i Pagani non hanno perseguitato ebrei e cristiani

Nonostante i romani non ebrei ritenessero a ragione che una religione con un solo dio fosse uno squallido appiattimento, gli ebrei erano a pieno titolo cittadini romani e godevano degli stessi diritti e doveri di tutti gli altri cittadini: http://medium.com/@williammasiero/paganesimo-contro-il-nazismo-da6f82515606

Anche nei confronti dei cristiani non c’era intolleranza per motivi religiosi, c’era in alcuni casi un’antipatìa data dal fatto che molti cristiani erano dei delinquenti: http://medium.com/%40williammasiero/un-luogo-comune-abbastanza-diffuso-%C3%A8-che-i-primi-cristiani-fossero-dei-poveri-martiri-mentre-solo-50eada6258a3

Oggi gli estremisti cristiani ci raccontano balle (le hanno raccontate per secoli e continuano raccontarle ancora oggi, alcune delle quali anche nei libri scolastici) su presunte persecuzioni religiose che avrebbero subìto; a riprova che ci fossero delle persecuzioni, loro dicono che nonostante i cristiani erano una minoranza, la percentuale di cristiani nelle galere era molto alta; a me invece questo fatto rafforza l’idea che mi sono fatto e cioè che fra i cristiani c’erano più delinquenti che fra gli altri cittadini romani, per il fatto che erano dei fanatici, talmente esaltati tanto da vantarsi di aver incendiato Roma e per questo furono puniti da Nerone, che è ritenuto a torto un persecutore di cristiani: http://medium.com/%40williammasiero/nerone-non-incendi%C3%B2-roma-e-non-perseguit%C3%B2-i-cristiani-ec0f8f14a9e5

Quali sarebbero le persecuzioni nei confronti dei cristiani da parte di Nerone? La pena prevista per i responsabili di incendio doloso era quella di essere arsi vivi e di essere esposti alle bestie. Quindi è questo che alcuni cristiani hanno subìto. Come mai non furono condannati neppure un decimo dei cristiani della città? Come mai nessun cristiano patrizio (cioè quelli meno fanatici) fu condannato? Come mai nessun cristiano che viveva fuori Roma fu condannato? Come mai Paolo di Tarso non fu neppure inquisito nonostante fosse uno dei capi? La realtà è che furono condannati solo chi fu coinvolto nel processo dell’incendio di Roma. Ma non sono stati bruciati vivi perché credevano in Gesù Cristo ma perché sono stati giudicati colpevoli di aver bruciato Roma. Quindi la persecuzione religiosa non c’entra niente. A riprova che le condanne furono circoscritte c’è anche il fatto che la comunità cristiana si ricostituì in breve tempo. A riprova che non poterono esistere persecuzioni di tipo religioso c’è il fatto che non è stata trovata nessuna legge che condanni il cristianesimo, e oltre a questo, circa 60 anni dopo l’incendio di Roma non era stata ancora fatta nessuna legge contro il cristianesimo e i cristiani ed è provato da un carteggio tra Plinio il Giovane e Traiano. Anche in tempi successivi non ci furono mai grandi persecuzioni nei confronti dei cristiani:http://medium.com/@williammasiero/la-bufala-delle-grandi-persecuzioni-dellimpero-romano-contro-i-cristiani-52cdf313d630

Anche quella dell’imperatore Decio non può essere definita una persecuzione contro i cristiani (né nelle intenzioni, né nei fatti): http://youtube.com/watch?v=EOmStmnNpA4

Le religioni antiche non facevano le guerre di religione, non avevano il concetto di conversione, non facevano le crociate, non avevano gli inquisitori, non dicevano “non avrai altro dio al di fuori di me” e non provavano odio religioso nei confronti delle altre religioni.