Impressioni del mattino

Come tende che velano la vista, nel confine tra sonno e giorno. Sembra esistere qualcosa oltre questo velo.

Il mattino, quando è ancora notte ed una linea appena accennata di colore infrange il buio e lentamente sale dalla terra per dipingere il mondo che si sveglia. Mi piace uscire di casa e nel silenzio delle strade assopite muovere i primi incerti passi nel parco dietro casa, sentire gli uccelli che con i loro canti annunciano la giornata, mentre nebbie e contorni si confondono. In questo regno sospeso, tra il sonno e la ragione, prima che l’umanità inizi ad affannarsi per raggiungere uno stato di pienezza che sembra sempre irraggiungibile, la mia mente scivola nei fossati ed inizia a formare pensieri che assomigliano alla foschia che sale dai piccoli canali. Mi soffermo così su tutti quei fenomeni che diamo per scontato o di cui mai ci interessiamo. Questa stessa nebbia mi affascina, mi sorprendo nel riflettere e le parole fanno difficoltà a trovare la loro strada: cosa spinge le molecole d’acqua a salire verso l’alto? Di colpo un aspetto in apparenza banale mi sembra sconcertante nella sua perfezione. Non è solo scienza quello di cui faccio fatica a parlare, è proprio il senso delle cose, come si incastrano, come interagiscono e si regolano in modi che noi possiamo solo limitarci a ignorare o al massimo a spiegare con qualche formula, ma non a comprendere e tantomeno ricreare. Non parlo di produrre della nebbia, parlo di ordinare acqua, temperatura, campi magnetici e chissà cos’altro per fare sì che l’acqua diventi vapore e di là dolce fantasma che scivola tra il mondo che si sveglia. Nei miei semplici passi in un parco di una città accadono fenomeni continui e incredibili nel loro ordine, e pare quasi di intuire qualcosa oltre tutto questo ma è già tempo di tornare nel mondo, nei gesti, nelle parole che non possono parlare di cosa c’è oltre quel velo.


Originally published at akwariom.wordpress.com on February 18, 2015.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.