Papille — Menù #18 del 16/05/2019

Game Happens
May 16 · 7 min read

Oggi in Papille parliamo di Heaven’s Vault, dell’evoluzione del genere dei detective games come Her Story e Return of the Obra Dinn, della prima edizione della conferenza online LudoNarraCon e del modding de Il trenino Thomas nei videogiochi. I secondi sono a base di storie bizzarre: un medico assiduo frequentatore di Casinò, spazzatura spaziale e terrestre, l’installazione vincitrice del Leone d’oro alla Biennale di Venezia e di Ending It di Karina Popp.

Questo menù ha inoltre l’onore di ospitare un annuncio per noi molto importante:

Dall’8 al 10 novembre 2019, Game Happens — il Festival internazionale dedicato all’impatto culturale, politico e sociale dei videogiochi — torna a Genova con una quinta edizione per mostrare gli elementi più innovativi del videogioco indipendente europeo, per mettere in relazione il settore con le altre industrie creative, culturali e tecnologiche.
Il tema 2019 è
Elements of Change.

Se vuoi presentare un progetto a Game Happens (conferenza o exhibition), hai tempo fino al 16 giugno per inviare la tua domanda di partecipazione compilando integralmente questo form → http://bit.ly/gh2019-call
Ulteriori informazioni su Game Happens →
gamehappens.com

Game Happens 2019 è un evento organizzato da Regione Liguria, attraverso la sua società in house Liguria International, con il supporto dell’Associazione culturale Game Happens, e finanziato dal POR FESR Liguria 2014–2020. Con la collaborazione di Società per Cornigliano.


Primi Piatti

Portate dedicate ai giochi (digitali e non) ricche di approfondimenti su critica, game design, arte e sviluppo.

❄️ Heaven’s Vault reinventa il genere dei videogiochi di avventura
Gamasutra, 22 aprile 2019
Una recensione attenta e dettagliata, firmata da Katherine Cross, in cui il mondo di Heaven’s Vault viene analizzato a fondo: a inkle (lo studio indipendente che lo ha progettato e sviluppato) va il merito di aver saputo creare un gioco dalla scrittura grandiosa, degna dei migliori riconoscimenti letterari, che unisce la fantascienza al fantasy senza mai cadere in alcun cliché, e di averla cucita addosso a una meccanica capace di regalare a chi gioca lo stesso brivido della scoperta provato dalla protagonista, un’archeologa alle prese con le traduzioni di una lingua antica.
Articolo in inglese

Heven’s Vault (inkle 2019)

Heaven’s Vault premia il replay costringendoti a verificare la teoria che stai investigando
Polygon, 13 maggio 2019
Heaven’s Vault presenta una caratteristica rara quanto preziosa: integra le meccaniche fondamentali del medium (in questo caso la rigiocabilità di un titolo) nella storia che racconta, trasformando le limitazioni del mondo reale in espressioni di gioco. Gli abitanti di questo mondo credono che a governare le sorti dell’Universo sia un tempo ricorsivo (il “Loop”): “ciò che è successo prima succederà di nuovo”, le anime scorrono nel fiume dell’esistenza e si reincarnano vita dopo vita. Finiti i titoli di coda starà a chi gioca testare la veridicità di questa teoria, vestendo nuovamente i panni della protagonista, scegliendo ramificazioni di dialogo simili —ma sottilmente diverse, collezionando artefatti identici —ma con iscrizioni più complesse.
Articolo in inglese

Il genio narrativo sta nell’aver saputo legare insieme ogni partita e nell’aver reso ciascuna di queste un capitolo di una storia coerente, se presa integralmente. È quasi inquietante.
—Katherine Cross


L’evoluzione del genere dei detective games
Wireframe, Issue 13, maggio 2019
Una nuova generazione di sviluppatori sta rinnovando il genere dei detective games. In netto contrasto con titoli come L.A. Noire, infatti, Sam Barlow (Her Story, 2015) e Lucas Pope (Return of the Obra Dinn, 2019) hanno entrambi scelto di limitare fortemente, o addirittura eliminare del tutto, lo spazio esplorabile nel gioco, forzando le indagini verso una ricerca meticolosa, e quasi di archivio, che premia il ragionamento deduttivo e la classificazione precisa delle informazioni a disposizione.
Il magazine è disponibile gratuitamente al link fornito in formato pdf.
Articolo in inglese


Perché le persone inseriscono il modello de Il trenino Thomas nei videogiochi
The Face, 9 maggio 2019
Il trenino Thomas (in originale Thomas the Tank Engine & Friends) è la celebre locomotiva blu e rossa dall’aspetto antropomorfo, protagonista della fortunata serie inglese di cartoni animati per bambini andata in onda a partire dagli anni Ottanta, e attualmente proprietà di Mattel. Negli ultimi anni, però, il Trenino è tornato al centro degli schermi, cambiando medium, e diventando uno dei modelli più gettonati con cui sostituire draghi in The Elder Scrolls V: Skyrim, automobili in Grand Theft Auto V e zombie in Resident Evil 2, solo per citarne alcuni. Ripercorrendo la storia delle locomotive più celebri, a partire da quella dei fratelli Lumiere, questo articolo mette in luce le ragioni meno ovvie che possono spingere a realizzare il modding in questione.
Articolo in inglese

Esempio di modding del trenino Thomas in Resident Evil 2

La prima convention di videogiochi ospitata integralmente su Steam
Kotaku, 10 maggio 2019
Tra il 10 e il 13 maggio si è svolta interamente online la prima edizione di LudoNarraCon, una conferenza curata e organizzata dall’etichetta di pubblicazione australiana Fellow Traveller e ospitata dalla piattaforma Steam. Nell’arco di tre giorni, un selezionato gruppo di sviluppatori indipendenti da tutto il mondo ha presentato le demo dei rispettivi giochi narrativi e ha risposto alle domande o alle curiosità dei partecipanti alla conferenza. L’idea, nata come risposta ai costi proibitivi che sviluppatori e partecipanti devono sostenere per viaggiare verso le sedi delle convention più importanti del settore (che si svolgono tipicamente su suolo nord americano), è stata accolta con interesse dalla comunità, e Fellow Traveller sembra far intendere che l’esperimento potrebbe essere presto ripetuto.
Su YouTube sono ora disponibili alcuni video registrati durante la conferenza.
Articolo e informazioni in inglese


Secondi Piatti

Una selezione di pietanze per soddisfare gli appetiti culturali più vari, dal cinema alla letteratura, passando per l’architettura, le scienze sociali e la fotografia.

Il professore che ha sconfitto le roulette
the Hustle, 11 maggio 2019
Questa è la storia del dottor Richard Jarecki, medico di grande fama, detentore di uno dei dodici premi mai assegnati al mondo per la cooperazione pacifica e internazionale negli studi di medicina e capace di battere le roulette dei Casinò di tutta Europa, vincendo il corrispettivo odierno di circa otto milioni di dollari tra il 1964 e il 1969. Senza mai barare.
Articolo in inglese

Jarecki al Casinò di Sanremo

La storia curiosa della spazzatura: da quella spaziale a quella organica
Wired, 14 maggio 2019
Al momento sulla luna ci sono, stando ai dati forniti dalla NASA, circa duecento tonnellate di spazzatura abbandonata, tra cui: 96 sacchetti di urina e vomito, 3 vecchi stivali, asciugamani, zaini e salviette umidificate. Data l’atmosfera lunare, si calcola che i nostri rifiuti impiegheranno dal milione ai cento milioni di anni per essere smaltiti “naturalmente”.
Un approfondimento utile per riflettere sull’incessante produzione di rifiuti di cui siamo responsabili, sulle soluzioni adottate per smaltirli e sulla pericolosità del comportamento pigro e incosciente che assumiamo nel tentativo di minimizzare o addirittura ignorare la gravità del problema.
Articolo in inglese


È difficile creare pezzi d’arte sui cambiamenti climatici. Il padiglione lituano alla Biennale di Venezia è un’ottima eccezione
artnet news, 10 maggio 2019
Una spiaggia ricreata artificialmente vede un gruppo di persone dedicarsi ai piccoli gesti tipici della giornata al mare: si leggono riviste, si ascolta la musica, si prende il sole e si gioca con il telefono. Periodicamente, però, in questa particolare spiaggia i bagnanti intoneranno a turno canti dall’antropocene: canzoni, ossia, che trattano dei cambiamenti climatici in corso. Vincitrice del Leone d’oro alla Biennale di Venezia, l’installazione e performance Sun & Sea (Marina), del Padiglione della Lituania, è stata realizzata da tre artiste (Lina Lapelyte, Vaiva Grainyte e Rugile Barzdziukaite) e curata da Lucia Pietroiusti.
Articolo in inglese


Contorni

Bocconcini di gallerie fotografiche, ratatouille di video gustosi e julienne di letture veloci per stuzzicare tutti i sensi.

Il quartiere residenziale Comfort Town, costruito in una delle zone meno desiderabili di Kiev perché povera e densa di “krushchevki” (palazzi in stile Sovietico risalenti al periodo di Krushchev), si è rivelato essere uno dei migliori successi edilizi (stando al numero di unità vendute) fin dalla dichiarazione di indipendenza (24 agosto 1991). (via The Calvert Journal)

Il direttore artistico ucraino Alex Kondakov utilizza Photoshop per creare rivisitazioni artistiche di luoghi quotidiani arricchendoli con la presenza di elementi estratti dall’arte classica o votiva (via Instagram)

Irriverenti, blasfeme, e molto popolari: sono le nuove candele votive in voga al momento negli Stati Uniti d’America e raffigurano celebrità al posto dei Santi. Nelle immagini: David Bowie e Frida Kahlo. (Via Vox)

Dessert

Giochi per tutte le tasche e bonbon offerti dalla casa per sollevare l’umore.

Realizzato per Not A Game Jam, un appuntamento online che invita a creare giochi impossibili, Ending It è una particolare narrativa interattiva realizzata da Karina Popp. Quasi impossibile da giocare, è un breve racconto dal carattere sperimentale ed emotivo in cui ogni movimento del mouse corrisponde a un gesto che segna indelebilmente lo spazio digitale, rendendo a volte difficile la lettura dei paragrafi. Una storia che parla di difficoltà emotive, graffiti e ospedali.
Fino al 28 maggio, è possibile partecipare alla Not A Game Jam.
Testi in inglese


Digestivo

Tweet da bere tutto d’un fiato per facilitare la digestione.


Ovetto sorpresa

Curiosità impreviste.

Cliccami.



Grazie per aver banchettato con noi. Ci rivediamo giovedì prossimo. Se volete inviarci assaggi imperdibili, potete scrivere a: papille@gamehappens.com

Al momento della pubblicazione di questo menù, nella nostra dispensa sono catalogati 525 titoli di videogiochi, sono collezionate 403 fonti, e sono monitorati 1624 account Twitter.


Legenda

🐣 Pulcini: adatto anche a bambine e bambini a partire dai 7 anni
🌶️️ Piccante: contiene note polemiche
🌾 Allergeni: può contenere tracce di…
❄️ Surgelato: scongelato dagli archivi
📅 Agenda: date da segnare

Papille: Una fettina di cultura al limone

Assaggi di cultura digitale portati in tavola dall'associazione Game Happens. Contaminazioni contemporanee pescate fresche per stimolare i palati più esigenti. Per ricevere la newsletter di Papille ogni giovedì: http://eepurl.com/gmM2kr

Game Happens

Written by

Game Happens is a nonprofit cultural association based in Genova (Italy) focused on the impact of games. #gamehappens

Papille: Una fettina di cultura al limone

Assaggi di cultura digitale portati in tavola dall'associazione Game Happens. Contaminazioni contemporanee pescate fresche per stimolare i palati più esigenti. Per ricevere la newsletter di Papille ogni giovedì: http://eepurl.com/gmM2kr

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade