Tav, la ragione più forte del pregiudizio

Piero Fassino
Aug 2, 2019 · 2 min read

Alla fine la TAV si fa. Non poteva che essere così, stante che tutti i dati obiettivi dimostrano il carattere strategico di quell’opera. Basta ricordare che:

- transita attraverso i valichi con la Francia (Ventimiglia, Frejus, Monte Bianco) il 51% del nostro import-export nell’ Unione Europea;

- l’assenza di infrastrutture ferroviarie adeguate fa sì che oggi quell’enorme flusso di merci viaggi su oltre 3 milioni di Tir, con un impatto ambientale nettamente superiore al trasporto ferroviario;

- l’attuale linea Torino-Lione è del 1871 e, nonostante i successivi adeguamenti, consente soltanto il passaggio di convogli corti, a velocità ridotta, a traffico alternato. Dunque antieconomica.

- non si tratta di una “ferrovia locale”, ma della tratta centrale del “corridoio mediterraneo” che dal confine ungherese/ucraino attraverso l’Europa centrale e la pianura padana approderà in Francia biforcandosi in due rami verso la penisola iberica e verso Benelux e Gran Bretagna.

- per questo l’Unione Europea considera la Tav strategica finanziandola fino al 50% del costo di investimento

- non è vero che si tratta di un progetto “vecchio” (come sostiene 5Stelle) perché il progetto in corso di esecuzione è del tutto nuovo rispetto all’originario ed è stato licenziato nel 2017

- tutte le analisi compiute da istituti di tutela sanitaria e ambientale hanno escluso che esistano rischi sanitari da amianto o da altro (confermato dal fatto che nessun rischio ha prodotto in questi trent’anni lo scavo del tunnel autostradale parallelo alla ferrovia)

- l’opera è finanziata per il 50% dalla Unione Europea e per il 50% da Italia e Francia in quote di importo analogo. Il costo per km è inferiore al costo dei principali valichi europei.

- è un’opera tanto più importante in vista della realizzazione della dorsale di Terzo valico che collegherà Genova al nord Europa e incrocerà la Tav favorendo la creazione a Novara di uno dei più importanti poli logistici europei

Insomma: non c’è un solo argomento razionale che contraddica il carattere strategico dell’opera e il suo carattere di volano di investimenti, applicazioni tecnologiche e lavoro.

Tanto è che l’opposizione pregiudiziale e ideologica non si è imposta e alla fine si è giunti — con un anno di ritardo che poteva essere evitato e con mille contraddizioni della maggioranza di governo — all’unica conclusione logica e razionale: la Tav è utile e si fa.

Piero Fassino Official

Il Blog di Piero Fassino.

Medium is an open platform where 170 million readers come to find insightful and dynamic thinking. Here, expert and undiscovered voices alike dive into the heart of any topic and bring new ideas to the surface. Learn more

Follow the writers, publications, and topics that matter to you, and you’ll see them on your homepage and in your inbox. Explore

If you have a story to tell, knowledge to share, or a perspective to offer — welcome home. It’s easy and free to post your thinking on any topic. Write on Medium

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store