Il tuo lato latino


La rima rada
rompe, resta, ride, ruba
e le tre tipiche tristezze
trastullano il tetro timore tumescente.
Sarà stato sì il sigillo sismico
a sviluppare sogni sospettosi,
ma lega lì il lembo liso,
la lama lucente
e le lievi linguette;
libera lesto il tuo lato latino
e vivi vagando per ville e villani
tra valli, villaggi
e vinti viandanti.


Scritta prima del 1995.