Valentina Di Michele
Feb 7 · 5 min read
foto: Unsplash — Raw Pixel

Lo UX Writing è è una tendenza recente nella comunità dello user experience design.

Nata come attività ultra-specialistica all’interno di colossi digitali anglosassoni (come Google, PayPal o Dropbox), quella dello UX Writer è diventata nel corso del 2018 una professione in rapida ascesa anche in Europa.

Scheda UX Writer di Google

In Italia, però, c’è ancora molta confusione sulle attività che svolge e sul suo ruolo all’interno del gruppo di lavoro.

Nel nostro paese infatti gli UX Writer puri sono pochi: in molti si occupano anche di Architettura dell’Informazione, di Content Design, di Design delle conversazioni (o Conversational Design), di Scrittura per le Interfacce (UI writing), di technical o business writing. In contesti meno strutturati (agenzie o società digitali medio-piccole) sono i Content Strategist a curare tutti gli aspetti della progettazione delle parole.

Con questo articolo proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Cos’è lo UX Writing

Il termine è nuovo, ma il lavoro esiste da tempo. L’UX Writing è una metodologia per la scrittura dei contenuti delle interfacce di siti web, app e servizi digitali, e aiuta gli utenti a interagire meglio e completare i processi pensati per loro.

Fino a qui, tutto bene.

Lo UX Writing è una metodologia: inizia dalla ricerca sugli utenti e finisce con il testing. In mezzo c’è la scrittura, che è una forma di “traduzione” tra la lingua di chi progetta e sviluppa e la lingua delle persone comuni che usano un servizio o prodotto.

FAQ di Dropbox

La natura delle interfacce digitali richiede testi brevi, e infatti lo UX Writer produce microtesti (microcopy):

  • bottoni (come le call to action);
  • voci di menù;
  • messaggi di errore e di conferma;
  • placeholder;
  • moduli di contatto;
  • moduli di iscrizione (a corsi, newsletter etc.);
  • stati vuoti;
  • termini e condizioni;
  • FAQ;
  • pagina 404;
  • istruzioni.

Ma anche tutte le parole che troviamo nelle interfacce quando, ad esempio, acquistiamo dei prodotti o completiamo un acquisto nel carrello.

Esempio di microtesti di Amazon

I microtesti dello UX Writing hanno quindi l’obiettivo di semplificare le azioni delle persone e di renderle naturali: la regola è quindi “don’t overdo”, non esagerare.

Messaggio di transizione tra due domini (da Booking a GotoGate)

Sono parole che commentano le interfacce e guidano le persone, e hanno effetti anche sulla progettazione dell’architettura informativa e della navigazione dei prodotti digitali.

I messaggi trasparenti che parlano nella lingua naturale degli utenti e fanno compiere in maniera semplice e quasi automatica dei processi complessi, sono da preferire a quelli più ricchi che usano un linguaggio tipico dell’advertising o del copywriting tradizionale.

Nello UX Writing si preferisce il plain language (lo “scrivere chiaro”): più la lingua è simile a quella delle persone che usano il servizio o prodotto, più la useranno (e quindi acquisteranno o compiranno azioni sul sito/app).

Modulo di richiesta di aiuto di Lastminute.it

Per conoscere a fondo le parole che piacciono di più agli utenti, l’UX Writing comprende anche lo studio iniziale del pubblico che userà il prodotto e continui A/B test sugli utenti finali: i test migliorano i microtesti perché evidenziano quelli che le persone tendono a scegliere di più.

L’UX Writing, come abbiamo visto, non è un copywriting “ristretto”, ma può essere una delle mansioni di un Content Strategist, che ha una visione completa della strategia dei contenuti di un servizio o prodotto digitale.

Microtesti di Uber

I “ferri del mestiere” dello UX Writer

Tra i ferri del mestiere di un professionista della scrittura, anche se tecnica, ci sono innanzitutto la conoscenza della lingua di riferimento e delle tecniche di base del copywriting.

E ci sono poi competenze specifiche:

  • visione completa del flusso digitale da “raccontare”;
  • conoscenza dei processi tecnologici che dovrà “tradurre”,
  • conoscenza dei fondamenti di psicologia e delle neuroscienze;
  • capacità di disegnare o di trasportare nella scrittura le guide di stile e il tono di voce dell’azienda;
  • consapevolezza dei principi di base di usabilità e di testing.

E in ultimo, come ciliegina sulla torta, la capacità di narrare. Senza abusare della parola storytelling (che esiste: come user story e UX storytelling), dare la forma di una storia all’interazione dell’utente con un processo (di acquisto, di registrazione, etc.) rende il flusso più attraente e riduce il carico cognitivo.

foto: Unsplash — Hal Gatewood

Lo UX Writer lavora in team

Scrivere testi brevi che commentano l’interfaccia in modo intuitivo, chiaro e univoco ma rispettando nello stesso tempo le guide di stile dell’azienda non è facile.

Anche nel sistema-lavoro italiano, dove le professioni sono meno verticali e i ruoli sono più eclettici, uno UX Writer non lavora mai da solo.

Di solito è inserito in un gruppo di lavoro composto almeno da uno UX Strategist (o un Project manager) che ha la visione completa del progetto, un designer e uno o più sviluppatori.

Nei casi migliori, il team è ampio e composto da Content strategist, Architetti dell’informazione, UX Writer e Content designer che lavorano insieme al gruppo di sviluppo, sulla base di ricerche sugli utenti e con test di usabilità finali.

foto: Unsplash — Raw Pixel

In breve

Lo UX Writer è una figura ancora poco diffusa in Italia, spesso confusa con il copywriter tradizionale. Il suo ruolo è più vicino a quello di chi progetta le architetture verbali dei prodotti e servizi digitali e dei software, ma ha molti punti in comune con il business e il technical writing, il product e il service design e i testi delle interfacce conversazionali.

Vuoi saperne di più?
Il gruppo Microcopy & UX Writing Italia è una community dedicata a chi scrive per lavoro testi e microtesti di siti web, app e servizi digitali. Troverai suggerimenti e consigli utili per lavorare: vieni a trovarci!

Microcopy & UX Writing in Italia

Parliamo di scrittura e user experience in tutte le forme: ux writing, microtesti, content design, technical writing e altro ancora

Valentina Di Michele

Written by

Sono una Digital Content Strategist. Mi trovi su www.officinamicrotesti.it e www.valentinadimichele.it.

Microcopy & UX Writing in Italia

Parliamo di scrittura e user experience in tutte le forme: ux writing, microtesti, content design, technical writing e altro ancora

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade