Corruzione: i fatti della settimana

Settimana calda segnata da arresti illustri e ottime notizie su temi cruciali come il whistleblowing, la revoca dei vitalizi e non solo (compresa una strana storia sulle salsicce di vitello). Ecco le notizie più importanti della settimana selezionate da noi, per voi:

Calendarizzazione whistleblowing:

Iniziamo dal più importante, quello che ci riguarda più da vicino: il Senato ha calendarizzato la discussione di una legge, già passata alla Camera, per la protezione di coloro che denunciano episodi di corruzione sul posto di lavoro. 
Si tratta di un primo risultato per la campagna #vocidigiustizia, partita poco più di due mesi fa, che mira a ottenere il prima possibile la tutela di chi, denunciando illeciti o ruberie sul lavoro, rischia la carriera, pesanti ritorsioni e minacce.

Altri sei vitalizi revocati:

Un’altra notizia positiva è la revoca di sei vitalizi di ex parlamentari condannati. A oltre un anno dall’abolizione dei vitalizi a deputati e senatori condannati in via definitiva per reati puniti dalla Legge Severino tra cui mafia e corruzione, la lista dei politici rimasti senza pensioni d’oro si allunga. Un ulteriore passo avanti, anche se a scoppio ritardato, per la campagna #stopvitalizio promossa da Riparte il futuro col sostegno di 520.000 italiani.

Arresti a Milano:

La Guardia di Finanza ha arrestato 14 persone nell’ambito di un’inchiesta su malagestione e corruzione di una serie di sub-appalti di opere pubbliche in Lombardia. La moltitudine di reati va dall’associazione alla concorrenza realizzata attraverso minaccia e violenza. 
Le indagini riguardano anche la realizzazione del collegamento tra i terminal 1 e 2 dell’aeroporto di Malpensa

Arresti a Taranto:

Alla Marina militare non si pilotano solo barche, ma anche appalti redditizi. Vari imprenditori e un dipendente del ministero della Difesa sono stati arrestati con accuse di associazione a delinquere e corruzione.
La scoperta è stata possibile perché i fiumi di denaro contante erano tali da essere difficili da nascondere e scambiare, e grazie alla particolare attenzione dei magistrati visto che questa non è la prima inchiesta per tangenti che coinvolge la Marina.

Evasione e paradisi fiscali:

Da questa settimana fare affari con società offshore non avrà più conseguenze. La Legge di Stabilità 2016 cancella la lista nera dei paradisi fiscali, consentendo un commercio libero anche con quelle società internazionali con un’etica a dir poco discutibile. Sembra che lo scandalo “Panama Papers” in terra nostrana abbia avuto un effetto opposto sul fronte della lotta all’evasione e della fuga di capitali.

Corruzione in Sanità:

Raffaele Cantone, Presidente dell’ANAC, non usa mezzi termini parlando della competenza delle Regioni in materia di sanità. “Un disastro aver lasciato alle Regioni la responsabilità a 360 gradi” sostiene Cantone “ in molti casi si è verificato un legame fra sanità, politica e criminalità organizzata, che nasce per esempio dalle considerazioni sugli scioglimenti delle aziende ospedaliere e delle Asl.” 
La soluzione? Maggior trasparenza e controllo in ogni assegnazione di appalti.

Ammonimento del Papa:

“No alla manipolazione, alla corruzione e allo sfruttamento commerciale degli eventi sportivi. Quando le persone lottano per creare una società più giusta e trasparente, collaborano con l’opera di Dio. ” 
Sono le parole di Papa Francesco che ha aperto il primo incontro mondiale dal tema “Sport al servizio dell’umanità” promosso dalle Nazioni Unite, dal Pontificio Consiglio della Cultura e il Comitato Olimpico Internazionale.

Tangenti di salsiccia di vitello

Le varie forme che può assumere la corruzione in questo Paese quasi non ci stupiscono più. L’ultimo caso che ha dell’assurdo riguarda la provincia di Bari: in un intreccio di relazioni amicali tra imprenditori e politici, le tangenti non erano rimborsi qualsiasi, ma avvenivano sotto forma di generi alimentari (principalmente carne e pesce), buffet e viaggi.


Originally published at www.riparteilfuturo.it.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.