Snapchat per il giornalismo: il tg per ragazzi in 10 secondi

Si può fare informazione su Snapchat? Chi lo fa? E come? Foto, video della durata massima di 10 secondi, colori, emoticon, poco testo, filtri e lenti che modificano i volti. Il linguaggio di Snapchat ha questi come elementi chiave e soprattutto fuori dai confini italiani il laboratorio di Snap-Informazione offre molti spunti. Ho pensato di raccoglierli in questo spazio, un appuntamento spero almeno settimanale per condividere esperienze digitali.

Parto con un salto in Svezia, rimando lo sguardo sugli Stati Uniti in cui Snapchat è strumento usato in modo vivace e creativo. La Svezia ha la più alta percentuale di adolescenti su Snapchat (57%) e ha un progetto interessante che parte da un programma di informazione per ragazzi. L’ho scoperto a Ginevra, alla Masterclass organizzata dall’Ebu, European Broadcasting Union (qui il link alla prossima edizione) direttamente da una delle giornaliste che lavora per la SVT, la televisione pubblica svedese. Malin Andersson ha presentato la striscia quotidiana di informazione per bambini e ragazzi, ha spiegato come lavorano e perché hanno deciso di buttarsi (anche) su Snapchat.

Lilla Aktuellt è il programma di informazione per bambini e ragazzi in onda sulla televisione pubblica svedese.

In redazione si sono chiesti come parlare ai loro ascoltatori, come essere più vicini al loro mondo e la risposta è stata: Snapchat.

Una redazione di venti persone tra giornalisti, fotografici etc. Nessun social media team. La sfida per loro è stata anche questa. Le loro storie hanno circa 800 visualizzazioni (dati di settembre), dieci nuovi follower al giorno.

I numeri non reggono il paragone con la tv (150mila spettatori) o con i follower su Instagram (quasi 30mila, sono cresciuti rispetto al dato mostrato nelle slide che a settembre era di 25mila follower) ma per una volta non è questo il fattore determinante.

«Be where the audience is» è stato il motto che li ha guidati.

Cosa pubblicano su Snapchat

Dietro le quinte del lavoro in redazione, del programma, degli incontri con i ragazzi in studio. Ma anche contenuti creati appositamente: quiz, interviste, call to action (con la regola che a chi partecipa si risponde sempre). Usano molte lenses, colori, emoticon: sempre per dare significato, mai come decorazione. In vista dell’uscita dell’ultimo libro di Harry Potter hanno per esempio realizzato un quiz sugli elementi chiave del romanzo e del film, guidano i ragazzi nello studio del programma, trattano di temi di attualità.

Su Snapchat li trovate come @lillaaktuellt (E sì, scrivono in svedese…)


Gli spunti su Snapchat per il giornalismo saranno anche sulla pagina Facebook We are Snapchat.

Le foto delle slide su Lilla Aktuellt sono state scattate durante la loro presentazione a Ginevra per la Masterclass organizzata dall’Ebu (European Broadcasting Union)