Vintage che passione, la parola alle blogger!

I padiglioni che preferisco e in cui passo più tempo durante il Mercanteinfiera sono quelli dedicati al vintage.

Vintage per definizione è: “un oggetto prodotto almeno 20 anni prima del momento attuale e che può essere riferito a secoli passati senza necessariamente essere circoscritto al Ventesimo secolo”.

Adoro passeggiare per i corridoi dedicati al vintage, al modernariato in particolare, forse perché rappresentano un design più democratico rispetto all’antiquariato e perché più vicini a me temporalmente. Vicini ma abbastanza lontani da avere il fascino di una storia che ho solo sentito raccontare, quella dei miei genitori, dei miei nonni soprattutto, gli stessi che mi hanno fatta innamorare dei mercatini. E un oggetto che ha già una storia ti scalda e ti accoglie appena entrato in casa, e discretamente si ambienta, anche con il design più estremo e moderno. 

Dato che parliamo di storia, di condivisione della storia di un oggetto appartenuto ad altri, ho voluto condividere questa mia storia con alcune colleghe blogger, amiche con cui condivido questa smodata passione per l’arredamento, di qualunque epoca e stile…o quasi.

Perciò ecco la loro idea di vintage, che poi è anche la mia:

“Vintage, per me, è perfetto equilibrio tra nostalgia e storia del design da cui trarre ispirazione per nuove avventure progettuali. È il luogo sicuro a cui attingere, è gusto consolidato e legato a un’epoca. Apprezzo il vintage soprattutto quando, come in tanto design italiano e scandinavo, costituisce il punto di partenza per nuove sperimentazioni formali; lo detesto quando cade nella citazione e nella decorazione estranea alla funzione dell’oggetto”. Nora Santonastaso, Design Outfit

“Per me il vintage è “emozione”. L’emozione di viaggiare nel tempo e con la fantasia, pensando alle mille e più storie che possono essere dietro a un oggetto del passato. Insόmma, pura magia per una romanticona come me”. Alessia Forte, Interior Break

“Il Vintage racchiude sensazioni ed emozioni che il nuovo non potrà mai trasmettere. Per me è storia, è calore, è vissuto di chi ha scelto quell’oggetto prima di me e l’ha fatto suo. Ogni arredo Vintage che ho scelto per casa mia mi ha affascinata ,non solo per le sue linee e il suo design, ma anche per la sua storia passata, per la sua ‘vita precedente’, che ho felicemente immaginato osservandolo in ogni suo minimo dettaglio…”. Margherita Succi, Fill your home with love

“Il vintage per me non è un ritorno al passato ma uno strumento per vivere il presente in modo emozionale, declinato anche alla casa. Per me il vintage è carico di fascino perché ci restituisce dal passato non solo oggetti ma soprattutto emozioni e ricordi ad essi legati; mi piace quando è bene inserito in un progetto d’interni , quando riesce a dialogare con il nuovo, quando le sue forme, i materiali e i suoi colori si armonizzano alla perfezione con il contesto presente”. Simona Leoni, Simona elle

“Il vintage è il riassunto di tante storie. Ogni pezzo vintage ha vissuto in una casa, è stato indossato da qualcuno, è stato testimone di amori, discorsi e risate. Avere un pezzo vintage mi rende partecipe di una storia. Il vintage racconta qualcosa che vale la pena di ascoltare per capire chi siamo, cosa siamo stati e cosa diventeremo”. Antonella Piemonte, Blog a cavolo