L’abbraccio celeste

In questa immagine, avvicinando lo sguardo, tra il digradare del giallo verso l’azzurro del mattino, si riescono a vedere due puntini, due piccole luci, ma, ingrandendo lo scatto, quest’ultime prendono una forma.

Una sottile falcetta, come un sorriso, disegna la luna e l’altra, che mantiene il suo aspetto rotondo, probabilmente, rappresenta Marte o qualche altro pianeta lontano.

Eppure, nonostante la distanza, i due corpi, in questa mattina tersa, sembrano essere molto vicini; la luna, sorridente, sembra disegnare un abbraccio e il “piccolo” corpo celeste sembra accogliere questo invito ad essere teneramente cullato tra le braccia del nostro vecchio satellite.

Per un istante, nell’attesa della corriera, alzando la testa (gesto non scontato) è stato bello essere testimoni di quel saluto fraterno tra corpi lontani e così diversi, è stato bello immaginare che attraverso quella rappresentazione celeste, le distanze di qualsiasi tipo possono essere abbattute e le differenze, in un abbraccio, possono diventare una grande ricchezza.

#parolediterra #andreagatti #gaf