il vino sul mare

A Marsala le cantine più antiche sono sul mare. Era più facile: le navi arrivavano annunciandosi con le loro grandi vele bianche, caricavano e partivano. Dal mare arrivava tutto il bene e tutto il male, bonacce e tempeste comprese, una sorta di grande ruota della fortuna, ti poteva capitare di tutto.

Il vino che attraversava il mare era il più prezioso perchè aveva modo di maturare, aveva in sè le storie delle peripezie nautiche passate prima di arrivare nel bicchiere, la sua storia era più ricca. Sapeva di lontane spiagge, del mare che aveva solcato, degli uomini che lo avevano conservato ed accudito in botti prima di essere versato in qualche tavola imbandita, magari su una colonia spagnola, dall’altra parte dell’Atlantico. Oppure su una tavola grezza, a fianco delle carronate pronte a sparare, nell’attesa dello scontro con il “Corso”, Napoleone Bonaparte. Si brindava prima della battaglia, e anche dopo, se si aveva la fortuna di vincere o sopravvivere.

Il vino c’era, tutte le volte.

E’ passato molto tempo da allora e solo poche volte il vino prende il mare, in bottiglia, dentro grandi container da 40 piedi, in pochi giorni a destinazione ovunque nel mondo. Tutto molto più sicuro, tutto assicurato. Raramente accade che una tempesta faccia vibrare le bottiglie dentro i cartoni, al buio, in fondo alla stiva quadra stracolma di container. Non c’è storia e l’aria puzza sempre un pò di sentina.

Peccato. Non vede e non sente il mare nè quando partè nè quando arriva e si è perso qualcosa. Rimase uguale a se stesso, testimone di convivialità, ma nuove storie non ci sono più.

Qui a Marsala è diverso.

Qui le alghe si spiaggiano nella burrasca e l’aria è intrisa di sale quando tira vento. Forse le bottiglie vibrano ancora quando soffia forte. Se ne ricorderà, il vino, appena stappato e versato nel bicchiere dall’altra parte del mondo. Parlerà di mare, oltre che della sua terra. Non lo avrà dimenticato, con il suo carico di avventure, e la sua capacità di rimescolare le carte nella grande ruota della fortuna.

Almeno io ci spero.