Abbigliamento Vintage: essere cool in maniera low cost

Una delle ultime tendenze della moda a cui si ispirano eclettici stilisti e maison blasonate è sicuramente lo stile vintage. Dai tagli sartoriali alle colorate stampe geometriche, dai preziosi tessuti alle ricercate acconciature retrò, dagli originali accessori ai particolari modelli di scarpe: tutto richiama e ricorda il mondo del passato.

Se la vostra paura è quella di indossare capi demodé e di far scappare corteggiatori e corteggiatrici disgustati dall’odore di naftalina, siete nella direzione sbagliata.

Capispalla bon ton e abiti sopra al ginocchio tornano ad essere i protagonisti indiscussi del guardaroba femminile, occhiali dalle montature maxi e preziosi gioielli regalano fascino ed eleganza ad ogni donna trasformandola in una sofisticata diva del passato. Ad accompagnarla e sedurla, eleganti uomini vestiti in perfetto stile dandy con blazer a check o abiti sui toni del blu e del grigio, immancabili cappelli e scarpe con la suola di cuoio.

Chi di voi non è mai entrato in un negozio di abbigliamento vintage? Pensate di trovare solo cataste di vecchi vestiti usurati e abbandonati da signore annoiate e stanche di rammendarli?

Sono sempre più numerosi, nelle diverse città, i mercatini di ‘second hand’ dove tutti i vintage addicted possono scovare ed acquistare abiti di marca, ancora alla moda, e ad un prezzo d’affare. Con i giusti capi ed accessori potrete donare ai vostri outfit un tocco davvero originale e senza spendere un occhio della testa. Non ci credete? Seguendo qualche semplice consiglio e, soprattutto, dando sfogo al vostro estro creativo, anche voi potrete essere cool in maniera low cost! Essere alla moda non è mai stato così semplice.

Vestire vintage è una questione di dettagli. Ma fate attenzione: i vestiti si comprano, il buon gusto no! Si può però imparare e migliorare.

C’è chi ha un’ottima padronanza delle evoluzioni della storia della moda: conosce la funzione e l’utilizzo di ogni singolo capo di abbigliamento e, di conseguenza, lo sa abilmente abbinare alle giuste scarpe ed accessori. In caso contrario, non perdetevi d’animo. Ispiratevi ad un divo del cinema o ad un’icona hollywoodiana: studiate attentamente i suoi look e reinterpretateli facendo attenzione a non esagerare con stampe e colori, per non essere scambiati per i fratelli o le sorelle segrete di Lady Gaga.

Potete ricreare un look ‘total vintage’ ma, se avete la sensazione di risultare troppo estremi e fuori contesto, una valida alternativa è quella di mixare insieme capi di abbigliamento moderno con qualche accessorio del passato. Fidatevi, funziona sempre!

Iniziate a rovistare negli armadi dei vostri nonni o dei vostri genitori. Potrebbero essere la cassaforte di molti tesori nascosti. Cercate di scoprire e visitare tutti i negozi dell’usato della vostra zona e tuffatevi, tra stand e cestoni, alla disperata ricerca del capo perfetto. Ricordatevi che un oggetto per essere definito vintage deve avere almeno 20 anni. Non per questo, però, deve essere usurato o tenuto male. Dovete scegliere, quindi, con molta attenzione i luoghi dove fare i vostri acquisti e a chi affidare i vostri soldi.

Ecco il mio ultimo consiglio: visitate Mercanteinfiera, dal 1 al 9 ottobre — Parma. Avrete la possibilità di incontrare e conoscere moltissimi espositori di abbigliamento vintage. Lo scorso anno, mi sono lasciato ispirare e guidare dai loro consigli, acquistando capi griffati o di ottima fattura e qualità. I loro stand sono veri e propri musei dove si respira la storia della moda italiana. Ogni singolo pezzo ha una lunga tradizione ed un vissuto da raccontare: avrete la possibilità di portarlo all’interno del vostro guardaroba a prezzi molto convenienti ed accessibili a tutti.

Vestire vintage è una passione che non conosce né sesso né classe sociale. Non segue trend ma cerca solo amatori.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.