Bonaparte


Alessandro e Cesare,
così vivi da sentirli parlare,
cavalcare,
attraversare il mondo.
E poi Bonaparte, furioso,
sul bianco cavallo rampante,
genio, fulmine di guerra,
distrutto e spazzato via,
caduto dopo aver annaspato
oltre la grigia cortina del cielo.
Pazzo, bruciato
come Empedocle,
per essersi spinto troppo in alto
con le sole sue forze.
Io di fronte a questi
non lascio morti dietro le spalle
- per fortuna! -,
ma porto il peso di un destino
qualsiasi.


Scritta nel 1996.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.