Centro risorse “Aldo Moro”: una “risorsa” inutilizzata.

In città esiste un centro risorse ubicato in via Aldo Moro, gestito dall’ITIS di Andria. Questo, in base a una convenzione trentennale, avrebbe dovuto destinare tale centro ad azioni contro la dispersione scolastica e la frammentazione sociale in zone ad alto tasso di presenza di criminalità organizzata, attraverso la progettazione e la realizzazione di attività ludiche, sportive, culturali, sociali, civili, espressive e professionalizzanti. Per tali obiettivi, era stato previsto il coinvolgimento dei vari attori sociali, ovvero, scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, associazioni, comitati, cooperative e Comune.

Detta struttura è composta da una sala polifunzionale e di un impianto polisportivo all’aperto.

Peccato che tutti quei buoni propositi siano rimasti lettera morta perché, a oggi, la struttura risulta essere in stato di semi abbandono dal momento che è utilizzata soltanto dall’ITIS per le attività sportive scolastiche, da giugno a settembre.

In realtà, il campetto di calcio esterno è utilizzato anche dai ragazzi del quartiere. Il vero problema è che l’ingresso al campo avviene scavalcando l’alta recinzione. Azione questa che rappresenta un serio pericolo per quelli che dovrebbero essere i fruitori naturali di quel luogo.

Certo, l’atteggiamento di quei ragazzi non è sicuramente condivisibile, però, in qualche modo, gli stessi sono spinti a rischiare, data la mancanza di centri di aggregazione nel quartiere.

Più che una risorsa per il quartiere, il centro sta diventando un pericolo per lo stesso e un cattivo esempio di mancato utilizzo di opere pubbliche.

Solo nei mesi estivi la Manzoni Sport, in collaborazione con l’ITIS, da 5 anni attua un progetto, il PlayVillage Camp, che coinvolge i bambini, ragazzi e adulti provenienti anche da altre zone della città, dalla fine dell’anno scolastico all’ inizio del successivo organizzando attività sportive e ricreative. Da giugno a settembre, i ragazzi accedono alla struttura dal cancello principale e provvedono al mantenimento del decoro della struttura.

Far ritornare quel centro alle funzioni per cui era stato progettato, in via definitiva e non solo per pochi mesi, sarebbe un ottimo investimento per l’intera comunità e un segno tangibile della volontà politica di “puntare” sulle future generazioni.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.