un occhio allo stream dei post di Crescita Personale e ne trovo 2 o 3 che val la pena leggere.


Tutti questi interessanti post da leggere orbitano attorno al tema che più mi sta a cuore: scrivere — e magari farci pure qualche lira, perché no.

Non sono uno scrittore ma ho sempre avuto la presunzione di scrivere bene, diciamo che mi do un 7. Se mi impegno e sudo arrivo pure all’ 8. Non mi considero uno scrittore perché dello scrivere non ci vivo, ma oggi più che mai ho voglia di prendermi sul serio, di esercitarmi e di coltivare e sfruttare questa abilità. Infatti mi frullano varie idee nella testa tra blogs ed e-book vari.


Dicevo.. Mi sento overwhelmed perché impazzisco tra la sete di leggere e il desiderio di scrivere, tra l’insicurezza, l’inesperienza e il perfezionismo.

Per fortuna il rimedio c’è: fare pratica, fare esercizio, scrivere di più — anche se significa leggere di meno — e violentarmi, obbligarmi a svuotare le budella e a scrivere di qualsiasi cosa.

E così sia….


Se ti è piaciuta questa storia, puoi cliccare su recommend.
Se non ti è piaciuta mi piacerebbe sapere
perché.
Se ti va di aggiungere qualcosa, puoi farlo
qui sotto.
In ogni caso,
grazie.