Creare #mappe personalizzate online con smartphone

(qualcosa a metà tra post e tutorial)

(foto di www.geonue.com)

Ricetta

creare una mappa online personalizzata senza utilizzare il pc e avvalendosi soltanto di dispositivi mobili connessi a internet e con gps attivato. Una mappa in cui nei singoli punti di interesse generati possiamo inserire contenuti quali: testo, foto o video.

Ingredienti

  • un pizzico di curiosità per la mappatura civica (non tutti l’hanno, ma in molti si trova),
  • uno smartphone o tablet connesso a internet e con gps attivato (uno smartphone l’abbiamo tutti),
  • installazione dell’applicazione gratuita Telegram sul dispositivo mobile (facilissimo),
  • un utile servizio a supporto della preparazione della ricetta: Geonue della startup sarda Nordai che ha realizzato una piattaforma web che permette di avere a disposizione le funzionalità di un sistema informativo territoriale, GIS.
(Telegram / @GeoNueBot)

Preparazione

  1. scaricare l’applicazione Telegram sul dispositivo mobile dal play store o app store.
  2. una volta avviata Telegram cercare @GeoNueBot nell’area di ricerca, e avviare il bot. Si tratta di un’applicazione specifica, dentro Telegram, programmata per creare i contenuti della mappa dal dispositivo mobile.
  3. Una volta dentro @GeoNueBot è possibile visualizzare un pannellino dal quale inviare dei primi comandi che sono già prestabiliti. Cliccando su /maplist appare una serie di mappe sul quale possiamo inserire nostri contenuti: /infomap (base), /infomap2 (nordai), /infomap4 (testirene), /infomap5 (osmmap), /infomap8 (palermo), /infomap10 (patesting). Si tratta di mappe create da altri utenti sulle quali inserire nostri contenuti.
  4. Se noi vogliamo creare una nostra mappa tematica nuova allora dobbiamo inviare il comando /mymap.
  5. @GeoNueBot ci chiederà [Dai un nome alla mappa] e noi battezzeremo la nostra mappa con un titolo breve.
  6. Per usare la mappa dobbiamo inviare il comando /setmap. La mappa creata di default è privata, per renderla pubblica inviare il comando /publicmap. A questo punto la mappa è pubblica. Ma dove si trova la mappa creata, anche se ancora senza contenuti (perché non abbiamo iniziato ancora a mappare)? E’ stata creata una mappa sul servizio http://umap.geonue.com/it/ che è ad oggi la versione italiana del più noto servizio francese http://umap.openstreetmap.fr/it, ormai diffusissima in tutto il mondo come piattaforma web per la georeferenziazione facile di contenuti da parte di chiunque. L’aspetto che più mi piace di questo servizio del bot @geonuebot è che l’utente può creare i contenuti nella mappa dallo smartphone e sempre nello stesso dispositivo visualizzare facilmente la mappa creata perchè lo stesso pannello fornisce l’indirizzo url della mappa online.
  7. Bene siamo arrivati a buon punto, la pietanza comincia a prendere forma e si sente un buon odore di servizio utile in mille situazioni, dalle esigenze di lavoro per mappare velocemente contenuti sui siti fisici alle esigenze di mappare le foto della nostre vacanza, e tanto altro ancora, ma continuiamo. Abbiamo varie opzioni per la “Gestione” della mappa appena creata: /enablemap =attiva mappa, /disabledmap = disattiva mappa, /privatemap = la rende privata, /publicmap= la rende pubblica, /onapproved = attiva procedura approvazione (perchè dopo che ho creato la mappa posso chiedere ad altri utenti di inserire contenuti tematici nella stessa mappa e quindi dopo che l’altro utente ha inserito il contenuto io vedo nella mappa cosa è stato inserito e approvo), /offapproved = disattiva procedura approvazione (se decidiamo di non rendere attivo il servizio di approvazione: ad esempio se ci fidiamo delle persone — che inseriranno i contenuti — alle quali abbiamo chiesto di partecipare alla creazione dei contenuti nella mappa).
  8. Altri comandi da usare per l’approvazione diretta dei contenuti inseriti dagli altri utenti nella mappa da noi creata: /A+numrequest = approva (es: /A001) dove 001 è il numero della segnalazione inviata da un utente nella nostra mappa, generato dall’applicazione (ricordiamoci che siamo amministratori della mappa che abbiamo creato). /R+numrequest = respingi (es: /R001), /S+numrequest = sospendi (es: /S001), /C+numrequest = cancella (es: /C001)
  9. Altri comandi predefiniti che possiamo inviare dal pannellino di controllo di @GeoNueBot come “Opzioni avanzate”: /alerton = attiva avvisi, /alertoff = disattiva avvisi, /webservice = servizi di interoperabilità per consultare e scaricare i dati, /C+[numero segnalazione] = cancella segnalazione (es: /C001), solo se in stato registrata o sospesa

La mappa che abbiamo creata sul browser (su pc) avrà questa veste grafica. Saranno creati automaticamente tre livelli: 1) Approvate, 2) Registrate, 3) Respinte. Questi 3 livelli saranno relativi alle nostre approvazioni o non approvazioni dei contenuti inseriti da altri utenti attraverso il bot @GeoNueBot.

Per fare una prova, a titolo di esempio, una mappa che ho creato io si trova a questo indirizzo web http://umap.geonue.com/it/map/palermo_151 e se la volete settare dal bot telegram @GeoNueBot (per inserire un contenuto) dovete dare il comando /setmap e poi /map_palermo. A questo punto cliccando nell’icona a forma di graffetta potete inserire la localizzazione geografica, ed in questa azione il gps attivato dello smartphone vi aiuterà tantissimo, ma se volete spostare il punto per una maggiore precisione potete operare facilmente nello schermo touch del vostro dispositivo facendo scorrere il dito sul display. Quindi inviate la localizzazione e l’applicazione @GeoNueBot vi chiederà cosa volete inserire in quel punto: testo, foto oppure video. Fate una prova inserendo un qualsiasi testo, foto o video.

A questo punto la ricetta è pronta per essere consumata :-) non resta che #provare per comprenderne l’utilità e gli ambiti di applicazione.

Sensazioni sulla ricetta

L’ampia tipologia di contenuti da inserire in maniera facile e veloce nella mappa (testo, foto, video) apre vasti orizzonti come ambito di applicazione di questo servizio come è facile immaginare. Per questo motivo me ne sono innamorato. Gli usi possono essere senza limiti, tantissimo nei lavori quotidiani che necessitano di raccogliere note, foto,video, in mobilità per poi preparare report esaustivi, all'ambito più ludico per fasce giovani di età.

#Opendata: tutti i dati (testo, foto, video e dati di localizzazione geografica) che inseriamo nella mappa possono essere scaricati dall’indirizzo url della stessa mappa in formato di tipo aperto (geojson, gpx, kml, raw Umap data) per essere successivamente riusati in accordo con il tipo di licenza aperta che decideremo di assegnare alla mappa creata (per questo operiamo più comodamente sul browser da PC).

Con @GeoNueBot ogni utente può realizzare una mappa e può contribuire ad arricchire di punti tutte le mappe create e rese pubbliche, con @GeoNueBot, da altri soggetti.

Personalmente mi sono proposto come tester di @GeoNueBot perchè ho creduto nella validità e utilità di questo servizio.

La mia esperienza utente, sia nella fase di gestione del bot @GeoNueBot, che nella fase di editing della mappa online tramite l’url che mi fornisce l’applicazione, è stata caratterizzata da: 1) semplicità d’uso, 2) facile intuitività, 3) ricchezza di comandi (tutti già predisposti e solo da cliccare con un dito) per la gestione delle singole azioni dentro il bot, 4) velocità nella creazione del contenuto all’interno della mappa, 5) facile possibilità di condividere l’uso del servizio con altri utenti interessati alla mappatura. Se devo dare un voto da 1 a 10 a chi ha progettato il tutto, è un 9+!

(Disclaimer: per la redazione di questo post/tutorial e per lo status che ho di tester dell’applicazione @GeoNueBot dichiaro di non percepire alcun compenso né in danaro né di altro genere dalla società Nordai che gestisce il servizio).