NDS — Zelda Spirit Tracks

Allora partiamo da un presupposto: è Zelda, e avere Link verde e carino che scorrazza per lo schermo da sempre un voto di partenza 15. Poi devo dire che rendere interessanti i movimenti nelle praterie senza Epona è difficile, e portare le belle dinamiche di Wind Waker sul piccolo schermo non era una sfida facile. Eppure giocare con i trenini ha il suo perchè: le locomotive esplosive rendono interessante (anche se a volte idiota) la fuga.

La storia è sempre la stessa seppure sia estremamente nuova.

Come ogni volta, vale il principio espresso nel commento di EDGE magazine: “Spirit Tracks’ aging tricks continue to carry you back into the narcotic realms of pure ritual, until you’re deep in the caverns yet again, holding the magic yellow boomerang once more, and wondering what quirky brilliance it will bring with it this time

Voto: 19/10 (less than Minish Cap, but way more than Link’s Awakening)

The best way to celebrate the 15th instance of this serial game is EDGE magazine’s comment: “Spirit Tracks’ aging tricks continue to carry you back into the narcotic realms of pure ritual, until you’re deep in the caverns yet again, holding the magic yellow boomerang once more, and wondering what quirky brilliance it will bring with it this time

Show your support

Clapping shows how much you appreciated Marco Montanari’s story.