La mia opinione sul Polar M430, una recensione completa

Non sono un super tecnico, è la prima volta che dico la mia online e lo faccio soltanto perché un runner come me (corro da 15 anni), quando ha al polso un orologio come il Polar M430, si sente talmente sicuro di sé da riuscire anche a vincere la timidezza e a scrivere.

Ecco le altre varianti cromatiche.

E’ l’erede evoluto dell’M400, ha un sensore cardio a 6 led, praticamente il doppio degli altri modelli, un segnale GPS rapido e più pignolo di me. Mi sono subito trovato bene con l’interfaccia software e posso programmare l’allenamento; è l’esigenza di tutti i runner, è essenziale quando mi trovo a correre su un percorso non misurabile. Il workout lo programmo e lo sincronizzo via Bluetooth.

Mi associo a coloro che si lamentano per le vibrazioni corte e difficili da percepire, quelle dei lap automatici che si attivano ad ogni chilometro percorso. Forse, nel prossimo aggiornamento firmware, l’azienda finlandese Polar risolverà il problema.

Trovi la scheda tecnica completa a questo indirizzo

Design e Struttura

Esteticamente somiglia parecchio al Polar M400. E’ un orologio leggero (pesa 52 grammi), ha uno spessore di 12 mm ed è molto pratico da indossare. Il cinturino in morbido silicone traforato lascia respirare la pelle e aderisce perfettamente al polso per favorire la rilevazione del battito cardiaco.

La cassa è in acciaio INOX e la costruzione viene completata dal poliuretano. Non è touchscreen, uso il sistema di 5 tasti, cioè 3 sul lato destro della cassa — tra cui quello rosso centrale che ha la funzione principale — 2 su quello sinistro tra cui il pulsante Indietro.

Ha una memoria flash da 8 MB ed è impermeabile, resistente all’acqua fino a 30 metri, quindi adatto al nuoto.

Posso usarlo in piscina e fare la doccia senza doverlo togliere anche per eliminare ogni traccia di sudore.

Display

Lo schermo da 0,81 pollici (chiaro e leggibile anche la sera, al buio) ha una risoluzione di 128 x 128 pixel. Non è touch ma per me non è una grave mancanza. Mi sono abituato subito alla gestione manuale con i 5 tasti. Il sistema manuale è più veloce ed affidabile di qualsiasi touchscreen.

Sensore cardio e GPS

La precisione del sensore cardio a 6 led (il doppio degli altri modelli presenti sul mercato) è una bella sfida per la concorrenza in termini di rilevamento della frequenza cardiaca. La sua affidabilità equivale a quella di una fascia cardio Polar H7.

Per il GPS integrato vale la stessa precisione, simile a quello del Polar V800, il migliore per la geolocalizzazione: deve la sua affidabilità alla tecnologia di previsione satellitare SiRFInstantFix.

Registra al secondo, la velocità di ricezione del segnale va da 5 a 30 secondi, non perdo mai il segnale in nessuna circostanza ed ambiente. Collego il mio Polar M430 al computer una volta alla settimana per scaricare i file contenenti la posizione dei satelliti.

Il GPS ha la modalità a bassa potenza per il risparmio energetico: in questo modo la batteria dura di più (fino a 30 ore circa) e può registrare ogni 60 secondi rilevando velocità, distanza e altitudine anche nei percorsi più lunghi.

Funzioni

Il Polar M430 è il multisport pensato per qualsiasi sport, anche ciclismo e nuoto, essendo impermeabile fino a 30 metri, ma resta un orologio progettato e sviluppato per noi runner.

Mi fornisce fino a 6 pagine di dati personalizzabili riguardanti diversi aspetti dell’allenamento: ogni pagina dispone di 4 campi di dati. Oltre ai dati di allenamento, offre 2 pagine per la frequenza cardiaca ed una pagina che sintetizza i dati di navigazione.

Registra tutte le informazioni importanti per la corsa: durata/distanza, zone di frequenza cardiaca, calorie bruciate, passi, andatura, cadenza, zone di velocità, tipo di allenamento, salita/discesa (espresse in metri), lap automatici e manuali e la qualità del sonno.

Il Running Index calcola lo stato di forma, l’indice di efficienza basato su velocità/frequenza cardiaca, il risultato degli allenamenti. Rispetto al Polar M400, gli algoritmi del sonno sono migliorati grazie alla funzione Polar Sleep Plus.

L’orologio configura e traccia tutti gli sport creando profili personalizzati. Imposto ogni fase di allenamento in base alla durata o alla distanza specificando un mio range di frequenza cardiaca o di velocità: se supero quel range, vengo avvisato da un alert.

Non posso perdermi con il mio Polar M430: la funzione Back to Start supportata da una bussola interna indica la direzione esatta della strada di ritorno seguendo il percorso di andata.

Il cronometro è una valida presenza, invece l’altimetro barometrico è un’assenza che non avverto più di tanto.

A giudicare le mie performance ci pensa il Fitness Test (con stima della VO2 Max, il massimo consumo di ossigeno).

Interfaccia e software

Mi trovo bene con l’interfaccia software Polar Flow, ho la possibilità di programmare l’allenamento, lo programmo e lo sincronizzo via Bluetooth.

Il Running Program è un piano di allenamento personalizzato in base alla distanza di gara prescelta (5 km, 10 km, mezza maratona e maratona completa).

Aggiorno il firmware tramite Bluetooth Smart senza dovermi collegare al PC. L’orologio Polar M430 è personalizzabile grazie a 5 tipologie di quadrante (le ho provate tutte, dall’analogico al digitale).

L’interfaccia Polar Flow mi permette di salvare automaticamente i dati registrati e di consultarli quando voglio. Ricevo Coppe ogni volta che stabilisco un nuovo record; non che me ne importi più di tanto ma è divertente e stimolante.

Grazie a questa interfaccia tengo traccia di tutto (attività, allenamenti, sonno notturno, percorsi) e posso ottenere un’analisi approfondita dei dati di attività e workout.

Mostra anche il carico di lavoro per monitorare i miei limiti ma anche per adeguare l’intensità e la durata dell’allenamento a seconda dei miei obiettivi.

La Polar Flow è disponibile come servizio online, upload da PC a web oppure App mobile gratuita (l’App Flow) compatibile con Android (Google Fit) e iOS (Salute di Apple).

Manca il collegamento Wi-Fi (peccato), quindi, per trasferire i dati, sono costretto ad usare lo smartphone o il cavetto mini USB.

Abbinamento con lo smartphone

Il Polar M430 è, soprattutto, un orologio da runner e non ha la pretesa di essere un vero smartwatch. E’ abbinabile allo smartphone via Bluetooth e riceve le notifiche ma, non essendo a colori, non si presta molto come orologio smart collegato al telefono.

Non posso controllare la musica e, quando voglio consultare i risultati delle prestazioni, uso il PC o il tablet (non ho lo smartwatch).

Autonomia e ricarica

L’autonomia è migliorata rispetto al Polar M400 almeno quanto il lettore ottico. La batteria ricaricabile è da 240 mAh (quella dell’M400 è da 190 mAh) e mi dura circa 7 ore e mezzo di allenamento (mantenendo attivo il GPS con rilevamento ogni secondo ed il sensore cardio).

Se, invece, imposto il GPS ogni 30 secondi mi dura circa 12 ore, se voglio rilevare la posizione ogni minuto arriva a durare fino a 30 ore circa.

Con un uso normale registro 6 ore di corsa: posso farlo durare di più con la modalità a risparmio energetico ma devo, necessariamente, sacrificare un po’ della precisione del GPS.

Sono sicuro che con la modalità ora durerebbe fino a 20 giorni (quello che dichiara Polar) ma non l’ho mai sperimentato. La ricarica completa con il nuovo cavo che sostituisce il vecchio microUSB impiega, mediamente, 2 ore.

Pro

  • Batteria a lunga durata
  • Ottimo sensore cardio a 6 led (con registrazione al secondo)
  • Elevata precisione del segnale GPS
  • Impermeabile
  • Multisport
  • Interfaccia Polar Flow intuitiva e fluida
  • Possibilità di aggiornamento firmware via Bluetooth Smart
  • Fitness test che include la stima VO2 Max
  • Monitoraggio del sonno migliorato

Contro

  • Manca il collegamento Wi-Fi
  • Il display non è touch
  • Assenza di altimetro barometrico
  • Vibrazioni non chiaramente recepibili

I principali concorrenti

Sul ring degli orologi GPS con sensore cardio, il Polar M430 entra in competizione con:

  • Garmin Forerunner 235
  • Polar M600
  • Polar M400
  • TomTom Spark 3
  • Garmin Fenix 3 HR
  • Garmin Vivoactive HR

Scopri gli altri orologi Polar

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.