Papille — Editoriale

Alcuni inizi sono morbidi: progetti che seguono il naturale corso degli eventi e nascono proprio quando li si aspettava, caldeggiati dallo stesso contesto culturale che, responsabilmente, li ha generati. Si affermano senza intoppi, riecheggiando rassicuranti remix del già detto e del già sentito, sicuramente del già digerito.

(Sean Adams’ Burning Settlers Cabin)

Altri inizi, invece, si manifestano come risposta immunitaria, necessaria e doverosa, a presenti storici alienati, dove ormai tutto risulta indigesto.

Scegliamo quindi volontariamente di abbracciare lo spirito dei salmoni nel risalire questo fiume un po’ rinsecchito e molto inquinato, presentandoci ad agosto, nell’anno più caldo da che meteorite ci colse, per proporre il nostro primo Menù (giacché, si sa, la ristorazione va forte in Italia).

Papille nasce all’improvviso, come irresistibile riflesso condizionato, spasmo urgente figlio del cambiamento climatico, risposta emotiva ai cataclismi naturali e socio-culturali. Oggi, tra incendi di boschi e di opinioni, temperature infernali e inferni mediatici, noi iniziamo a confezionare pasti virtuali, con ingredienti raccolti dalla ricca terra della cultura digitale contemporanea.

I nostri link saranno biologici, a click-bait zero, presi direttamente alla fonte, verificati nei contenuti e impiattati con cura. Consapevoli delle derive hipster salutiste del momento, ci impegniamo fin da subito nell’assicurarvi il più performante dei super-food in commercio: al posto di curcuma, spirulina e bacche di goji, vi proponiamo il meglio della critica sui videogiochi, un medium che, se cucinato con maestria, saprà stupirvi per le sue proprietà organolettiche.

Prima di lasciarvi al menù, però, vogliamo onorare il debito che Papille ha con altre tre realtà di questo nostro presente, tanto accelerato quanto incerto: è anche grazie a Critical Distance, Medusa e Heterotopias se abbiamo scelto di apparecchiare per voi. A loro va la nostra stima, ammirazione e ipersalivazione.

Agosto sarà per noi un mese di rodaggio o, per essere à la page, un soft opening. Se l’esperimento culinario dovesse rivelarsi soddisfacente continueremo a sfamarvi con gioia anche quando le temperature scenderanno sotto i 30 gradi.

Per commenti, ricette da suggerire o ingredienti segreti da segnalare, potete scrivere a: papille@gamehappens.com

Buon appetito!