Notte


La notte
che sale dai boschi di canne,
che odora di erba e di muschi,
mi prende le vene dei polsi
prima che l’anima,
che io colsi
nel fragile tocco della mano
quando mi volsi.


Scritta prima del 1995.

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Michele Diodati’s story.