Open space e lavoro flessibile

Nuove metodologie e spazi condivisi per un business Agile

Il lavori digital sono flessibili e lo sono sempre stati, i pionieri del web erano nomadi in cerca di un luogo che mettesse d’accordo il bisogno di concentrarsi e quello di non isolarsi. Il timore era quello di perdere i rapporti umani e quindi anche quei preziosi spunti che spesso portano a una soluzione innovativa.

Lavorare da casa, al bar o nei luoghi pubblici non è così divertente come può sembrare, ed è così che nasce l’idea del coworking, a San Francisco nel 2005, ad opera di Brad Neuberg.

Un luogo condiviso dove i professionisti e le loro competenze trovano spazio e possono confrontarsi.

Ad oggi in Italia è una realtà in espansione perché offre molti vantaggi sia in termini operativi che di community, intesa come rete di contatti e scambio di competenze.

Per molte startup questi luoghi sono la cabina di controllo per lanciare il proprio business, sfruttando la struttura stessa del coworking come mezzo per testare i propri prodotti e i propri servizi.

Sempre più in linea con la filosofia di Lean Startup, nata nella Silicon Valley, basata su approccio fatto di continue verifiche e modifiche della strategia per mantenere l’offerta in linea con la domanda, gestendo costi e riducendo il rischio di insuccesso.

Perché questo avvenga è necessario avere innumerevoli interazioni tra i professionisti che lavorano al progetto e quelli che fanno da tester, migliorando la comunicazione e la formazione del team stesso.

In un mondo che corre così veloce è necessario essere sempre aggiornati e avere la possibilità di condividere uno spazio, con persone che hanno i nostri stessi obiettivi, mettendo in campo tutte le skills necessarie a creare un ambiente fertile per sviluppare processi di Learning by doing.

Anche i nuovi metodi di sviluppo software come l’Agile o ASD crescono nei coworking più innovativi. Secondo il Manifesto Agile del 2001:

- le persone e le interazioni sono più importanti dei processi e degli strumenti.

- è meglio avere un prodotto sempre funzionante, e quindi sempre aggiornato, che tanti documenti.

- si lavora a stretto contatto con il cliente e lo si coinvolge nel progetto, gratificandolo e ottimizzando così i tempi di consegna.

- bisogna essere flessibili e adattabili, rispondendo ai cambiamenti e allo stesso tempo seguendo la pianificazione.

Avendo a disposizione molte persone con competenze diverse applicare questi metodi è più facile, inoltre coinvolgere il cliente diventa un’opzione più piacevole se lo si fa in spazi ben strutturati e attrezzati.

Nana Bianca offre ai freelance e alle PMI la possibilità di evolversi seguendo i trend più innovativi e sostenibili, creando una rete di professionisti e di competenze e, perché no, divertirsi e godersi la giornata lavorativa all’interno degli open space ampi e ben arredati, organizzare meeting nelle sale riunioni attrezzate e fare una partita a calcetto durante la pausa caffè.

Entra a far parte della nostra community digitale. Per avere più informazioni e contattarci visita il nostro sito qui.